Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Digital Store

Samsung District: la “showroom experience” rivista in chiave più smart

La casa di Samsung Electronics Italia si rinnova con un’area esperienziale nel palazzo di via Mike Bongiorno, a Milano. Tecnologie visibili e invisibili si dipanano in un percorso progettato per contestualizzare un infotainment di ultima generazione, capace di mixare ingaggio, interazione e ispirazione

12 Mag 2017

Laura Zanotti

Ambiente fortemente evocativo, caratterizzato da un originale interpretazione tecnologica che crea veri e propri ecosistemi progettati per essere touch point della relazione e del business, il nuovo showroom B2B si trova al primo piano del flagship palace milanese di Samsung Italia e include diversie aree interattive.

Digital Store, Enterprise, Entertainment, Hospitality e Transportation, infatti, sono capitoli di un itinerario a valore aggiunto in cui Visual Display, Mobile e Printing vengono declinati in vari scenari e contesti d’uso per rispondere a tutta la gamma possibile di esigenze operative e funzionali che caratterizzano la comunicazione odierna, che mixa strategie on line e off line per far convergere informazioni ed emozioni in un’unica soluzione di continuità.

Parola d’ordine: ProgettAzione e InformAzione

In una suggestiva cornice metropolitana che dalle finestre mostra un inedito skyline milanese, il B2B Showroom è un concetto architettonico singolare, a partire dalla porta d’ingresso che, grazie all’innovazione delle superfici capacitive, è essa stessa display.

Oltre a una business room per incontri e riunioni, equipaggiata di soluzioni di smart printing e e-board interattive di ultima generazione per la collaboration, lo spazio è suddiviso attraverso un gioco di installazioni e corner che alternano le prospettive d’ambiente reale a quelle più tecnologiche costruite attraverso le varie installazioni consacrate allo Smart Signage: Magic Mirror, Stretch display, monitor curvi, videowall, totem interattivi, tavoli intelligenti, tablet e sensori integrati.

Ogni prodotto, infatti, è combinato a un’intelligenza di tipo gestionale che permette di cortocircuitare l’informazione e la comunicazione a livello di back end e di front end attraverso format innovativi e concept interattivi che coniugano design e semplicità, eleganza e funzionalità.

“Il Samsung B2B Showroom non è concepito come una mera esposizione di prodotti – spiega Martino Mombrini, Direttore Marketing Divisione Information Technology di Samsung Italia -, ma è stato progettato con l’obiettivo di contestualizzare le soluzioni in uno scenario di utilizzo. Le aziende in visita possono quindi farsi un’idea di come sarebbe una sala meeting attrezzata per la collaboration o che effetto farebbe un artwall in reception; oppure che tipo di soluzioni di digital signage possono essere installate nei propri negozi, quale tipo di contenuti si possono far girare e come organizzare i palinsesti in poche semplici mosse o, ancora, come sfruttare la tecnologia VR e le potenzialità del mobile a favore del proprio business”.

Smart signage: a ciascuno il suo

Lo Smart Signage rivisitato da Samsung include schermi di grande formato o piccolissimo formato che possono raccontare prodotti e servizi attivandosi nel momento in cui “sentono” l’approssimarsi dell’utente. L’offerta è davvero ampia: dalle misure poco convenzionali come gli schermi lunghi e stretti che possono essere incastonati in spazi anche molto ridotti alle etichette elettroniche con aggiornamento in tempo reale dei prezzi e delle promozioni fino ai display a specchio, soluzioni estetiche di grande impatto, particolarmente apprezzate nel mondo della moda perché consentono un infotaiment diversificato, tra cui azioni di crosselling e upselling mirate.

Un’altra area interessante è quella dei banconi cassa sublimati all’interno di tavoli digitali interattivi, che trasformano un banale oggetto di arredamento in un prezioso strumento di vendita, connettendo la tecnologia con il registratore di cassa in modo che il cliente può poi ultimare lo shopping e chiudere il suo percorso d’acquisto.

Altre combinazioni interessanti sono quelle per il mondo dell’Horeca dove i tablet diventano vettori di comunicazione e ordinazione, permettendo ai clienti di scegliere le proprie opzioni, includendo la risoluzione del procedimento di ordine e pagamento semplificato tramite dispositivi mobili.

Per il mondo dell’hospitality i display non sono solo televisori presenti nelle stanze ma strumenti di comunicazione che permettono di entrare in contatto con tutti i servizi dell’hotel e consentire agli ospiti di prenotare il ristorante, la spa oltre ad avere in tempo reale informazioni sulle condizioni meteo o sugli eventi legati a meeting, eventi e convention.

Tecnologie per ogni contesto

Il Samsung B2B Showroom ospita tablet, smartphone, e tutta una serie di sensori che permettono un’interazione tecnologica precisa, riconoscendo la persona in modo da far partire una particolare comunicazione, veicolata attraverso lo schermo. Il valore aggiunto delle soluzioni Samsung, infatti, è quello di legare la tecnologia a una piattaforma (Magic Info) che gestisce i contenuti anche da remoto in modo invisibile all’utente ma estremamente puntuale grazie a sistemi di prossimità evoluti.

“Abbiamo realizzato quest’area per metterla a disposizione di tutte le parti coinvolte – conclude Mombrini -: i nostri clienti finali ma anche la nostra forza vendita che qui può venire ad imparare gli ultimissimi prodotti proposti al mercato, così come i rivenditori che in questo modo hanno a disposizione un ambiente in cui per far provare alle aziende finali i prodotti in un contesto ideale. L’area può essere prenotata ed è una risorsa che come Samsung mettiamo a disposizione per conoscere e imparare a a usare queste tecnologie”.

Articolo 1 di 5