Success Story

Würth Italia lancia Wverse, il primo Metaverso Enterprise

Un luogo virtuale per supportare la promozione e la vendita di prodotti ideati per la logistica, spesso troppo grandi e pesanti per essere trasportati fisicamente e mostrati ai potenziali acquirenti. L’azienda offre così ai propri clienti un’esperienza immersiva in modo semplice e sostenibile, generando anche nuove opportunità di business

Pubblicato il 28 Lug 2022

Nasce Wverse, il primo Metaverso Enterprise creato da Hevolus per Würth Italia, la società che opera nella distribuzione di prodotti e sistemi per il fissaggio e il montaggio a livello nazionale, con l’obiettivo di migliorare l’esperienza d’acquisto dei propri clienti, e generare nuove opportunità di business in modo semplice e sostenibile. Per farlo, Hevolus si è servita di hVERSE,  la sua piattaforma low-code multi-device, con capacità di realizzare traduzioni in 27 lingue e basata su web 4.0, che permette alle aziende di creare Metaversi proprietari.

La creazione di Wverse risponde all’idea di supportare Würth Italia nella promozione e vendita della propria gamma di prodotti ideati per la logistica, dalle grandi scaffalature ai distributori automatici di dispositivi di protezione individuale (DPI) fino ai sistemi modulari, spesso troppo grandi e pesanti per essere trasportati fisicamente in luoghi e mostrati ai potenziali acquirenti. In questo modo i prodotti diventano più accessibili che mai offrendo un’esperienza allo stesso tempo emotiva e coinvolgente.

Come funziona Wverse

Accedendo a Wverse da qualsiasi dispositivo e attraverso i loro avatar, i clienti possono realizzare un tour dell’azienda, prendere visione dell’intera gamma di prodotti, interagire con venditori e consulenti e ottenere assistenza in tempo reale. I risultati positivi non hanno tardato ad arrivare: l’implementazione di Wverse ha permesso a Würth Italia di aumentare del 60% il fatturato dell’eCommerce, e del 20% le visite ai siti Web rispetto all’anno precedente.

WHITEPAPER
Scopri quali applicazioni ti servono per un Customer Service eccellente
Business Analytics
Customer Experience

«Da sempre Würth Italia investe in tecnologie e innovazioni che permettono all’azienda di ottimizzare la Customer Journey e di incrementare la customer satisfaction – ha aggiunto Nicola Piazza, AD di Würth Italia -. Nell’era della rivoluzione digitale, la partnership creata con Hevolus è stata sicuramente vincente. Il Metaverso Würth (Wverse) rappresenta una svolta epocale, consente di evolvere da un sito web tradizionale a una soluzione web 4.0, dando la possibilità ai nostri clienti di vivere un’esperienza d’acquisto nuova, emozionale e immersiva e consentendogli di interagire all’interno del Metaverso attraverso i propri avatar. Nel Metaverso inoltre è possibile realizzare eventi da remoto, svolgere attività di networking e formazione. Tutto questo dà un contributo molto importante anche nell’ottica della sostenibilità: riducendo gran parte dei trasferimenti e conseguentemente riducendo in modo sensibile le emissioni».

Nicola Piazza

AD di Würth Italia

Hevolus

«Würth aveva due obiettivi per il progetto di Metaverso, incrementare le vendite e rinforzare l’eCommerce – ha commentato Antonio Squeo, CEO di Hevolus Innovation -. Le potenzialità di hVERSE sono enormi, non solo dal punto di vista della creazione di nuove opportunità di business, ma anche dell’innovazione sostenibile. L’accessibilità e la scalabilità garantite dalla nostra piattaforma fanno sì che il Metaverso sia fruibile da tutti, anche via web. Il modo più efficace per mostrare un prodotto è quando il cliente lo vede nelle sue dimensioni reali ma vi sono casi in cui questo non è facile. Il Metaverso sviluppato con hVERSE consente ai clienti di visualizzare prodotti e sistemi complessi attraverso i loro gemelli digitali interattivi in 3D. Questa esperienza offre un’idea estremamente accurata di come il prodotto possa adattarsi allo spazio reale».

Antonio Squeo

CEO di Hevolus Innovation

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4