RISK MANAGEMENT

Software di automazione intelligente, come affrontare i problemi della Supply Chain che tengono svegli i CEO di notte

Costruire filiere resilienti al rischio è una delle principali questioni che i Chief Executive Officer stanno discutendo durante i consigli di amministrazione in tutto il mondo. Il tema è divenuto prioritario e la sfida non più limitata a ottenere costi più bassi, tempi di consegna più brevi e una qualità superiore, ma a garantire il futuro stesso del business. L’approccio e le tecnologie SAP che aiutano a farlo

Pubblicato il 27 Nov 2023

Thomas Saueressig

Membro del Consiglio di Amministrazione di SAP SE e SAP Product Engineering

I CEO stanno riconoscendo la necessità di risolvere le interruzioni della Supply Chain in modo integrato, colmando i silos di varie funzioni e andando oltre la gestione delle interruzioni man mano che si verificano. L’obiettivo di tutti è costruire filiere resilienti.

Anche i governi hanno iniziato a ragionare sul tema. Basti ricordare gli ingenti investimenti per “portare a casa le catene di approvvigionamento”: ad esempio, i 43 miliardi di euro nell’UE per i semiconduttori o i 100 miliardi di dollari negli USA per l’energia sostenibile.  Allo stesso tempo, diversificare le Supply Chain e rispettare le nuove normative continua ad aumentare la complessità dello scenario.

Le imprese adottano vari approcci per affrontare queste sfide, ad esempio disaccoppiando le loro catene di fornitura oppure creando inventari costosi per le componenti critiche. Un’altra opzione è il reshoring o nearshoring, che avvicina le relazioni di produzione e di fornitura ai mercati principali, idealmente in Paesi con sistemi politici ed economici simili. Ma tutte queste strategie presentano svantaggi, compreso il costo delle operazioni nei mercati competitivi a livello globale. In SAP, la nostra visione è di aiutare le aziende a costruire filiere resilienti, interconnesse e ottimizzare i flussi di materiale in modo sostenibile con le tecnologie digitali. Crediamo nelle strategie intelligenti per ridurre le incertezze della Supply Chain a lungo termine aiutando i settori a ridefinire le loro operazioni e creando catene del valore più intelligenti, connesse e reattive.

La convergenza della Supply Chain aumenta l’agilità

Le imprese che risolvono le interruzioni della Supply Chain in modo integrato colmano i silos di funzioni diverse, quali approvvigionamento, logistica o produzione. È così che possono davvero mitigare l’impatto all’interno delle loro organizzazioni. I responsabili della Supply Chain devono lavorare di concerto con le altre funzioni aziendali e con il loro ecosistema di fornitori. Anche il piano per la Supply Chain più accurato è privo di significato se i fornitori non sono in grado di rispettare i volumi e i tempi di approvvigionamento. Integrando la pianificazione della Supply Chain, come i piani di domanda e offerta, con la collaborazione per l’approvvigionamento, le aziende manifatturiere dispongono di una leva strategica molto più forte per evitare problemi a valle del processo.

WHITEPAPER
Artificial Intelligence of Things: cos’è, come funziona e quali vantaggi offre
Robotica
Metaverso

In SAP, noi chiamiamo questo approccio, dalla progettazione all’operatività (design to operate). La nostra strategia è quella di collegare profondamente tutte le funzioni rilevanti di una Supply Chain lungo la catena del valore e i processi di business. Superare le quattro mura dell’impresa, entrare nell’ecosistema di fornitori e subfornitori: questo è il modo migliore per affrontare le sfide della Supply Chain e costruire filiere resilienti. Con SAP Integrated Business Planning è possibile identificare rapidamente gli ordini di produzione interessati da un’eventuale interruzione. Gli ordini e i ricavi a rischio sono visibili e possono essere intraprese azioni informate per mitigare eventuali carenze, ad esempio modificando i programmi di produzione.

Il sistema SAP Digital Manufacturing è immediatamente a conoscenza del piano di produzione modificato per i successivi turni e adegua di conseguenza manodopera e risorse. I reparti di logistica di SAP Extended Warehouse Management orchestrano il nuovo flusso di materiali, spostando le materie prime necessarie nella produzione e le attività di manutenzione degli asset vengono ripianificate per aderire alle nuove priorità di produzione. Di conseguenza, i leader della Supply Chain che seguono l’approccio design to operate possono contare su processi molto agili e possono intraprendere rapidamente azioni critiche per affrontare le interruzioni della Supply Chain.

SAP Industry Business Networks: un nuovo paradigma per le filiere resilienti

Interi settori stanno riconoscendo i vantaggi di andare oltre le quattro mura della propria organizzazione. Consideriamo un’azienda automobilistica che indaga sui motori difettosi provenienti da una delle sue linee di produzione e ipotizziamo che sia in grado di risalire al problema non solo relativo a un determinato lotto di componenti di un fornitore, ma con ulteriori analisi, anche alle parti difettose del subfornitore. Invece di dover richiamare migliaia di veicoli, l’impresa avrà bisogno di richiamarne solo alcuni.

Risolvere i problemi in questo modo richiede una mentalità per una collaborazione radicale e una tecnologia per uno scambio di dati efficiente e interaziendale. Catena-X è una rete aperta che consente proprio questo. Garantisce l’interoperabilità attraverso la definizione di norme comuni. La rete non è di proprietà di un’unica impresa e i data provider mantengono la propria sovranità sui dati. Ad esempio, definiscono per quanto tempo e per quale scopo possono essere utilizzati i loro dati. E i consumatori possono fidarsi che i dati provengono da una fonte affidabile.

SAP è uno dei membri fondatori di Catena-X, insieme ad altre cinque aziende. Dal 2020, l’iniziativa è cresciuta fino a comprendere 170 case automobilistiche internazionali, fornitori e aziende IT. Tra di loro ci sono i più grandi brand automobilistici della Germania e molte piccole e medie imprese. Catena-X potrebbe diventare presto lo standard del settore.

Naturalmente, SAP Business Network per il settore automobilistico sostiene Catena-X. Collega facilmente Catena-X all’ampio portafoglio di soluzioni IT per il settore automotive di SAP per tracciare le parti, misurare le emissioni di carbonio e gestire domanda, capacità e qualità. Di recente, SAP ha annunciato la disponibilità di business network per altri settori, tra cui l’high tech, la manifattura industriale, i beni di consumo e le scienze della vita, e molto altro ci aspetta.

L’AI generativa al servizio della pianificazione

Uno strumento chiave per risolvere le sfide legate alla complessità della Supply Chain è l’Intelligenza Artificiale (AI). Anche prima dei recenti progressi pionieristici nei grandi modelli linguistici (LLM) e nell’AI generativa, le nostre soluzioni per la filiere resilienti sono state infuse sia con l’AI “tradizionale” che con quella “avanzata”.

Ad esempio, SAP Integrated Business Planning for Supply Chain crea previsioni della domanda basate su modelli storici della domanda, ma sfrutta anche funzionalità avanzate di apprendimento automatico, per migliorare la domanda di previsione con dati del punto di vendita e ottimizzare la qualità della pianificazione utilizzando i dati anagrafici di autoriparazione e le previsioni del lead time.

In futuro, l’AI generativa consentirà modelli completamente nuovi di funzionalità intelligenti come ad esempio:

  • Facilitare l’interazione uomo-macchina: gli utenti saranno presto in grado di interagire con il sistema in modo molto più naturale tramite il nostro nuovo assistente generativo integrato Joule. Ad esempio, saranno in grado di chiedere quale dei fabbisogni del cliente X per il prodotto Y non è stato ancora soddisfatto in America centrale. Joule fornirà la risposta, combinando in modo intelligente i dati provenienti da vari sistemi e domini perché saranno integrati in tutto il portafoglio aziendale cloud di SAP.
  • Sostenere la creatività: proprio come uno sparring partner, l’AI generativa può aiutare designer, ingegneri e product manager a creare nuove idee di prodotto in un ciclo di innovazione e a ripeterle con SAP Enterprise Product Development.
  • Trasformazione dei dati non strutturati: consideriamo ad esempio l’arrivo di un camion in un magazzino con merci in entrata. L’addetto sa quali merci il carico deve scaricare e questo viene salvato in un sistema SAP. Tuttavia, ciò che è realmente sul camion è scritto su una distinta di carico, spesso in forma cartacea. Rendere questi dati disponibili digitalmente è stato possibile per un bel po’ di tempo ed è noto come riconoscimento ottico dei caratteri (OCR). La novità è che gli strumenti di AI generativa possono ora abbinare la lista di carico non strutturata ai dati strutturati già presenti nel sistema, in un secondo.

Sfruttare l’Intelligenza Artificiale per consentire alle imprese di scalare e gestire le operazioni non sarà più facoltativo e questo aiuterà anche un altro problema, quello della crescente carenza di manodopera che le aziende manifatturiere stanno affrontando. Si stima che mancheranno nel mondo fino a 85 milioni di dipendenti entro il 2030 – approssimativamente la popolazione della Germania! Automatizzando i compiti banali con funzionalità di AI avanzate, colmeremo il divario delle risorse e consentiremo agli esperti di concentrarsi su ciò che conta davvero: prendere decisioni aziendali supportate dai dati.

L’intelligenza umana e artificiale lavorano mano nella mano – è un duetto, non un duello.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Thomas Saueressig
Membro del Consiglio di Amministrazione di SAP SE e SAP Product Engineering

Articolo 1 di 4