Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Interviste

Intervista a Enrico Gasperini, fondatore e Venture Partner di Digital Magics

Il Gruppo Digital Magics nasce nel 2004 per iniziativa di Enrico Gasperini, imprenditore pioniere in Italia nello sviluppo di nuovi modelli di marketing e…

07 Giu 2011

Il Gruppo Digital Magics nasce nel 2004 per iniziativa di Enrico
Gasperini, imprenditore pioniere in Italia nello sviluppo di
nuovi modelli di marketing e comunicazione applicati ai media
digitali, da sempre impegnato nella diffusione della cultura
dell’online. Laureato in Scienze dell’Informazione
con una specializzazione in Computer Science, Gasperini inizia
già negli anni 80 la sua attività imprenditoriale nel mondo del
digitale e nel 1988 fonda Inferentia che pochi anni dopo diventa
la prima new media agency in Italia, specializzata
nell’offerta di servizi di marketing e comunicazione per
l’online advertising, realizzando progetti innovativi
riconosciuti a livello internazionale e quotandosi in Borsa nel
2000.

Nel ruolo attuale di Venture Partner di Digital Magics, Gasperini
si occupa di sviluppare e finanziare nuove iniziative nel mercato
digitale, con partner industriali e finanziari. Le start up del
network sono specializzate nella nuova comunicazione e nella
produzione e distribuzione di contenuti interattivi, formati
originali e advertising per le piattaforme digitali: Broadband,
Mobile, i-TV.

«Nel nostro Paese siamo all’emergenza in
quanto a ritardo sull’innovazione
– esordisce
Gasperini – rischiando di non cogliere l’unica opportunità
per superare la crisi e per creare nuovi posti di lavoro».
Per sviluppare l’imprenditorialità serve dunque un impegno
collettivo, per mettere a fattor comune, in modo strutturato, il
contributo di ogni attore rilevante del sistema di valore sia
privato che pubblico: è necessario cioè
«coordinare idee, persone, capitali, partner, università,
istituzioni, per aggredire un mercato che è per definizione
globale
». A partire dallo Stato e dalle
istituzioni finanziarie: «condizioni più favorevoli, dalla
burocrazia alle tasse, per la nascita di nuove imprese;
condizioni di accesso privilegiato al credito e alle commesse
pubbliche, sostegno alla nascita di operatori finanziari di
venture capital e private equity».

Secondo Gasperini, oggi abbiamo condizioni e opportunità
di farlo almeno nell’industria di Internet
, che è
ripartita per l’impulso finanziario degli USA . E dove i
gruppi industriali nei settori tradizionali, che devono
necessariamente innovare con l’arrivo dei mercati digitali,
possono finanziare e trarre grandi benefici dallo sviluppo di un
ambiente locale favorevole all’accelerazione.

Insomma occorre una vera e propria agenda digitale, da
realizzarsi con la massima priorità. E in assenza di risorse
centrali o di fondi occorre attivare policy che incentivino la
cooperazione e il network tra gli attori. «Nella nostra
esperienza di startupper, ad esempio, la politica di
networking ha determinato la nascita di un ambiente favorevole di
investimento
, dove nel corso dell’ultimo
quinquennio Digital Magics ha contribuito ad avviare 25 start up
investendo circa 15 milioni di capitale proprio o di terzi,
inclusi i proventi derivati dalle cessioni». Fra i
finanziatori delle aziende ci sono primari gruppi industriali e
finanziari, nonchè numerosi business angel».

Le start up del network Digital Magics ad oggi presidiano le
principali aree del mercato online italiano. Dalle piattaforme di
online advertising, al publishing, ai servizi di marketing al
commercio elettronico. Tra le principali: 4WMarketplace, Bibop,
Digital Bees, Easy Baby, LiveXtention, Red – NessunoTV,
SingRing, SportXtention, Telecom Design e TheBlogTV.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
innovazione
V
venture capital

Articolo 1 di 5