Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Competenze ICT

Dall’Europa all’Italia, il nuovo modello di classificazione delle competenze ICT

Fondazione Politecnico di Milano, Assintel, CNA ICT e Unimatica in prima linea per promuovere lo European Competence Framework, strumento per identificare e valutare le competenze ICT.

20 Set 2012

Diffondere anche in Italia il nuovo modello europeo di classificazione delle competenze e delle professioni informatiche e digitali.

E’ questo l’obiettivo della neonata “Rete Competenze per l’Economia Digitale”, promossa dalla Fondazione Politecnico di Milano, Assintel, CNA ICT Ict, Unimatica e Confindustria Digitale e coordinata dalla Fondazione Politecnico.

La Rete Competenze per l’Economia Digitale ha sede a Milano dallo scorso luglio. Un workshop in ottobre sarà il momento del debutto per la Rete che promuove l’ e-CF, European e-Competence Framework, strumento di riferimento europeo per quanto riguarda l’ICT, che serve per identificare e valutare le competenze.

Il framework fornisce uno strumento internazionale per professionisti e manager ICT con linee guida chiare per lo sviluppo professionale. Tecnicamente l’e-CF si struttura in 4 dimensioni: le aree di competenza (ad esempio gestione, pianificazione); le competenze di riferimento per ciascuna area (sono 36 quelle identificate); i livelli di capacità per ciascuna competenza e i livelli di conoscenza e skill.

L’obiettivo è di fornire una quadro generale delle e-competence che possano essere adattate e personalizzate per differenti contesti di business. Si tratta di competenze non esaustive altre infatti, visto il continuo cambiamento del mondo delle tecnologie, potrebbero essere aggiunte in futuro.

Dall’Europa all’Italia, il nuovo modello di classificazione delle competenze ICT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 5