Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Eventi

Citrix Synergy 2018: spazio al digital workspace ancora più sicuro

Synergy 2018 è la kermesse organizzata da Citrix, che ha richiamato a Los Angeles oltre 4mila giornalisti, clienti e partner della società di Fort Lauderdale. Si è parlato di digital workspace, di Millennials e di App. Ma soprattutto si è discusso di come garantire una protezione vera del perimetro digitale dell’azienda, per consentire ai suoi dipendenti di sperimentare una nuova produttività con Citrix Workspace e il Cloud

10 Mag 2018

Sin dalle prime battute di Citrix Synergy 2018, l’evento che riunisce a Los Angeles giornalisti, clienti e partner della società di Fort Lauderdale, è stato chiaro che sarebbe stato il digital workspace a rubare la scena.

La trasformazione digitale in atto in azienda, il Cloud sempre più pervasivo e le nuove modalità di Smart Working stanno riscrivendo le abitudini dell’ufficio. «I Millennials – esordisce il CEO, David Henshall – rappresentano già quest’anno la maggior parte della forza lavoro nelle aziende. E sono dei nativi digitali, abituati a usare piattaforme come Slack per lavorare in team. È importantissimo, quindi, svincolare la produttività individuale dagli strumenti tecnologici usati per accedere ai dati e alle applicazioni. Il digital workspace è la risposta».

David Henshall, CEO di Citrix

Cosa è un digital workspace

Ma cosa è un digital workspace? Si tratta di uno spazio di lavoro digitale, ospitato nel Cloud, che permette agli utenti aziendali di accedere in tutta sicurezza a dati e applicazioni da qualsiasi luogo e in ogni momento.

L’attrattività delle aziende si misura sempre più spesso anche sulla base della capacità che hanno di garantire un equilibrio tra vita privata e vita lavorativa, il cosiddetto work-life balance. Fondamentale, per abilitare questi nuovi approcci alla produttività, è un’infrastruttura sicura, che permetta di proteggere tutto il perimetro digitale, ovvero i singoli endpoint. «L’idea – spiega il manager – è di creare quella relazione di fiducia con le tecnologie digitali che permetta di renderle trasparenti, perfettamente integrate all’interno del proprio lavoro e della quotidianità dell’azienda».

Digital workspace e User eXperience fluida per un binomio vincente

E se il digital workspace come concetto è parecchio affascinante, è lecito chiedersi come sia possibile bilanciare sicurezza, performance e User eXperience. «Grazie al Cloud e alle tecnologie di virtualizzazione context-aware – spiega PJ Hough, Senior VP e Chief Product Officer di Citrix – l’esperienza utente è ottimizzata indipendentemente dalla rete o dal dispositivo utilizzato per accedere alle risorse aziendali», in un approccio che il CEO della società definisce “wall-to-wall”. A conferma del fatto che la User eXperience gioca un ruolo chiave nel futuro di Citrix, il CEO ha presentato Citrix Workspace, ovvero «tutto quello che serve all’utente per essere produttivo in un’unica applicazione . Un digital workspace per accedere facilmente alle applicazioni aziendali erogate in Cloud, a quelle web e mobile con la garanzia di operare all’interno di un perimetro digitale protetto».

PJ Hough, Senior VP e Chief Product Officer di Citrix

Come funziona Citrix Workspace

I file immagazzinati centralmente sono sincronizzati in maniera dinamica su tutti i device, per un accesso facile e veloce e assicurare l’editing e l’aggiornamento in tempo reale dei contenuti. Il setup e la configurazione sono semplificati, perché l’interfaccia di Citrix Workspace è erogata sotto forma di servizio cloud. Ecco, quindi, che l’onboarding di un nuovo dipendente e l’aggiunta di un nuovo dispositivo d’accesso alla rete aziendale avvengono con pochi click del mouse.
Citrix Workspace integra funzionalità di behavior analytics (analisi comportamentale) che permettono di generare profili utente personalizzati sulla base delle attività quotidiane dell’utente e dei dispositivi che usa. Sarà, quindi, possibile utilizzare i device personali anche per finalità di lavoro e tradurre in pratica le strategie BYOD senza mettere a rischio l’integrità dei dati aziendali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4