Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cyber Security

La sicurezza IT ha bisogno di intelligenza: l’AI sarà adottata dal 70% delle imprese in un anno

Cresce l’allarme cyber security. In risposta ad attacchi sempre più frequenti e sofisticati, in grado di compromettere l’attività di business, i reparti IT puntano su intelligenza artificiale e piattaforme integrate. Le nuove parole d’ordine, secondo IDC, sono “contain and control”

17 Set 2018

Nei prossimi dodici mesi il 70% dei progetti aziendali relativi alla sicurezza IT utilizzerà tecnologie cognitive e di AI (Intelligenza artificiale). Questo per far fronte alla crescente frequenza e pericolosità degli attacchi informatici.

Secondo le previsioni pubblicate da recente studio di IDC, infatti, 7 aziende multinazionali su 10 entro il 2019 subiranno attacchi informatici in grado di compromettere la distribuzione di prodotti o servizi. Basti pensare alla proliferazione di endpoint e dispositivi intelligenti in ambienti produttivi e non, generando convergenze fino a ieri impensabili tra Operation e IT e rompendo i perimetri che un tempo separavano gli ambienti di lavoro.

Come gestire quindi la sicurezza IT nelle prossime fasi dell’innovazione digitale?

È necessario cambiare prospettiva, andare oltre al binomioprotect and defenda favore del nuovo modello “contain and control”. Un cambio di prospettiva importante e supportato dalle tecniche cognitive e dell’intelligenza artificiale, la risposta alla velocità di cambiamento e alla complessità degli scenari di rischio.

La chiave di volta sta nella capacità di machine learning e dell’AI di analizzare dati in passato non considerati e di innovare i processi di security intelligence, costruendo un livello di automazione superiore attraverso la contestualizzazione e il supporto alle competenze umane nella comprensione di fenomeni complessi.

Una sicurezza IT più intelligente, quindi, ma anche più semplice: AI e machine learning significano semplificazione dei processi e dell’integrazione delle soluzioni. Entro il 2020 il 30% degli investimenti in sicurezza IT sarà appannaggio di attori tecnologici che sapranno fornire piattaforme integrate. Infatti, IDC mostra come oggi alcune grandi aziende siano arrivate a stratificare, nei propri ambienti di sicurezza IT, prodotti e servizi di addirittura 50 fornitori diversi.

L’implementazione di piattaforme integrate, sia in cloud che on-premise, permetterà non solo di ridurre costi e di semplificare notevolmente i processi, ma consentirà anche di acquisire maggiore visibilità sulle componenti e le soluzioni da monitorare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

I
IDC

Approfondimenti

S
sicurezza IT

Articolo 1 di 4