Strategie

La resilienza della Supply Chain passa dalla Process Automation, approcci e tecnologie da adottare

L’automazione dei processi è diventata essenziale per raggiungere gli obiettivi della catena di fornitura. Ne è convinto l’89% degli intervistati del sondaggio realizzato da SAPinsider, che condivide anche tre consigli che le organizzazioni dovrebbero mettere in atto per creare strategie efficaci di automazione del workflow di filiera

Pubblicato il 14 Dic 2022

Per il 51% dei leader aziendali sviluppare resilienza è la principale preoccupazione relativamente alla Supply Chain, seguita dalla capacità di sviluppare agilità. Ciò determina la necessità di automazione dei processi. A rivelarlo è la ricerca realizzata da SAPinsider, la community di professionisti SAP composta da oltre 500.000 membri distribuiti in 205 Paesi.

Lo studio, Process Automation in Supply Chain, realizzato intervistando 106 professionisti principalmente dell’ambito IT e BPM (Business Process Management), provenienti da tutti i principali settori economici, evidenzia l’importanza della Process Automation nella creazione di solide Supply Chain.

“Con i recenti eventi mondiali, tra cui la pandemia di Covid-19, la guerra in Ucraina e gli impatti dei cambiamenti climatici, non sorprende che la resilienza della supply chain sia al primo posto per le aziende di tutto il mondo”, ha affermato Mark Vigoroso, Chief Content Officer di SAPinsider. “Sebbene l’adozione delle tecnologie sia stata lenta fino ad oggi, la necessità di creare un ecosistema di supply chain resiliente non è mai stata così evidente e per questa ragione stiamo vedendo le organizzazioni rivolgersi sempre più alla process automation come un modo per costruire solide supply chain e aiutare a navigare l’incertezza del mercato”.

Vediamo dunque alcuni risultati chiave della ricerca.

L’importanza della Process Automation nella Supply Chain

La resilienza e l’agilità della filiera sono in cima alla mente dei SAPinsider, con l’89% di loro che ritiene che la l’automazione dei processi sia essenziale per raggiungere i propri obiettivi nella gestione della catena di fornitura.

EVENTO DIGITALE 23 marzo
Industry4.0, sfide, incentivi e tecnologie per un futuro in crescita. Ti aspettiamo online!
IoT
Manifatturiero/Produzione

Tuttavia, esiste un grande divario tra le capacità desiderate e lo stato attuale. Il 72% dei SAPinsider ha indicato che allo stato attuale meno del 50% dei propri processi di Supply Chain candidati sono automatizzati. Un terzo degli intervistati ha automatizzato meno del 25% dei processi candidati.

Queste percentuali evidenziano un grande divario e al tempo stesso un’opportunità per accelerare il percorso di sviluppo delle capacità in quest’area critica.
I colli di bottiglia citati nel percorso di costruzione di questa capacità sono tipici di molte iniziative di trasformazione digitale, come la mancanza di budget e le sfide di Change Management.

Se i driver di business chiave per gli intervistati sono la resilienza e l’agilità della supply chain, la visibilità della è l’aspetto fondamentale per il raggiungimento di qauesti obiettivi. Visibilità e collaborazione, infatti, sono state identificate tra le migliori strategie (38%) per creare catene della fornitura agili e resilienti e la digitalizzazione dei processi e dei flussi di lavoro per costruire tale visibilità è stata tra i principali requisiti tecnologici richiesti (76%).

Non a caso il 21% degli intervistati ha indicato che le iniziative di Process Automation all’interno della propria organizzazione sono guidate da team di trasformazione digitale.

Come creare filiere resilienti e agili

Sulla base delle risposte al sondaggio, SAPinsider ha elaborato alcune azioni che le organizzazioni dovrebbero mettere in atto per creare strategie di Process Automation della Supply Chain efficaci.

Sviluppare capacità di monitoraggio e misurazione dei processi di filiera

La misurazione e il benchmarking dei processi sono fondamentali per misurare l’impatto della Process Automation nella Supply Chain e per il miglioramento continuo dei processi. Sviluppare un nuovo set di indicatori rilevanti per la misurazione invece di utilizzare ciò che è già in uso o viene utilizzato dai colleghi del settore.

Quando possibile, sfruttare metodi di controllo di processo più avanzati come il controllo statistico di processo su dati multivariati (MSPC) e il controllo predittivo basato su algoritmi di Machine Learning per prevedere anomalie o guasti all’interno del processo. Tutto questo può essere costruito solo se si ha accesso diretto ai dati generati dai propri processi.

Definire la strategia e la roadmap di process automation della Supply Chain

Le capacità di automazione dei processi e la strategia e la roadmap sottostanti dipendono da aspetti che vanno oltre la tecnologia. Ciò vale anche per la process automation nelle supply chain. Se la soluzione di pianificazione integrata o l’ERP sono basati sul Cloud, entra in gioco anche la strategia cloud. Una tabella di marcia è, dunque ,fondamentale per sviluppare questa capacità di automazione dei processi.

Esplorare le tecnologie di automazione più avanzate

La RPA (Robotic Process Automation) potenziata con le tecnologie AI estende il regno delle possibilità della process automation nella supply chain. L’automazione dei processi potenziata dall’intelligenza artificiale, meglio nota come Intelligent Automation, crea opportunità per reinventare i processi aziendali. L’Intelligent Automation può aiutare a intrecciare persone, processi e tecnologia come mai prima d’ora.

Progettare corsi di riqualificazione specializzati per i dipendenti

La riduzione dell’organico non dovrebbe essere l’obiettivo centrale di un’iniziativa di Process Automation. Sebbene l’automazione dei processi generi effettivamente efficienze in termini di costi, le persone che lavorano in questi processi hanno accumulato conoscenze specialistiche che possono essere sfruttate in molti modi fruttuosi. Questa conoscenza esperta può, quindi, essere utilizzata per creare una vera simbiosi uomo-macchina nell’era digitale. Esiste dunque la necessità di formare queste risorse su come sfruttare al meglio tali strumenti.

Le tecnologie per la Process Automation nella Supply Chain

Altro elemento analizzato dallo studio riguarda quali tecnologie utilizzano gli intervistati per la Process Automation nella Supply Chain.

Quando si tratta di tecnologie di automazione dei processi di filiera, i SAPinsider hanno chiaramente in testa una tabella di marcia per aiutare le organizzazioni a pianificare il proprio percorso di automazione dei processi.

Allo stato attuale, SAPinsider sfrutta principalmente soluzioni di automazione specializzate, focalizzate su processi come Procure-to-Pay, gestione degli ordini ed elaborazione delle fatture.

L’attenzione nei prossimi due anni si estenderà a funzionalità più avanzate, come l’Intelligent Automation, la Process Intelligence e le piattaforme RPA end-to-end.

Tuttavia, molti SAPinsider intendono continuare a esplorare soluzioni di automazione mirate come CLM (Contract Lifecycle Management) Automation, Order Management Automation e Supplier Management Automation.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4