Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Mancati pagamenti, è allarme rosso

Un vero e proprio boom di mancati pagamenti fra le imprese. Secondo un’indagine di Unimpresa, nei primi 5 mesi del 2012 sono cresciuti del 47%. Il quadro…

27 Giu 2012

Un vero e proprio boom di mancati pagamenti fra le imprese.
Secondo un’indagine di Unimpresa, nei primi 5 mesi del 2012
sono cresciuti del 47%. Il quadro è sostanzialmente omogeneo in
tutta Italia, con una leggera differenza fra Centro-Nord (+45,3%)
e Mezzogiorno (+49,4%).

Per quanto riguarda i settori economici, fra i peggiori pagatori
ci sono l’edilizia, poi il commercio, l’artigianato,
la piccola industria e l’agricoltura.

L’indagine di Unimpresa è stata effettuata incrociando i
dati delle 130.000 aziende associate con le informazioni
estrapolate da database pubblici e privati.

I motivi del “boom”

Tre sono i motivi individuati da Unimpresa: il crollo dei
consumi, la difficoltà di accesso al credito (soprattutto da
parte delle PMI) e i crediti congelati della Pubblica
Amministrazione
. Secondo il presidente di Unimpresa,
Paolo Longobardi, “siamo sempre più vicini al
baratro”.

La crisi ha anzitutto fatto crollare i consumi, modificando i
comportamenti delle famiglie che ricorrono alla spesa low cost
ormai in maniera sistematica: nel carrello della spesa finiscono
le offerte speciali e i prodotti scontati, con il risultato di un
crollo del fatturato che parte dal piccolo commercio e dalla
grande distribuzione e arriva a investire l’intera filiera
produttiva, trasporti inclusi.

La seconda ragione sta nella crisi di liquidità innescata dalla
stretta al credito da parte delle banche. Secondo Unimpresa, il
2012 non è partito meglio rispetto al credit crunch certificato
lo scorso anno e le superaste della BCE non sono servite a
modificare i comportamenti degli istituti. In sostanza i
140 miliardi di euro presi dalle 112 banche italiane fra dicembre
2011 e febbraio 2012 non sono serviti per dare ossigeno alle
imprese
, soprattutto quelle medio-piccole. Infine, il
terzo fattore che contribuisce a bloccare i pagamenti fra le
imprese è il congelamento dei crediti che le stesse imprese
vantano nei confronti della pubblica amministrazione: si parla di
70 miliardi di euro.

Mancati pagamenti, è allarme rosso

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 2