GUIDE E HOW-TO

Digital Out Of Home e FOOH: le nuove frontiere dell’affissione

Dinamismo, interattività e precisione nel targeting sono le caratteristiche che rendono questi strumenti particolarmente amati dai brand desiderosi di distinguersi nel panorama pubblicitario. Nella variante Fake Out Of Home la digitalizzazione degli asset viene spinta al suo limite estremo attraverso AI e Computer-Generated Imagery

Pubblicato il 07 Mar 2024

Digital out of home

Secondo l’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano, il mercato del Digital Out Of Home valeva già ben 108 milioni di euro a fine 2022, in forte crescita (+72%) rispetto al 2021 e con una prospettiva di ulteriore incremento (+25%) nel 2023. Vedremo se i dati saranno confermati al rilascio del nuovo dossier 2024 ma, nel mentre, possiamo prendere atto di come, ormai, questa versione digitalizzata di affissioni e volantinaggio cubi circa il 30% di tutto l’OOH (Out Of Home).

digital out of home

Cos’è il Digital Out Of Home

Il DOOH sta emergendo come una componente essenziale nelle strategie di Marketing moderne, offrendo un modo innovativo per coinvolgere il pubblico e creare un’esperienza utente davvero immersiva senza, però, la necessità di complesse installazioni fisiche.

Il Digital Out Of Home si riferisce, infatti, all’utilizzo di schermi digitali per diffondere contenuti pubblicitari in ambienti esterni o luoghi pubblici. Questi schermi possono assumere varie forme, come billboard (cartelloni pubblicitari) digitali, pannelli nei trasporti pubblici, totem interattivi in centri commerciali e molto altro. Ciò consente alle aziende di raggiungere il proprio pubblico target in contesti fisici tramite strumenti digitali, ampliando notevolmente la visibilità del marchio e con in più la possibilità di personalizzare e modificare in tempo reale le creatività.

Il DOOH non significa solo sostituire un cartellone cartaceo con uno schermo TV su cui riprodurre la stessa immagine statica che si sarebbe andati a stampare, nossignori. Oggi, le potenzialità fornite dalla tecnologia sono (quasi) infinite. La capacità del DOOH di integrare dinamismo, interattività e precisione nel targeting lo rende uno strumento potente per le aziende desiderose di distinguersi in un panorama pubblicitario molto competitivo, dove l’ottimizzazione costante è la chiave, unita alla difficoltà crescente di catturare l’attenzione di un pubblico always-on, sempre più consapevole ma anche disattento.

Vantaggi del DOOH per i marketer

Ottimizzare costi e risorse, intercettare e incuriosire gli utenti, riuscire a ottenere il famigerato “effetto wow”… ecco alcuni dei principali vantaggi del Digital Out Of Home rispetto a forme pubblicitarie più tradizionali.

  • Dinamismo e interattività: a differenza della pubblicità statica tradizionale, il DOOH permette la trasmissione di contenuti dinamici e interattivi, che possono essere aggiornati in tempo reale consentendo alle aziende di rispondere prontamente alle tendenze di mercato e alle situazioni contingenti;
  • Targeting preciso: grazie alla tecnologia di geolocalizzazione e all’analisi dei dati, i marchi possono personalizzare i messaggi in base alla posizione e al comportamento del pubblico, ottimizzando così l’efficacia delle campagne pubblicitarie;
  • Maggior visibilità: la presenza di schermi digitali in luoghi strategici garantisce una visibilità superiore rispetto alle tradizionali forme di pubblicità. Gli annunci DOOH possono catturare l’attenzione di un vasto pubblico, contribuendo a incrementare la consapevolezza del marchio;
  • Misurabilità e analisi dei dati: il DOOH consente un’analisi accurata delle metriche di performance. Le aziende possono monitorare l’efficacia delle loro campagne, ottenendo dati preziosi per ottimizzare futuri sforzi pubblicitari;
  • Ritorno d’immagine legato ai temi della sostenibilità: con l’aumentare della consapevolezza sulla sostenibilità, aziende e consumatori si concentrano sempre di più su metodi per ridurre l’impatto ambientale. Le imprese interessate a promuovere iniziative ecologiche possono sfruttare la pubblicità DOOH, grazie all’uso di energie pulite come i pannelli solari, gli schermi a LED e, in generale, grazie a un minore spreco di carta, gadget e altri elementi “usa-e-getta”, come i classici volantini e imballaggi fisici.

FOOH, evoluzione dell’out of home “oltre il reale”

La nuova tendenza che sta attirando l’attenzione degli operatori di settore e sta sollevando domande sul confine tra reale e irreale si chiama Fake Out-of-Home (abbreviato in FOOH). La pubblicità FOOH è un tipo di promozione esterna che sfrutta tecnologie all’avanguardia, principalmente Computer-Generated Imagery (CGI), per creare immagini realistiche di personaggi, oggetti o dettagli ambientali che non sono mai esistiti nel mondo reale. Questi annunci immersivi sono progettati per catturare l’attenzione, suscitare coinvolgimento e generare un notevole buzz sui social media.

Ciò che distingue il FOOH dal “cugino” DOOH è la sua natura iper-realistica: questi annunci utilizzano tecniche di realtà aumentata e computer-grafica per creare contenuti digitali che possono facilmente essere scambiati per autentiche esperienze del mondo reale. Ologrammi, simulacri di prodotti o persone, che non sono davvero lì… anche se li vedi e potresti pensare di poterli toccare.

Che si tratti di una finta aurora boreale proiettata nel cielo di una metropoli, di una gigantesca bottiglia di bibita su una spiaggia assolata, di una pioggia di coriandoli rosa virtuali per promuovere un nuovo make-up… gli annunci FOOH hanno il potere di stupire e catturare gli spettatori.

L’attrattiva è proprio questa: la sua capacità di creare un legame emotivo con il pubblico, portandolo in un mondo onirico, immaginario, trasportando gli utenti in destinazioni lontane o immergendoli in mondi fantastici. Questa risonanza emotiva spesso si traduce in un aumento dell’engagement del marchio, favorendo una connessione più profonda tra i consumatori e i prodotti o servizi pubblicizzati, aumentando esponenzialmente l’awareness mediatica e gli UGC (User Generated Content) condivisi sui Social.

Tutto bello, ma dov’è il confine?  Sebbene la pubblicità FOOH offra una nuova e entusiasmante frontiera nel mondo del Marketing, in effetti, non è priva di zone d’ombra e potenziali inconvenienti. La sottile linea tra realtà e illusione può essere ingannevole, e i consumatori potrebbero essere lasciati a interrogarsi sull’autenticità di ciò che vedono.

Il ruolo dell’Intelligenza Artificiale

Dato che ormai ce lo domandiamo per ogni aspetto della nostra vita di marketer, anche qui viene da chiedersi: e l’Intelligenza Artificiale, che ruolo ha in questi nuovi paradigmi di promozione?

L’AI può essere estremamente utile nella creazione di campagne di Digital Out of Home e Fake Out of Home perché lavora in cooperazione con la CGI: l’integrazione di queste due tecnologie può portare a campagne pubblicitarie più dinamiche, personalizzate ed efficaci.

In senso tecnico, perché l’utilizzo combinato di CGI e AI può portare, ad esempio, a una resa grafica ancora più realistica nei contenuti FOOH. L’AI può contribuire a migliorare dettagli come movimenti naturali, espressioni facciali e adattamenti in tempo reale, rendendo gli elementi CGI ancora più difficili da distinguere dalla realtà, con buona pace dei dubbi etici di cui sopra.

Ma anche in ottica di personalizzazione, perché è possibile, tramite gli algoritmi di AI, andare ad adattare di continuo (e in tempo reale) le creazioni ottenute tramite CGI al contesto fisico: alle condizioni meteo in corso, ai dati socio-demografici della zona della città, alle performance stesse della campagna con soggetti diversi in orari o giorni della settimana diversi etc…

Esempi di DOOH nel mondo

Ma quali marchi stanno già sfruttando il potenziale innovativo di queste tecnologie pubblicitarie?

Un bell’esempio è quanto avvenuto alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi 2021 a Tokyo, dove il cielo notturno è diventato un immenso schermo su cui “proiettare” immagini evocative in movimento grazie a una flotta di droni, in una evoluzione del DOOH definita skyvertising.

Un brand capace di innovare costantemente è Spotify: il colosso musicale nord-europeo già da qualche anno rende ancora più speciale il proprio wrapped – il momento di fine anno in cui ciascun utente riceve un sunto personalizzato delle proprie preferenze d’ascolto, da condividere sui Social – consentendone la condivisione con un semplice click anche su enormi schermi presenti in alcune delle piazze più belle del mondo a Los Angeles, Londra e New York.

Infine, per la promozione del film-evento 2023, ossia Barbie, un’attivazione davvero strepitosa è stata realizzata a Dubai: un’enorme bambola digitale, una Barbie storica con l’iconico costume a righe bianche e nere anni Cinquanta è stata virtualmente “installata” di fronte al Burj Khalifa e fatta camminare fuori dalla propria scatola.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4