Credimi aiuta piccole e piccolissime aziende a realizzare progetti digitali

Servizi innovativi

Credimi aiuta piccole e piccolissime imprese a realizzare progetti digitali per vendere di più

E-Commerce, digital marketing, CRM: le PMI sono ormai consapevoli che la digitalizzazione è una tappa fondamentale del processo di crescita, ma in genere non sanno come fare. Per aiutarle, la Fintech propone un servizio che non solo fornisce un finanziamento, ma mette le aziende in contatto con un’agenzia che le supporta nella realizzazione.

14 Apr 2021

Manuela Gianni

Aiutare la digitalizzazione di aziende piccole e piccolissime, inclusi i singoli professionisti, che per ripartire e crescere hanno urgenza di sviluppare l’e-commerce, di fare digital marketing, di adottare un CRM (Customer Relationship Management). Nasce con questo obiettivo Credimi Commerce, servizio della Fintech Credimi co-fondata dal CEO Ignazio Rocco, che non solo offre accesso a un finanziamento a tasso zero di un progetto digitale, ma aiuta l’azienda a realizzarlo, creando un link con l’agenzia più in linea con le esigenze.

“Ci siamo resi conto che il bisogno di digitalizzazione è impellente, più di quello che ci saremmo immaginati – spiega Ignazio Rocco -. Abbiamo intervistato 1200 aziende con fatturato inferiore a 10 milioni, incluse ditte individuali e società di persone. Emerge una consapevolezza che ci ha un po’ sorpreso: il 70-80 % è già convinta che fare eCommerce e digitalizzarsi sia fondamentale. E’ ormai percepito come una questione di sopravvivenza. Ma tra desiderio di investire e come farlo c’è un grosso gap. Questi imprenditori sono frenati dalla paura di non essere in controllo, di non conoscere la materia. Cerchiamo di aiutarli a superare la diffidenza con un servizio accessibile, semplice ma efficace, che permetta di creare un progetto che è davvero in linea con le esigenze di ciascuno”.

Piccole e micro imprese sono molto diverse dalla tipica PMI italiana, quelle brillanti aziende del made in Italy chiamate anche multinazionali tascabili. Qui parliamo di piccole manifatture, società alimentari, servizi professionali e così via: sono ben 4 milioni di aziende, che a mala pena hanno un sito Internet o un profilo social, e che, rivela lo studio di Credimi, in media investono sul digitale appena 5mila euro l’anno. In genere non sanno come orientarsi in un mondo che si è trasformato, dove la presenza su Amazon o Alibaba, o una campagna Adwords su Google, possono diventare la chiave del successo.

Eppure, dalla survey emerge che per il 43% delle imprese individuali, il 35% delle società di persone e il 30% delle società di capitali italiane la digitalizzazione è ormai percepita come una tappa fondamentale del processo di crescita dell’azienda.

“Non è il finanziamento l’aspetto essenziale – sottolinea Rocco – . Credimi Commerce crea la connessione con agenzie che sono in grado di realizzare gli obiettivi che queste aziende hanno in mente, e quando il progetto prende forma lo finanziamo interamente, in 5 anni a tasso zero, fino a 1 milione. Sappiamo che non basta sviluppare un sito di eCommerce, ma occorre far arrivare i clienti sullo store, creare un catalogo, gestire il servizio e così via. Per questo, non finanziamo l’acquisto di un applicativo, ma un progetto con una certa copertura temporale, e ci aspettiamo che si crei una collaborazione continua: se l’azienda cresce avrà le risorse per farlo”.

Ignazio Rocco, Co-Founder & Cewo, Credimi

Come funziona il finanziamento

Le agenzie selezionate sono Key-One, MODO | We Code Design, Queryo, Six Socks Studio, Sketchin, vtenext, Webidoo, ma aumenteranno: è possibile candidarsi sul sito per partecipare all’iniziativa.

NEWSLETTER
Cashbak, Open Banking e molto altro. Non perdere le notizie della Newsletter di Pagamenti Digitali
Dematerializzazione
Pagamenti Digitali

Il finanziamento è assistito dalla garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI e si richiede online in pochi minuti. L’importo è versato direttamente da Credimi all’agenzia approvata dal cliente. Non è prevista l’applicazione di commissioni o interessi corrispettivi a carico dell’impresa.

In pratica, l’impresa fa richiesta sul sito indicando anche gli obiettivi di crescita che vuole raggiungere attraverso il digitale. Credimi verifica la finanziabilità dell’azienda in tre giorni lavorativi e successivamente seleziona l’agenzia adatta a sviluppare il progetto digitale, mettendola in contatto con l’azienda. Gli specialisti dell’agenzia e l’imprenditore lavoreranno insieme per definire il progetto: quando l’imprenditore lo avrà approvato e avrà sottoscritto il finanziamento, l’agenzia darà il via alla realizzazione.

“Se l’iniziativa avrà successo, aggiungeremo altri servizi, come formazione e l’acquisizione di nuove risorse umane, perché sappiamo che avere in casa le competenze diventa in certi casi necessario”, conclude Rocco.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Manuela Gianni
Direttore, Digital4Executive

Giornalista, ingegnere, mi occupo da molti anni di innovazione, tecnologie digitali e management. Direttrice sin dalla nascita di Digital4Executive

Articolo 1 di 4