Trend

Polycrisis world: erosione sociale e Supply Chain, i temi globali da affrontare spiegati nel rapporto del WEF 2023

Gli esperti non sanno più che parole usare per descrivere un mondo sempre più volatile e incerto, in cui i rischi che già conosciamo si mischiano a nuove emergenze. Ecco perché hanno coniato il neologismo, che rappresenta la multidimensionalità di fenomeni che si alimentano a vicenda in questo periodo e coi quali le aziende sono chiamate a confrontarsi quotidianamente

Pubblicato il 13 Gen 2023

Giuseppe Geneletti

Senior Manager di Methodos

“Just in Case Supply Chain, climate adaptation, inflation and cost of living crisis, energy, food and health crises”. Questi sono i temi che emergono dal rapporto annuale pubblicato in occasione del World Economic Forum 2023 che si terrà a Davos la settimana prossima.

Invece del Just in Time, le catene di fornitura sono guidate dal principio del Just in Case, per essere pronte a rispondere e funzionare negli scenari più imprevedibili, attraverso una combinazione di nuova integrazione verticale, accorciamento delle distanze dalle fonti, contratti strategici con forniture alternative, etc.

World Economic Forum 2023, dalla mitigazione all’adattamento

Invece di investire sulle azioni di riduzione delle emissioni, le crisi ambientali ricorrenti e gli eventi naturali estremi portano il focus lontano dalla mitigazione e sulle strategie di adattamento al cambiamento climatico, ormai ritenuto inevitabile con la previsione che entro 10 anni supereremo la soglia critica dei +1,5 gradi dai tempi preindustriali.

WHITEPAPER
Transizione 4.0 e PNRR: incentivi e agevolazioni, tutto quello che c'è da sapere
Logistica/Trasporti
Smart manufacturing

Invece di presumere di essere sulla strada per risolvere le crisi ricorrenti dell’umanità, come le carestie, le epidemie, le crisi energetiche e le oscillazioni inflattive, ci dobbiamo attrezzare, almeno per qualche anno, a convivere con il ritorno di queste crisi “tradizionali”, con molte generazioni che ne fanno esperienza per la prima volta.

Gli esperti di Davos non sanno più che parole usare per descrivere un mondo volatile, incerto e con rischi nuovi e vecchi. Quest’anno hanno coniato la parola “polycrisis world”, una multi-polarità di fenomeni che si alimentano a vicenda, potenziandosi e accelerandosi.

Il rischio di deriva sociale

Leggendo oltre le analisi di rischio a breve, medio e lungo termine, emerge la sensazione che aleggi un rischio ulteriore, una deriva di erosione sociale che attraversa tutte le gerarchie di comunità umane: la famiglia e il vicinato, il mondo del lavoro e delle relazioni economiche, le strutture politiche locali, nazionali e sovranazionali.

La distribuzione differente degli impatti delle varie crisi, l’accesso differenziato ai sistemi di tutela e supporto messi in atto ai vari livelli, la visibilità globale delle differenze stesse, generano forti tensioni nel micro (es. violenze domestiche, diffuso malessere psicologico, dipendenze, etc.) e nel macro (es. migrazioni, guerre tariffarie e reali, estremizzazione della contrapposizione geopolitica e politica e così via).

L’erosione sociale, la sensazione di isolamento, esclusione, svantaggio iniquo nell’accesso alle opportunità, è evidenziata dalla disaffezione politica, che, più di ogni altro dato, sottolinea la mancanza di fiducia nei confronti delle istituzioni, dei governi e delle persone che rappresentano le istituzioni.

World Economic Forum 2023, il ruolo dei leader aziendali

In un mondo esposto, percepito come sempre più ravvicinato e fatalmente interdipendente, la fuga nell’isolamento e nell’autarchia rappresentano pericolose tentazioni di facili successi di breve corso, come il tragico caso Brexit insegna, anche a chi pensava di esserne maestro.

Per combattere l’erosione sociale, è necessario affrontare le cause sottostanti. Ciò significa promuovere l’uguaglianza economica, creare posti di lavoro di qualità, fornire servizi sociali, migliorare l’accesso ai servizi sanitari, promuovere l’istruzione e le opportunità di partecipazione politica.

Inoltre, è abilitante incoraggiare la fiducia nelle istituzioni, nei governi e nelle persone che rappresentano le istituzioni e promuovere la solidarietà sociale e la cooperazione tra le persone, incoraggiando l’interazione sociale e la partecipazione attiva alla vita della comunità. Infine, è fondamentale il coraggio di leader, nel privato, nelle imprese e nelle istituzioni, che vogliono lasciare un segno, non di distruzione, ma di costruzione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Giuseppe Geneletti
Senior Manager di Methodos

Laureato in Economia Aziendale presso l’Università Bocconi di Milano, con un master in Business Administration all’INSEAD di Fontainebleau. Ha una lunga esperienza professionale come manager di Whirlpool Corporation, dove ha ricoperto una varietà di ruoli in Europa e negli Stati Uniti, tra i quali Direttore Globale Innovation & Customer Excellence. Appassionato di montagna e ciclismo, in Methodos si occupa di progetti di cambiamento culturale, formazione manageriale e comunicazione integrata nelle organizzazioni. È responsabile dell’area relativa allo Smart Working e ai nuovi modi di lavorare.

Articolo 1 di 5