Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INBOUND MARKETING

Content Marketing: cos’è, come farlo e perché è utile alle aziende

Il processo d’acquisto passa dal Web. Per questo, sempre di più le aziende B2B e B2C utilizzano il Content Marketing per attirare nuovi clienti online, aumentare la brand awareness e l’engagement e accrescere la reputazione. Una guida completa per creare una strategia efficace di lead generation basata su contenuti di valore

01 Ago 2018

Manuela Gianni

Content Marketing: cos’è e a cosa serve

Il Content Marketing viene definito come “una tecnica di marketing volta a creare e distribuire contenuti pertinenti e di valore per attrarre, acquisire e coinvolgere una target audience chiara e definita – con l’obiettivo di guidare i clienti verso una azione redditizia“(fonte: Content Marketing Institute).

È sempre più utilizzato dalle aziende B2C e B2B perchè si è confermato negli anni come una delle soluzioni più efficaci per aumentare la conoscenza e reputazione del brand (brand awareness e brand reputation), creare engagement con i clienti, generare lead e in definitiva aumentare le vendite.

Il vero significato del Content Marketing risiede nell’uso dei contenuti. La nota frase di Bill Gates “Content is King” pronunciata del 1996 è quanto mai valida. I contenuti pubblicati sul Web, se sono di qualità, hanno il potere di accrescere la reputazione online e conferire autorevolezza al brand. È anche importante farsi trovare facilmente: il posizionamento SEO sui motori di ricerca è fondamentale.

Nel B2B, in particolare, il Content Marketing permette di raccogliere contatti qualificati (lead generation) creando e diffondendo contenuti di qualità in grado di educare, ispirare e convincere i potenziali buyer a diventare clienti. I contenuti di qualità sono quelli scritti da esperti che hanno una reale conoscenza dei problemi che incontrano i propri potenziali clienti nel raggiungimento dei loro obiettivi e sanno guidarli verso la risoluzione degli stessi. Questi contenuti creano una relazione di fiducia e permettono di generare lead di qualità pronte per un approccio commerciale. La regola è quella dei latini: do ut des. Un prospect compilerà un form con i suoi dati personali solo in cambio di un contenuto che risponde a una sua forte esigenza.

Va sottolineato, a scanso di equivoci, che i clienti non forniranno i loro contatti per scaricare una brochure o una presentazione power point dei propri prodotti o servizi. Questo non è Content Marketing.

Perché fare Content Marketing

Il Content Marketing è salito alla ribalta perché le tecniche di marketing tradizionale, negli ultimi anni, hanno perso la loro efficacia. Le persone sono letteralmente inondate e bombardate da continui e ripetuti messaggi pubblicitari, che arrivano da piattaforme differenti (banner e mail su computer e cellulari, spot in televisione, schermi per le strade…).

Se questo è evidente nel mondo consumer lo è anche di più nel B2B. Viviamo un vero e proprio sovrastimolo sensoriale, che crea indifferenza perché gli stimoli sono percepiti come pesantemente invasivi. Non solo l’attenzione è calata, ma siamo diventati sempre più bravi a ergere delle “barriere”: pensiamo alle telefonate, sempre più filtrate da centraliniste preparate a filtrarle, o alle soluzioni anti spam e ADV block che si sono diffuse in gran parte delle aziende.

Se un tempo il marketing B2B si poteva fare comprando una lista di contatti a target e chiamandoli al telefono a freddo, oggi questo approccio è superato, e causa solo un enorme dispendio di tempo ed energie nel generare lead, che si rivelano di scadente qualità con bassi volumi di conversione in concrete opportunità. Ne perde anche l’immagine: chiamate di questo tipo danno l’idea di un brand intrusivo.

Secondo uno studio del 2013 di SiriusDecisions, oggi “il 67% del processo di acquisto B2B viene condotto in autonomia online”. Uno studio di Google, conferma che i buyer B2B di tutto il mondo, prima di effettuare un acquisto consultano almeno 12 fonti informative online diverse. La domanda che ogni azienda B2B deve porsi è: come può la mia azienda diventare una di quelle 12 fonti? Sviluppando un piano efficace di Content Marketing.

Le differenze fra Content Marketing B2B e B2C

Le aziende B2B sono quelle che offrono servizi ad altre aziende, mentre nel B2C si rivolgono direttamente al consumatore. Il Content Marketing è utilizzato sempre più da entrambe, ma parlare alle aziende o ai consumatori finali richiede contenuti, linguaggi e forme completamente differenti.

Vediamo le differenze e le similitudini fra Content Marketing B2B e B2C.

Il punto di partenza è sempre la conoscenza del brand, la fase detta di awareness, ma la strategia B2B punta sulla lead generation, ovvero sulla creazione di un numero limitato di contatti utili, cioè con un reale interesse verso i servizi proposti. I piani di contenuti sono spesso veicolati attraverso LinkedIn e si fa largo uso di contenuti “gated”, accessibili previa registrazione. Nel B2B sia l’argomento che il “tone of voice”e del contenuto dovranno essere tecnici e formali. L’obiettivo è da un lato rispondere ai bisogni delle potenziali aziende clienti, e dall’altro accreditarsi come leader di settore.

Anche nel B2C si parte dalla brand awareness, ovvero rendere il pubblico consapevole dell’esistenza del brand, ma i contenuti mirano più all’engagement, a stupire e coinvolgere l’audience, cercando di ottenere condivisioni, commenti ecc. Il Content Marketing B2C è dunque di stampo più emozionale e punta, come ultima parte dell’imbuto, alla conversione, attraverso opportune call to action per attività come l’iscrizione a una newsletter o a un sito, un nuovo like o follower, tutte attività che aiutano a conoscere meglio i clienti e ad aumentare le vendite.

Inbound Marketing e Content Marketing

Utilizzando Internet e i motori di ricerca, il consumatore ha imparato a informarsi in totale autonomia sui prodotti e le aziende, orientando le ricerche in base ai propri interessi ed esigenze. Questo percorso, il nuovo customer journey, inizia con la raccolta di informazioni, prosegue con la valutazione e scelta, e porta il cliente a finalizzare un acquisto, non necessariamente online.

L’Inbound Marketing è incentrato sulla produzione di contenuti che hanno rilevanza per il cliente nel momento in effettua la sua ricerca nel web. Gli approcci sono diversi, dal blogging, alla pubblicazione di articoli, agli eBook, alle guide o alla creazione di video. È un approccio organizzato che ha il fine di trasformare i visitatori anonimi in lead, “nutrendoli” (lead nurturing) fino a farli diventare clienti pronti per l’acquisto. Lungo tutto il percorso (il funnel) l’Inbound fornisce dati utili al marketing.

Anche se i contenuti sono la chiave di volta in entrambi i casi, il Content Marketing è solo un tassello dell’Inbound Marketing, che è una metodologia più ampia in grado di generare risultati positivi al business aziendale, che include attività comunque necessarie: ad esempio, ottimizzare il sito web, puntare sull’e-mail marketing, gestire i social, monitorare i risultati, fare gli A/B test etc. Viceversa, scrivere contenuti e inserirli semplicemente all’interno del sito non è sufficiente a generare contatti.

Come creare una strategia di Content Marketing B2B: 7 passi fondamentali

Qualsiasi contenuto, su qualunque media (video, audio, testo, etc), deve avere uno di questi obiettivi: educare, ispirare, divertire, convincere. Produrre contenuti efficaci è un mestiere complesso e delicato. Per questo è fondamentale elaborare una precisa strategia editoriale, strettamente legata agli obiettivi commerciali e di posizionamento dell’azienda. Le realtà più all’avanguardia hanno già creato un nuovo ruolo, quello del Content Marketing Manager, che è appunto responsabile della strategia dei contenuti.

Affinché la strategia di Content Marketing B2B porti i risultati attesi, ovvero generare lead caldi, sono necessari alcuni passi, qui sintetizzati.

1. Fissa degli obiettivi

Il primo passo è sempre quello di partire dai reali obiettivi di business che si vogliono raggiungere. Quando si tratta di lead generation il tema diventa molto delicato poiché si va a definire un action plan strategico per raggiungere dei reali obiettivi di incremento di fatturato.

Tipicamente, dopo aver già portato a termine diverse campagne di lead generation e di qualifica, si arriva a conoscere le % di riuscita e si è in grado di stabilire il numero di lead approssimativo necessario per raggiungere l’incremento di vendite desiderato.

2. Definisci le tue buyer personas

Per anni il marketing B2B ha segmentato l’audience basandosi sul concetto di target, ovvero descrizione della tipologia di azienda potenzialmente cliente e delle relative figure di interesse al suo interno. Oggi si parla di buyer personas, modelli immaginari che rappresentano le caratteristiche generali del cliente tipo di un’azienda. Sono state ideate per consentire alle aziende di approfondire la comprensione dei propri customer e prospect, al fine anche di personalizzare le strategie di content marketing sui loro specifici desideri ed interessi.

Le buyer personas più efficaci nascono dall’analisi incrociata dei dati forniti da ricerche di mercato, e da sondaggi e interviste ai clienti dell’azienda.

3. Definisci il buyer’s journey di ogni buyer personas

Il buyer’s journey è il processo attraverso cui il compratore passa dall’essere consapevole di avere un problema, a valutare l‘acquisto di un prodotto o servizio, ed infine a compierlo.

In questo percorso è possibile individuare tre fasi, per ognuna delle quali è necessario creare contenuti ad hoc, in modo che il prospect possa intercettare l’acquirente indipendentemente da dove si trovi nell’immediato, e poi guidarlo nelle fasi successive.

Awareness – Fase di consapevolezza: l’acquirente si rende conto di avere un problema o vede/percepisce un’opportunità.

Consideration – Fase di considerazione: l’acquirente definisce il problema e ricerca le opzioni per risolverlo, definisce la tipologia di soluzione che ritiene più adatta per risolverlo.

Decision – Fase decisionale: l’acquirente ha scelto una soluzione e vuole capire chi è il fornitore più qualificato per fornirgliela.

Ancora oggi le aziende, sia che usino canali tradizionali, sia che sfruttino il digitale, si concentrano quasi esclusivamente sull’ultimo stadio, ignorando il semplice concetto che chi ha un determinato problema è già un potenziale cliente.

4. Definisci i contenuti per ogni fase del buyer journey

Terminata l’analisi iniziale bisogna procedere con la definizione dei contenuti offerti in ogni fase del journey dei propri customer, prendendo in considerazione le tipologie di informazioni utili in quel preciso stadio e il miglior formato per erogare quel tipo di informazione.

È fondamentale concepire il Content Marketing come un processo di accompagnamento logico del buyer attraverso il percorso di acquisto. Ogni contenuto deve essere ancorato saldamente all’impianto strategico iniziale, e deve essere declinato tenendo conto del messaggio e del formato che dovrà avere.

Pensando al processo d’acquisto come un imbuto che porta alla conversione (funnel), i contenuti vengono classificati in:

  • TOFU: TOp of the FUnnel
  • MOFU: MIddle of the FUnnel
  • BOFU  BOttom of the FUnnel

5. Pianifica la produzione

Spesso, una delle più grandi barriere al Content Marketing, oltre alla definizione strategica, è l’execution operativa nella produzione dei contenuti. Oggi questo è uno dei principali colli di bottiglia del digital marketing B2B nel nostro Paese, tutti dicono che bisogna farlo ma pochi ancora riescono a metterlo in pratica veramente.

Produrre contenuti di qualità è un mestiere molto complesso da gestire internamente per le aziende e che quindi è spesso necessario avvalersi di risorse esterne specializzate.

6. Definisci i canali di diffusione dei contenuti

Oltre a produrre contenuti di ottima qualità è fondamentale distribuirli nel modo corretto e verso la precisa target audience che si vuole intercettare. Nel B2B la questione diventa ancora più complessa e delicata, rivolgendosi a mercati più ristretti è fondamentale comprendere quali siano i migliori canali per raggiungerli in termini di efficacia ed efficienza.

Mentre Google viene utilizzato principalmente per intercettare le ricerche in un’ottica ‘PULL’, i social media sono molto spesso un ottimo strumento ‘PUSH’. Nel B2B LinkedIn è sempre più utilizzato per la lead generation online: secondo uno studio fatto da Hubspot su più di 5.000 marketer, LinkedIn è risultato essere quasi 3 volte più performante di Facebook e Twitter nel generare traffico qualificato e lead. L’advertising sui canali digitali, cioè investire del budget sulle diverse piattaforme segmentando l’audience di riferimento, sta diventando sempre di più una parte importante della strategia di ogni azienda.

Nel B2B gli editori verticali, specializzati nel proprio settore di riferimento, sono il canale di distribuzione che combina maggiormente authority e segmentazione dell’audience. Bisogna prestare attenzione a scegliere editori innovativi, che puntano sui canali digitali e conoscono l’importanza dell’indicizzazione sui motori di ricerca e dei social media. Per capirlo, è importante chiedere quanto traffico generano le testate e quali parole chiave sono posizionate nelle prime pagine di Google.

7. Fai analisi e ottimizza per ottenere il massimo ROI

La scelta degli argomenti e dei temi definiti deve trovare poi un chiaro riscontro nei dati oggettivi di performance delle campagne. Grazie ai moderni sistemi di Marketing automation, tracking e analytics oggi è ancora più semplice valutare l’efficacia dei contenuti prodotti e comprendere come modificarli al fine di ottimizzare il risultato.

È fondamentale quindi definire in fase iniziale un sistema di analisi preciso e chiaro. Riportiamo qui una tabella con degli esempi di KPI che si potrebbero utilizzare per una campagna:

ottimizzazione-content-marketing

Articolo realizzato con il contributo di Davide Marasco, fondatore di Effettodomino, azienda del gruppo Digital360 specializzata nel supportare la crescita delle aziende attraverso l’inbound marketing e la marketing automation.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Manuela Gianni
Direttore, Digital4Executive

Giornalista, ingegnere, mi occupo da molti anni di innovazione, tecnologie digitali e management. Direttrice sin dalla nascita di Digital4Executive

Articolo 1 di 4