Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Credito e banche

Studio Unimpresa: «Sofferenze bancarie in aumento. Pesano i prestiti di grandi dimensioni non rimborsati»

E’ forte l’aumento delle sofferenze del sistema bancario. Secondo lo studio a pesare sono soprattutto da prestiti sopra i 500.000 euro. E la Cgia dice che i prestiti sono diminuiti di 50 mld nell’ultimo anno

19 Dic 2013

Luigi Ferro

Il peso delle sofferenze delle banche in continua crescita è legato ai grandi prestiti che difficilmente vengono rimborsati. Su 133 miliardi di euro complessivi (a giugno 2013) di rate non pagate, 85,3 miliardi (64,2%) si riferisce a finanziamenti di grandi dimensioni (superiori a 500.000 euro), mentre 47,4 miliardi (35,8%) si riferisci a crediti minori (da 250 a 500.000 euro). Su appena 39 soggetti, in particolare, pesano sofferenze per 15 miliardi.

E’ quanto emerge da un’analisi del Centro studi Unimpresa. Secondo l’indagine, realizzato su dati della Banca d’Italia, guardando alla platea dei soggetti debitori, su 1.166.425 clienti in difficoltà con le rate, sono 43.319 (3,71%) quelli su cui pesa il 64,2% delle sofferenze (quelle relative ai finanziamenti maggior di 500.000 euro) mentre le sofferenze relative ai prestiti minori (fino a 500.000 euro) sono distribuite su 1.123.106 soggetti.


La prima fascia di prestiti, da 250 euro a 500.000 euro, è quella relativa a crediti per famiglie e piccole imprese. Per i prestiti fino 30.000 euro, i clienti in difficoltà sono 743.127 (63,7%) per un ammontare di sofferenze pari a 6,3 miliardi (4,8% del totale). Per i prestiti fino a 75.000 euro, i soggetti in ritardo sono 155.445 (13,3%) e le sofferenze corrispondono a 6,8 miliardi (5,2%). Per i prestiti fino a 125.000 euro, i clienti che rimborsano a fatica sono 83.894 (7,2%) e le sofferenze corrispondenti ammontano a 7,4 miliardi (5,6%). Quando i prestiti arrivano a 250.000 euro, si trovano in ritardo nel rimborso delle rate 101.320 soggetti (8,7%) e le relative sofferenze sono 15,4 miliardi (11,7%). Nella fascia successiva, che arriva a 500.000 euro di credito accordato, i clienti in difficoltà sono 39.320 (3,4%) e le sofferenze corrispondo a 11,3 miliardi (8,6%).


Poi si sale nella seconda fascia di finanzianti quello che vanno da 500.000 in su. Si tratta per lo più di affidamenti per medie e grandi imprese. Fino a 1.000.000 di euro, i soggetti sono 20.182 (1,7%) e le sofferenze 11,3 miliardi (8,6%). Fino a 2.500.000 euro i clienti sono 14.235 (1,2%) e le soffrenze 17,5 miliardi (13,2%). Fino a 5.000.000 di euro, i clienti sono 5.229 (0,4%) e le sofferenze 14,2 miliardi (10,7%). Fino a 25.000.000 di euro, i clienti sono 3.634 (0,3%) e le sofferenze 26,6 miliardi (20,1%). Oltre 25.000.000, i clienti sono 39 (0,1%) e le sofferenze 15,4 miliardi (11,6%).


Altri dati arrivano dalla Cgia di Mestre secondo la quale i prestiti bancari alle imprese sono crollati di 50,2 miliardi di euro (-5,2%) tra l’ottobre 2013 e lo stesso mese del 2012. Le grandi imprese ricevono l’82% del totale dei finanziamenti, pur registrando il 78,9% delle sofferenze. Alle Pmi invece sono praticati tassi di interesse più alti di quelli applicati alle grandi imprese.

Studio Unimpresa: «Sofferenze bancarie in aumento. Pesano i prestiti di grandi dimensioni non rimborsati»

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 3