Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Eventi

Imparare a fare impresa già a scuola: l’idea di JA Italia

L’associazione non profit terrà il 4-5 giugno la Competizione Nazionale di ‘Impresa in azione’, che valuterà 21 mini-aziende di studenti tra 16 e 19 anni

21 Mag 2013

Un momento della Fiera Regionale 2013 di 'Impresa in Azione' in LombardiaLo spirito imprenditoriale in Italia non è mai mancato, ma soprattutto in un momento come questo è più che mai opportuno promuoverlo a tutti i livelli, e in particolare nelle scuole. E’ quindi particolarmente interessante segnalare la decima edizione della Competizione Nazionale di ‘Impresa in azione’, un programma dedicato agli studenti italiani degli ultimi anni delle superiori (16-19 anni) che prevede la creazione e la gestione di una ‘mini-impresa’ a scuola.

La manifestazione, che si terrà a Palermo il 4 e 5 giugno 2013, è organizzata da Junior Achievement Italia, associazione non profit internazionale che promuove l’educazione economica, imprenditoriale e finanziaria nelle scuole elementari, medie e superiori con il supporto di alcune imprese associate.

Il programma si sviluppa attraverso una serie di attività che gli studenti svolgono durante l’anno scolastico con il supporto di un docente coordinatore della scuola e di un esperto d’azienda del tessuto imprenditoriale locale per sperimentare (anche se su piccolissima scala) il funzionamento di un’azienda. Tra queste la raccolta di denaro (il capitale sociale) attraverso la vendita di azioni, lo svolgimento di indagini di mercato, la stesura di un business plan, la realizzazione concreta del prodotto o servizio, la sua promozione e vendita, e la partecipazione alle selezioni regionali di JA Italia.

All’evento di Palermo parteciperanno 21 mini-imprese di studenti, selezionate appunto in ambito regionale tra le oltre 300 attive nell’ultimo anno scolastico da giurie regionali composte da imprenditori locali e manager delle imprese associate a JA Italia (per citarne solo alcune: Accenture, ABB, Manpower, Citibank, Nokia) che, sulla base di una scheda di valutazione condivisa, individuano l’impresa di studenti più promettente in funzione di innovatività del prodotto/servizio, strategie elaborate, qualità della presentazione del progetto, e imprenditività dimostrata dagli studenti.

Per dare un’idea, la più recente selezione regionale si è tenuta pochi giorni fa in Lombardia: la giuria era composta da manager di ABB, rappresentanti di JA ed esperti di start up e di altre imprese, e ha selezionato due progetti: il primo, dell’ISIS Facchinetti Castellanza /Scuola Imiberg Bergamo, comprende un accappatoio realizzato con un tessuto di spugna che garantisce un’asciugatura perfetta e altri due prodotti in fase di prototipazione, e il secondo, dell’Istituto Maria Consolatrice di Milano, basato su PANTOFOLED, un’innovativa pantofola munita di luce che permette di muoversi liberamente nella propria abitazione di notte senza disturbare i familiari.

Andrea Rangone, School of Management Politecnico di MilanoAlla competizione nazionale di Palermo le mini-imprese saranno valutate su quattro elementi: Presentazione di un Rapporto Annuale, Fiera aperta al pubblico (in cui gli studenti-imprenditori allestiranno un proprio stand per presentare il prodotto o servizio realizzato), ‘Elevator Pitch’ (presentazione sintetica dell’idea), e Audizioni a porte chiuse con la giuria.

Giuria che sarà presieduta da Andrea Rangone, professore ordinario di Business Strategy ed E-business presso il Politecnico di Milano, fondatore e Direttore degli Osservatori ICT & Management della School of Management del Politecnico di Milano, che conferma così ancora una volta l’impegno nella promozione dell’imprenditorialità italiana evidenziato dai suoi ruoli di Coordinatore del progetto Start-up Boosting del Politecnico di Milano, e delegato dal Rettore dello stesso Politecnico per l’Incubatore PoliHub.

La giuria consegnerà alcuni premi speciali e soprattutto selezionerà la Migliore Impresa di Studenti, che rappresenterà l’Italia alla successiva competizione europea ‘JA-YE Europe Company of the Year Competition’ a Londra.

Articolo 1 di 5