Per Pirelli supply chain più efficiente grazie all'intelligenza artificiale

Strategie data-driven

Per Pirelli supply chain più efficiente grazie all'intelligenza artificiale

Semplicità nella gestione di molteplici informazioni, capacità di previsione, pianificazione aggiornata in tempo reale. Così, grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, la casa produttrice di pneumatici sta trasformando la sua supply chain in 4.0

07 Set 2021

Redazione

Le organizzazioni che hanno avuto già modo di implementare la gestione della supply chain con sistemi di intelligenza artificiale hanno registrato un miglioramento del 15% sui costi logistici, del 35% sulla gestione delle scorte e ben del 65% sui livelli di servizi rispetto a quelle che ancora non hanno compiuto tale scelta. Sono questi i dati riportati dall’analisi realizzata da McKinsey pubblicata di recente. Nell’ambito della supply chain “la capacità dell’intelligenza artificiale di analizzare enormi volumi di dati, comprendere le relazioni, fornire visibilità sulle operazioni e supportare un migliore processo decisionale rende l’intelligenza artificiale un potenziale punto di svolta”, affermano gli analisti. È guardando dunque ad obiettivi di efficienza sempre più alti che Pirelli ha deciso di innovare il proprio supply planning a livello globale integrandolo con le potenzialità predittive della AI.

Pirelli verso una supply chain 4.0

Per dare vita ad una supply chain 4.0 la scelta di Pirelli è ricaduta sulla piattaforma basata sull’intelligenza artificiale e machine learning di o9 Solutions. Tanti i vantaggi che deriveranno da questa integrazione.

WHITEPAPER
Cloud, omnicanalità e intelligenza artificiale: porta il tuo Contact Center nel futuro
Digital Transformation
Intelligenza Artificiale

Tutti i dati in un’unica piattaforma. Grazie alle funzionalità del “Digital Brain”, Pirelli potrà connettere ed elaborare su un’unica piattaforma tutti i dati aziendali in modo da ottimizzare la supply chain e rendere più efficace e rapido il proprio processo decisionale, permettendo alle diverse funzioni aziendali di collaborare con facilità e superare la tradizionale compartimentalizzazione tra divisioni aziendali.

Capacità di previsione. Con l’introduzione della AI nella supply chain Pirelli sarà in grado di stimare la domanda a lungo termine attraverso l’analisi dell’evoluzione dei principali indicatori (es. stima produzione veicoli, parco circolante, frequenza di sostituzione dei pneumatici, temperatura, precipitazioni, fiducia dei consumatori, etc..) e tenendo conto dei principali trend di mercato (es. crescita veicoli elettrici).

Pianificazione aggiornata in tempo reale. Grazie alla tecnologia proprietaria “Enterprise Knowledge Graph” di o9, Pirelli potrà elaborare diversi scenari di pianificazione in real-time e valutarli comparando l’impatto sulle diverse categorie di prodotto, canali e Paesi nei diversi orizzonti temporali, il tutto sulla piattaforma integrata e senza dunque dover ricorrere a molteplici fogli di lavoro Excel.

Pier Paolo Tamma

Chief Digital Officer Pirelli & C Spa

“Pirelli è ora in grado di tenere vivo il proprio piano strategico, avendo in tempo reale la visibilità che ogni variazione genera su supply chain, capacità delle fabbriche e domanda del mercato. Grazie alle capability di AI inoltre, Pirelli sarà in grado anticipare criticità e bottleneck e valutare scenari alternativi possibili”, ha affermato Pier Paolo Tamma, Chief Digital Officer di Pirelli.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

Pier Paolo Tamma

Aziende

P
Pirelli

Approfondimenti

I
intelligenza artificiale
S
Supply Chain 4.0

Articolo 1 di 4