Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Strategie

SAP: l’ERP che integra in-memory e Mobile adesso è “a portata di PMI”

Oggi la sfida per un fornitore software è soddisfare le esigenze di usabilità, facilità d’adozione e fruizione di tecnologie avanzate delle piccole e medie aziende direttamente nel sistema gestionale. «Queste realtà chiedono soluzioni rapide da implementare, che le supportino nei loro progetti di internazionalizzazione, e la fruizione in tempo reale e in mobilità di tutte le funzionalità tipiche di un ERP», spiega Massimiliano Ortalli, General Business & Ecosystem Director di SAP Italia

30 Giu 2014

Massimiliano Ortalli, General Business & Ecosystem Director SAP Italia«Oggi la grande sfida per un fornitore ERP in ambito piccole e medie aziende (PMI) – spiega Massimiliano Ortalli, General Business & Ecosystem Director di SAP Italia – è soddisfare le esigenze di queste realtà in termini sia di usabilità e facilità d’adozione, sia di fruizione dei benefici dell’integrazione di tecnologie come Mobile, In-memory e Cloud appunto nei sistemi ERP».

Le PMI chiedono soluzioni gestionali rapide da implementare, che le supportino nei loro progetti di internazionalizzazione, e la fruizione in tempo reale e in mobilità di tutte le funzionalità tipiche di un ERP. «Per questo abbiamo messo a punto soluzioni preconfigurate integrate, disponibili su scala internazionale, e ispirate a concetti di massima fruibilità e velocità d’implementazione e accesso».

Parlando di mobilità per esempio, continua Ortalli, «non intendo solo il classico report su Mobile, ma la possibilità di interagire con l’ERP per emettere ordini o approvare workflow». Quest’esigenza però nelle PMI si sposa con quella di ambienti non complessi, e in questo senso opera SAP Fiori. «È un’interfaccia online del sistema, basata su standard Html5, e quindi accessibile da pc e da qualsiasi piattaforma e device mobile: offriamo 100 applicazioni che interagiscono con il back-end supportando processi di ogni area funzionale, dai più semplici come l’approvazione di workflow, ai più strutturati come l’emissione di ordini, l’estrazione di report, l’approvazione di acquisti».

Il fatto di lavorare direttamente sul transazionale online, senza repliche esterne dei dati, fa di Fiori un ambiente semplice e interessante per la PMI, con tempi d’adozione e fruizione veloci e basso TCO (Total Cost of Ownership). Un’altra tecnologia fortemente innovativa ora “a portata di PMI” è Hana, la piattaforma in-memory di SAP. «Sia SAP Business All-in- One che SAP Business One, i nostri ERP per le PMI, sono disponibili su Hana, e quasi la metà dei nuovi clienti su Business One scelgono Hana come piattaforma. Il grande beneficio è la possibilità di avere a disposizione online tutta la base dati transazionale, consolidando in un unico sistema sia il mondo analitico che il transazionale».

Questa semplificazione dell’ambiente applicativo è importante per la grande impresa ma è vitale per la PMI, che spesso ha bisogno delle stesse funzioni e tecnologie ma non ha gli stessi budget. In tale ottica rientra anche l’offerta di soluzioni Cloud di SAP: «Per esempio il cliente può dotarsi di ERP on premise e di un applicativo CRM in Cloud, ma nativamente integrato appunto con il sistema transazionale». Questo, conclude Ortalli, è cruciale per le PMI, che considerano la velocità d’adozione e la riduzione dei costi di gestione come punti d’estrema attenzione, «ed evidentemente siamo riusciti a coglierli, visto che nel mercato PMI in Italia nel primo trimestre 2014 abbiamo aumentato del 24% il fatturato, quasi totalmente realizzato tramite il nostro canale VAR dedicato alla PMI, che conta 40 partner dedicati a All-in-One, e 60 a Business One».

Articolo 1 di 5