Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Normative

La Svizzera verso la fatturazione elettronica

L’eInvoicing diventerà la regola per la Pubblica Amministrazione entro il 2016. Il 10% delle PMI elvetiche usa il formato elettronico. I risparmi nel 2012 sono stati pari a 250 milioni di franchi

14 Nov 2013

Luigi Ferro

La Svizzera si avvia verso il pieno utilizzo della fattura elettronica. Il processo è iniziato nel 2011 quando l’Ufficio federale dell’informatica e della telecomunicazione (Ufit) ha iniziato a ricevere ed emettere fatture elettroniche. Da allora però anche gli elevetici hanno rallentato il passo visto che l’obiettivo è di fare diventare l’einvoicing la regola della Pubblica amministrazione entro il 2016 (in Italia scatterà l’obbligo di giugno 2014 per Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza e giugno 2015 per tutte le altre amministrazioni, escluse quelle locali).

Confederazione, Can­toni e Comuni dovranno utilizzare il documento elettronico, mentre circa il 10% delle PMI svizzere utilizza già la nuova fattura così come un numero crescente di aziende attive a livello internazionale. Oltre un terzo delle fatture spedite elettronicamente è infatti diretta a partner commerciali all’estero.


I risparmi in Svizzera e il confronto con l’Italia
I risparmi sono evidenti. Secondo uno studio condotto dalla Scuola universitaria della Svizzera nord-occidentale, l’emittente risparmia in media 2 franchi svizzeri (circa 1,60 euro) e il destinatario 15 per ogni fattura (poco più di 12 euro).

In questo modo è possibile ottenere un risparmio potenziale che arriva fino al 60% dei costi finora sostenu­ti per ciascuna fattura. Sommando tutte le e-fatture spedite, lo studio calcola per la Svizzera un risparmio sui costi pari a 250 milioni di franchi nel 2012.

Dati in parte simili a quelli dell’Osservatorio del Politecnico di Milano secondo il quale i benefici della fatturazione elettronica per la singola organizzazione variano da circa 2-4 euro a fattura, se si parla di fatture non strutturate (quindi non direttamente elaborabili dai sistemi di chi le riceve), a circa 5-9 euro a fattura in caso di interscambio di flussi di dati strutturati (in formato direttamente elaborabile dai sistemi informativi aziendali). Ma i benefici maggiori possono essere conseguiti attraverso la completa Digitalizzazione del Ciclo dell’Ordine, che porta risparmi di costo compresi tra i 25 e 65 euro a ciclo per la singola organizzazione, cliente o fornitore.

Se la la fatturazione elettronica si diffondesse in Italia nel 20% dei rapporti fra imprese e si potrebbero recuperare circa 3 miliardi di euro che potrebbero diventare 60 nel caso in cui l’adozione fosse estesa a tutte le relazioni tra gli attori economici del Paese (sia tra le imprese, che tra queste e la PA).

Articolo 1 di 5