Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tendenze

Amazon apre ai video pubblicitari dei suoi reseller

La notizia arriva dal Vp of global advertising sales Lisa Utzschneider che ha dichiarato come sarà possibile ai rivenditori online pubblicare demo di prodotti o altri video

11 Ott 2013

Luigi Ferro

Lisa Utzschneider, Vp of global advertising sales di AmazonE-commerce e pubblicità devono convergere. Questo il credo di Lisa Utzschneider, Vp of global advertising sales di Amazon. L’obiettivo speiga la manager «è offrire una migliore esperienza ai clienti informandoli e non interrompendoli mentre stanno discutendo di altro. Amazon – ha aggiunto – con i suoi 215 milioni di clienti attivi, mira a migliorare l’esperienza di acquisto attraverso cellulari, tablet e pc, concentrandosi su tre aspetti del percorso di acquisto: trovare, scoprire e acquistare».


La prima e la terza parte del processo sono “piuttosto semplici”, mentre il processo di “scoperta” è una “una grande opportunità” per rivenditori e consumatori, così come per una piattaforma di e-commerce che può aiutare i propri clienti a scoprire nuovi prodotti, servizi e brand.

«Gli obiettivi di e-commerce e pubblicità, non sono dissimili in quanto sono concentrati sulla prospettiva del cliente. Entrambi devono informare i clienti e non interromperli. Aiutarli nel processo di scoperta e non solo fornire impressioni».

In questo senso diventa ancora più importante il “personalisation engine” di Amazon che permette di mirare sulle carattteristiche del singolo consumatore le comunicazioni.

Accanto ai video il colosso del commercio elettronico sta lanciando una nuova soluzione per il sistema di pagamenti. Il sistema denominato “Login and Pay with Amazon” va incontro a un’esigenza di semplificazione dell’acquisto di prodotti offerti dai vari reseller.

Grazie all’introduzione del nuovo sistema i clienti non dovranno più creare un nuovo account con un reseller, ma potranno pagare fornendo le proprie credenziali Amazon.

Da parte loro i commercianti potranno godere di servizi di pagamento a basso costo e, senza aumento delle spese, di una protezione contro le frodi. “Login and Pay with Amazon” può essere integrato con i siti grazie ad Api e widget.

Queste le novità sul fronte tecnologico. Più difficile la situazione in Europa e soprattutto in Francia dove l’Asseblea nazionale, unendo destre e sinistra, ha approvato una legge che vieta agli operatori online di offrire la spedizione gratuita a casa del cliente.

Secondo la ministra della Cultura Aurélie Filippetti, la società di Jeff Bezos pratica una strategia di dumping: «E la prova è che la spedizione gratuita non viene offerta nei Paesi privi del prezzo unico del libro. Lo fanno per acquisire una posizione dominante. Una volta che avranno schiacciato la nostra rete di librerie unica al mondo, torneranno ad aumentare i prezzi».

Amazon non l’ha presa bene. In un comunicato ha dichiarato che «Ogni provvedimento che porta ad aumentare il prezzo del libro per prima cosa penalizza il potere d’acquisto dei francesi, e poi crea una discriminazione per il consumatore su Internet». Sempre secondo Amazon, a essere danneggiati saranno anche i piccoli editori, «per i quali Internet può rappresentare una parte importante della loro attività».

Articolo 1 di 4