SUCCESS STORY

Il percorso di digitalizzazione di Ferrarelle punta sul Cloud per garantire sostenibilità e sicurezza

Con l’obiettivo di modernizzare i sistemi a supporto della forza vendita, velocizzare la gestione ordini e ottimizzare le rilevazioni sul campo, il colosso italiano dell’acqua in bottiglia ha implementato la soluzione SAP Sales Cloud. La testimonianza del Chief Information and Digital Officer, Sandro Puzelli

Pubblicato il 29 Gen 2024

Ferrarelle, marchio tra i leader italiana dell’imbottigliamento e commercializzazione di acque minerali e produzione di bevande, ha intrapreso di recente un nuovo percorso di digitalizzazione.

Il progetto, piuttosto ambizioso è iniziato circa un anno fa con l’adozione della soluzione SAP Sales Cloud. In questa scelta è stato fondamentale il supporto del partner SAP NTT DATA.

L’obiettivo di questa evoluzione dei sistemi IT era di ammodernare i sistemi a supporto della forza vendita, per facilitare e velocizzare gli ordini e ottimizzare le rilevazioni sul campo. Tutto questo attraverso una miglior integrazione e visibilità dei dati di processo lungo tutta l’organizzazione.

Il progetto è stato suddiviso in due fasi distinte: una già conclusa, che ha visto l’implementazione dei processi di gestione degli ordini e delle visite, e una seconda, attualmente in corso, che riguarda il potenziamento di funzionalità specifiche, come la gestione delle segnalazioni del cliente.

L’esigenza di Ferrarelle

In un contesto in cui i mercati sono sempre più volatili ed esigenti, Ferrarelle ha dovuto intraprendere un percorso di modernizzazione che consentisse all’azienda di adattarsi in maniera rapida ai continui cambiamenti di contesto abilitando nuovi processi aziendali. Dopo aver selezionato l’offerta Rise With SAP, che include l’ERP in Cloud SAP S/4HANA, il focus si è spostato sui sistemi a supporto della forza vendita, che rappresentano il principale punto di contatto con il mercato.

WHITEPAPER
Applicazioni concrete del Metaverso nel marketing: ecco come può realmente fare la differenza!
Realtà virtuale
Metaverso

«L’idea era di partire dalla costruzione di una piattaforma abilitante che potesse diventare una dorsale di dati performante, sicura e facilmente integrabile. E così è stato, siamo stati in grado di integrarci velocemente e portare avanti questi obiettivi di trasformazione di processo, di adeguamento, di risposta alle esigenze. E lo abbiamo fatto a ogni livello dell’azienda», ha raccontato Sandro Puzelli, Chief Information and Digital Officer di Ferrarelle, dal palco di SAP NOW 2023, dove è stato ospite insieme a Roberto Carrieri, Director, Consumer Goods di NTT DATA.

Sandro Puzelli

Chief Information and Digital Officer di Ferrarelle

Il focus sulla forza vendita

Con l’integrazione dei nuovi servizi SAP, i Sales Account di Ferrarelle hanno ora a disposizione uno strumento che consente loro di simulare ed effettuare ordini in tempo reale, con un riscontro sulla disponibilità del prodotto o sullo stato dell’ordine: «Dal punto di vista del personale commerciale, avere una simulazione di presa ordine con i dati relativi alla disponibilità del prodotto o alla posizione finanziaria del cliente era un una necessità, ma l’architettura legacy in uso creava diverse complicazioni, – ha spiegato Puzelli -. Grazie a SAP Sales Cloud e ai servizi professionali di NTT DATA abbiamo fatto un ottimo lavoro, raggiungendo notevoli risultati di business e di efficienza in pochissimo tempo».

Il valore di una soluzione integrata

NTT DATA ha accompagnato Ferrarelle, in qualità di partner tecnologico, sia nella prima fase di software selection sia nell’integrazione. La scelta è ricaduta su SAP, ha spiegato Carrieri «perché in grado di offrire una soluzione matura, avanzata e verticale nell’ambito del Consumer Goods, particolarmente adatta a un’azienda che vuole lavorare sulla modernizzazione dei processi, oltre che dei sistemi. Un altro punto di forza che ci ha spinti a ad andare verso SAP è il fatto che Ferrarelle già utilizzava l’ERP in Cloud di SAP, con cui il sistema che abbiamo implementato è nativamente integrato. Quindi la connessione, lo scambio di dati e di informazioni tra lo strumento in mano alla forza vendita e il back-end avviene in tempo reale e permette di prendere decisioni basata su dati freschi in pochissimo tempo. E poi, il fatto di essere in Cloud ha permesso di avere costi di struttura più bassi rispetto ad altre soluzioni fisiche e ne ha consentito un’implementazione molto più veloce».

Roberto Carrieri

Director industry Consumer Goods di NTT DATA

Il Change Management

La forza vendita di Ferrarelle conta un centinaio di persone e, nonostante le iniziali difficoltà dovute a un cambio di sistema così rapido, l’integrazione è avvenuta senza particolari problemi, come ha raccontato Carrieri: «Sicuramente abbiamo dovuto gestire il cambiamento e anche quella naturale resistenza che le persone hanno nel momento in cui sostituisci uno strumento che usano da tantissimi anni con qualcosa di nuovo. Però è stato tutto sommato abbastanza facile, perché le soluzioni SAP Cx sono in grado di guidare molto gli utenti nei processi di business e sono intuitive. Le persone hanno potuto sperimentarne da subito i benefici concreti nella loro operatività quotidiana e questo ha facilitato l’adozione del sistema. Ma, come in tutti i progetti trasformativi, c’è bisogno di un Change Management efficace ed è stato quindi necessario accompagnare le persone e, noi come NTT DATA, il cliente».

Un ecosistema connesso

Ferrarelle aveva già scelto i servizi Cloud di SAP, gestendo la migrazione con Rise with SAP circa un anno fa. Quindi, l’integrazione è stata messa in atto con una logica di continuità: «Abbiamo scelto una soluzione SaaS in Cloud perché siamo nativamente su Internet. Siamo già presso i nostri clienti, siamo già sul territorio e nelle auto insieme ai nostri Sales Account. Anche la prestazione è un altro elemento molto importante, che ci permette di svincolarci dagli aspetti tecnici per concentrarci più sui processi e sullo sviluppo del business».

Ma anche i temi di sicurezza e sostenibilità hanno giocato un ruolo importante: «Gestire la sicurezza oggi è complicato – ha osservato Puzelli -, perché i protocolli cambiano di continuo e il nostro obiettivo era riuscire a svincolarci dalla necessità di intervenire ogni volta per recepirli. Il Cloud ci permette di farlo e questa scelta va anche incontro alla vocazione di sostenibilità ambientale di Ferrarelle, perché ci assicura la disponibilità di infrastrutture molto più efficienti rispetto a quelle che potremmo mettere in piedi internamente. Inoltre, essere in un ambiente estremamente performante e integrato, in un ecosistema già connesso in maniera nativa, è sempre più importante in un mondo che va verso il Machine Learning e l’Intelligenza Artificiale».

Agilità dell’architettura dati, un must per Ferrarelle

Il percorso di digitalizzazione di Ferrarelle è solo all’inizio, l’azienda continuerà a lavorare in sinergia con NTT DATA, per raggiungere i prossimi obiettivi: «Con la wave due, i nuovi rilasci ci permetteranno di migliorare su diversi fronti. Le sfide riguardano la gestione delle promozioni differite, la gestione delle segnalazioni dei clienti e dei dipendenti, la previsione della domanda e la pianificazione dei volumi e delle promozioni, i processi di budgeting e la gestione ottimale di spedizioni e stock – ha concluso Puzelli -. Siamo convinti che la trasformazione digitale oggi debba necessariamente passare per le architetture, perché sono quelle che permettono di reagire in modo agile e veloce ai cambiamenti».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4