ConnectHub, Thun: «Coniugando fisico e digitale supportiamo l’omni-commerce»

Videointervista

ConnectHub, Simon Thun: «Coniugando fisico e digitale supportiamo i retailer con l’omni-commerce»

L’omni-commerce consente di creare un’esperienza unica e personalizzata per i clienti in ogni momento e in ogni luogo. La visione di Simon Thun, Vice President di Connecthub, raccontata in occasione del ConnectHub Innovation Summit

27 Nov 2019

Paola Capoferro

Il successo delle imprese che popolano il mondo del Retail dipende dalla loro capacità di creare per i clienti un’esperienza d’acquisto unica e personalizzata, in ogni momento e in ogni luogo. Ne abbiamo parlato in occasione dell’evento Connecthub Innovation Summit con Simon Thun, Vice President di ConnectHub, il full enabler omnichannel digitale e logistico, che supporta le aziende nel processo di digitalizzazione

«Per il secondo anno consecutivo abbiamo deciso di organizzare il ConnectHub Innovation Summit con l’idea di creare un’occasione di incontro e di condivisione delle esperienze più interessanti del mondo retail – ha detto Thun -. L’evento è costruito in ottica di innovazione, ponendo il consumatore e le sue esigenze al centro. Il connubio tra digitale e fisico l’abbiamo coniugato nella parola “omni-commerce”, da un lato nell’ottica di dare evidenza, comprendere ed esplorare le direzioni che tutti i retailer devono intraprendere per rispondere alle nuove esigenze dei consumatori, che richiedono esperienze d’acquisto più coinvolgenti e customizzate, e dall’altro di capire come le organizzazioni si devono strutturare per dare il servizio nel modo migliore».

Simon Thun

Vice President, ConnectHub

In che modo ConnectHub supporta la digitalizzazione dell’azienda?

«ConnectHub nasce con due anime, una digitale e una logistica, con la volontà di accompagnare le aziende nel percorso di evoluzione digitale, che fa leva su diverse dimensioni: persone, formazione e le tecnologie.  Proponiamo soluzioni ed eccellenze operative come quella nell’ambito della logistica, sapendo che è l’anima pulsante dietro ad ogni servizio che va erogato al consumatore, che sia un prodotto sul punto vendita o venduto tramite e-commerce: in estrema sintesi possiamo dire che è il passaggio conclusivo che chiude il cerchio dell’omnicanalità», ha ribadito Thun.

ConnectHub è nata a Mantova nel 2017, mettendo a frutto l’esperienza decennale di Thun Logistics: «L’obiettivo era creare un polo unico nato dalla fusione di Thun Logistics con due startup tecnologiche – MBO Consulting e Fast Applications -, per mettere a fattor comune le competenze e fornire soluzioni complete e integrate per la crescita del business».

Che valore hanno oggi i dati nella strategia retail omnichannel?

Abbiamo colto l’occasione del Connecthub Innovation Summit per conoscere il punto di vista di Thun sul ruolo che il dato ha oggi per il business.

«I dati sono il valore chiave dei retailer per evolversi e per svilupparsi, per conoscere il consumatore e per prendere decisioni per il futuro. Sono la benzina di ogni decisione e per questo vanno segmentati e analizzati, per poi definire le azioni da intraprendere. Noi di ConnectHub supportiamo i retailer con analisi e strumenti BI, non solo per comprendere i piani d’azione per le implementazioni degli strumenti digitali, ma anche, e soprattutto, per riconfigurare il modello di business in una logica omnicanale».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3