Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

digital security

Cybercrime e attacchi informatici, solo una PMI italiana su 10 è consapevole dei rischi

Pur in forte crescita, la quota di piccole e medie imprese che teme gli impatti negativi di violazioni di dati rimane bassa, anche in vista di leggi come GDPR che prevedono dure sanzioni. Tra gli altri timori: contrazione della domanda, concorrenza e calo dei margini. I dati di un’indagine GFK Eurisko-Zurich

02 Ott 2016

redazione

Le piccole e medie imprese (PMI) italiane sono sempre più consapevoli della pericolosità degli attacchi informatici. Negli ultimi quattro anni la percezione del rischio legato al cybercrime è cresciuto fortemente, dallo 0,8% al 10%, mentre il timore di attacchi alle reti informatiche è aumentato dal 3,2% al 14%.

Sono dati che emergono da un’indagine internazionale effettuata negli ultimi 12 mesi da parte di GfK Eurisko su commissione di Zurich Insurance Group (Zurich), e incentrata sui rischi e le opportunità di business. Il campione è di oltre 2.600 Piccole e Medie Imprese in 13 Paesi in Europa, America e Asia-Pacifico, di cui sono stati intervistati i vertici aziendali (CEO/Owner, GM, CFO/Treasurer,COO/Head of Operations).

Circa il 10% del campione (oltre 250 imprese) è italiano, e i dati sul cybercrime citati in apertura scaturiscono da loro e riflettono lo scenario registrato dal Clusit, secondo cui il cybercrime è cresciuto del 30% nell’ultimo anno e sono aumentati del 39% gli attacchi mirati allo spionaggio informatico, con impatti negativi per le imprese che vanno dalle richieste di indennizzo per la violazione di dati sensibili, alla perdita di reputazione, fino addirittura all’interruzione dell’attività. Nel dettaglio, il numero di attacchi registrato è il più alto dell’ultimo quinquennio: circa 1012 nel 2015, contro gli 873 del 2014.

Tenere sotto controllo i sistemi informatici, è dunque diventato un tema strategico per le aziende, tanto più che, con l’adozione del nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali (GDPR), arriveranno nuovi e stringenti adempimenti, oltre a significative sanzioni per le aziende che violeranno le prescrizioni, tra cui l’obbligo di rilevare e pubblicizzare il furto d’informazioni entro 72 ore dall’evento, pena sanzioni fino al 4% del fatturato aziendale.

Come accennato, l’indagine era incentrata in generale sui pincipali rischi e opportunità di business. A livello globale le piccole e medie imprese (PMI) nel mondo temono sempre più l’impatto di alti livelli di concorrenza sui margini (31%) e la contrazione della domanda (30%), dopodiché anche su scala globale si evidenzia un forte aumento del rischio di minacce informatiche e danni alla reputazione negli ultimi 4 anni: quasi triplicato il primo (11% vs 4%) e quasi raddoppiato il secondo (14% vs 8%).

Quanto all’Italia, le PMI risentono anche quest’anno della congiuntura economica. Circa un terzo delle imprese intervistate (35,5%) teme la contrazione della domanda e un alto livello di concorrenza, congiunto agli effetti del calo dei prezzi sulla marginalità (34%). Uno scenario condizionato anche da una crescita molto debole in Italia, come noto corretta al ribasso da numerosi osservatori tra cui l’OCSE, che parla di un +0,8% per 2016 e 2017, con riduzioni dello 0,2 per quest’anno e dello 0,6 per il 2017 rispetto al giugno scorso.

Fra le più grandi opportunità di sviluppo, le PMI segnalano invece la riduzione dei costi e delle spese aziendali (36,5%); e l’allargamento dell’offerta (27,5%) a nuovi segmenti di clientela e a nuovi canali di vendita, come ad esempio il commercio elettronico. Sempre fra le opportunità di business le PMI sono attente alle novità legislative (17,5%) e alle agevolazioni nell’accesso al credito (16,5%), per cui si attendono misure a favore delle PMI nella prossima Legge di Stabilità.

Da segnalare anche l’aumento dell’attenzione per il benessere dei dipendenti e la sostenibilità dell’azienda nel lungo periodo (negli ultimi due anni la percentuale è aumentata dal 6,5% al 10%), e la crescita dell’investimento in risorse umane (dal 3,2% nel 2013 al 12% delle PMI intervistate quest’anno). Una buona gestione del welfare e delle risorse viene infatti percepita come un’opportunità di crescita, in grado di migliorare la competitività dell’azienda nel mercato di riferimento.

Articolo 1 di 5