Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

eCommerce

“Made in Italy” in Cina, UniCredit e Intesa collaborano con Alibaba

Le due principali banche italiane hanno chiuso un accordo con il colosso cinese dell’eCommerce per aiutare le imprese italiane, in particolare le PMI, nella presentazione della propria offerta a milioni di consumatori cinesi tramite E-Marco Polo, una vetrina virtuale sul portale Tmall Global

26 Mar 2015

Redazione

Le due principali banche italiane hanno chiuso un accordo con Alibaba, il colosso cinese dell’eCommerce, per agevolare le imprese italiane, in particolare le PMI, nella presentazione della propria offerta al mercato cinese. Facendo seguito al memorandum of understanding firmato da Alibaba e dal Governo italiano lo scorso giugno, Intesa Sanpaolo e UniCredit hanno dato vita insieme a Tmall Global – estensione della piattaforma Tmall B2C di Alibaba – a “E-Marco Polo”, iniziativa congiunta per permettere la promozione dei prodotti del “Made in Italy” appunto atttraverso Tmall Global.

Il fenomeno Alibaba è diffusamente noto all’opinione pubblica mondiale solo da pochi mesi, ossia dallo scorso settembre, quando l’azienda si è quotata alla Borsa di New York raggiungendo una capitalizzazione di oltre 230 miliardi di dollari, che ne ha fatto la più grande IPO borsistica della storia. Il gruppo Alibaba gestisce una rete di siti che rappresenta l’80% del commercio elettronico in Cina: nel 2012 ha incassato circa 170 miliardi di dollari.

Tmall Global in particolare, la soluzione oggetto dell’accordo con le due banche italiane, è la piattaforma dedicata alle aziende non cinesi del portale Tmall.com, che è la divisione business-to-consumer di Alibaba, nonché il 18° sito più visitato al mondo. “E-Marco Polo” punta a industrializzare il processo di ingresso delle eccellenze del “Made in Italy” offerte attraverso Tmall Global, che potranno così farsi conoscere da milioni di consumatori cinesi anche se non sono fisicamente presenti nel Paese.

E’ uno sforzo significativo, spiega un comunicato, per supportare le piccole e medie imprese italiane nella promozione dei loro prodotti, in particolare dei settori moda, food & beverage, beauty e kids. A questo scopo Intesa Sanpaolo e UniCredit creeranno su Tmall Global una vetrina virtuale, che metterà in mostra una selezione di marchi italiani acquistabili online.

«Siamo entusiasti di poter offrire ai nostri utenti i migliori prodotti italiani sulla nostra piattaforma B2C – dichiara nel comunicato Maggie We, General Manager di Tmall Global -. Tmall Global mette a disposizione dei marchi stranieri una soluzione di portata internazionale ed è lieta di poter lavorare con Intesa Sanpaolo e Unicredit, e di aiutare così le aziende italiane a raggiungere direttamente centinaia di milioni di consumatori cinesi».

«Il mercato cinese ha sorpassato gli Stati Uniti in termini di totale vendite retail su canale online – aggiunge nel comunicato Paolo Fiorentino, Chief Operating Officer di UniCredit – e l’acquisto online di beni stranieri ha mostrato una crescita a due cifre nell’ultimo anno. Per le nostre imprese è un mercato estremamente importante e questa iniziativa intende supportarle nello sbarco o nell’ampliamento della quota di mercato se già presenti. Le nostre imprese dominano come best-in-class nei settori moda, beauty, food&beverage, e con un partner come Alibaba potremo offrire un appoggio e una piattaforma per aiutarle nel loro percorso di internazionalizzazione».

«Questo accordo è particolarmente rilevante nel medio e lungo termine per lo sbocco commerciale che potrà offrire alle PMI italiane in una cornice istituzionale e di sinergia con le principali realtà bancarie italiane – dichiara infine Stefano Barrese, responsabile Area Sales e Marketing di Intesa Sanpaolo -. Reputiamo fondamentale poter dialogare con un partner solido come Alibaba per operare con efficacia e sicurezza in mercati dalle grandi potenzialità come quello cinese».

Articolo 1 di 5