Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Innovazione

Gruppo CMT ed Agenzia delle Entrate: avviata la collaborazione per la fatturazione B2B

il marchio di C.M. Trading, partecipa al progetto di sperimentazione sulla fatturazione elettronica tra privati promosso dall’Agenzia delle Entrate

24 Giu 2016

Immagine fornita da Shutterstock*Gruppo CMT avvia la sperimentazione sulla fatturazione elettronica tra privati nell’ambito del piano di sperimentazione avviato dall’Agenzia delle Entrate.

La sperimentazione che finirà ad ottobre, mira a risolvere le problematiche della fatturazione nel sistema di interscambio SdI, con l’obiettivo di garantire un servizio efficiente ed utilizzabile dalle imprese, dai professionisti e dagli artigiani. L’Agenzia delle Entrate ha avviato il periodo di prova, in attesa del decreto legislativo che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2017, in via non obbligatoria, e che permetterà ai soggetti passivi di IVA di utilizzare la fatturazione elettronica anche nei rapporti con altri operatori e non solo con la pubblica amministrazione.

In particolare, il ruolo del Gruppo CMT all’interno del progetto si esplica nelle seguenti funzioni: gestione degli aspetti tecnologici relativi al caricamento e all’invio dei file, analisi della struttura xml e ritorno degli esiti, fornire piattaforme che siano in grado di coordinare le comunicazioni in modo intelligente e attraverso diversi canali.
Luigi Caruso, Presidente del Gruppo CMT, ha spiegato l’importanza della digitalizzazione come opportunità di sviluppo per l’Italia, segnalando che «All’interno delle imprese – soprattutto PMI – c’è una oggettiva difficoltà ad innovare i propri processi, basti pensare che gli ultimi dati dell’Osservatorio sulla fatturazione elettronica B2B registrano un valore di fatture in formato digitale pari a poco meno del 10% degli scambi complessivi. Per questo è necessario fornire soluzioni in grado di aiutare le imprese nel passaggio dalla carta al digitale».

Articolo 1 di 5