Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Digital Procurement

Procurement indiretto, sei mosse per acquisti sempre trasparenti con il P2P

Gli acquisti indiretti incidono sulla profittabilità dell’impresa: una scarsa trasparenza costa tempo e denaro e rischia di generare problemi di compliance. Ecco come riprendere il controllo con una soluzione P2P integrata e sfruttare le nuove tecnologie digitali

03 Giu 2019

Patrizia Licata

Attenzione a sottovalutare l’impatto del procurement indiretto sulla profittabilità aziendale. Secondo il white paper “Acquisti indiretti: sei sfide generate dalla mancanza di trasparenza. Suggerimenti per vincerle” pubblicato da Jaggaer, senza un sistema di controllo i piccoli acquisti sono soggetti a molteplici inefficienze che finiscono con l’impattare sull’utile. Il report evidenzia come una soluzione Procure to Pay (P2P), che integra e automatizza l’intero ciclo passivo, crei flussi di lavoro standard fra i dipartimenti acquisti e contabilità, assicuri più trasparenza e controllo nella gestione degli acquisti indiretti, misuri le performance dei fornitori, eviti rischi e sprechi di denaro e migliori l’interazione fra gli stakeholder. La trasparenza dei dati è anche la base per usare in modo vantaggioso tecnologie avanzate come intelligenza artificiale e analytics. Ecco le sei sfide evidenziate nel white paper e la risposta del P2P.

Procurement indiretto: gli acquisti “fuori contratto”

Noti anche come “spesa Maverick” e facilitati dalle opzioni di e-commerce, gli acquisti “fuori contratto” rendono difficile monitorare i costi e impossibile prendere decisioni strategiche basate sui fatti. Una soluzione P2P permette di superare le inefficienze grazie a un’interfaccia intuitiva simile all’esperienza dell’e-shopping e ai contratti pre-negoziati. I clienti interni possono rintracciare facilmente i propri ordini, perché tutti i dati di cui hanno bisogno sono sul sistema, e il sistema cattura tutte le informazioni necessarie all’ufficio acquisti.

Aggregazione dei fabbisogni e controllo del rischio

La mancanza di trasparenza può significare per le aziende perdita dei vantaggi legati ai contratti esistenti, col rischio di rinegoziazioni a condizioni peggiorative. Nel procurement indiretto, una soluzione P2P aiuta ad assicurare che tutti gli acquisti di una determinata categoria siano aggregati e inviati solo a fornitori elencati nel catalogo. Le informazioni raccolte dall’ufficio acquisti possono servire come leva negoziale.

Al tempo stesso, il P2P permette di valutare se è opportuno mitigare i rischi del fornitore unico. Una sana concorrenza potrebbe risultare vantaggiosa nel prezzo, oltre che utile per avere un backup nel caso il fornitore non sia più in grado, a un certo punto, di soddisfare tutti i fabbisogni.

Conformità ai regolamenti e auditing

Una soluzione Procure to Pay monitora automaticamente la conformità con procedure concordate e standardizzate. Un compratore può generare gli ordini dal contratto tramite un’interfaccia simile a un catalogo, che contiene solo i fornitori selezionati, e che soddisfano gli standard di conformità; i controlli di compliance scattano automaticamente.

Inoltre queste soluzioni integrate rendono anche più facile rispondere alle richieste di informazioni da auditor interni ed esterni. Tutte le informazioni associate a una determinata fattura sono disponibili premendo un pulsante: non è necessario stampare documenti o perdere tempo a cercare ricevute e contratti in sistemi o archivi differenti.

Analytics e AI per ottimizzare gli acquisti

La trasparenza dei dati è anche il requisito preliminare per sfruttare a proprio vantaggio le tecnologie più avanzate come intelligenza artificiale e analytics. Ad esempio, grazie alla visibilità su dati di spesa, performance dei fornitori e compliance contrattuale, un’azienda può utilizzare gli analytics per valutare scenari di fornitura alternativi, con approccio “what if”, comparando strategie mono o multi-fornitore e altri aspetti.

Con un sistema P2P integrato, la spesa si gestisce facilmente dalla tastiera e, grazie a reportistica e analisi basati sulle tecnologie digitali, si ottengono tutte le informazioni necessarie per misurare, affinare e migliorare la strategia di acquisti indiretti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

J
Jaggaer

Approfondimenti

C
cloud
P
P2P
P
procurement
R
Risk Management

Articolo 1 di 5