Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

e-mail marketing

E-commerce ed e-mail marketing: il successo di LOVEThESIGN passa per l’automation

Per un e-commerce in rapida ascesa come LOVEThESIGN, la chiave del successo sta nel trasformare prima possibile i contatti acquisiti in acquirenti effettivi. Questo è possibile soprattutto grazie a un utilizzo intelligente e innovativo degli strumenti di email marketing

22 Ago 2016

Redazione

dedicato alla vendita di oggetti di design per la casa, LOVEThESIGN è un e-commerce tutto italiano, nato nel 2012 dalla visione imprenditoriale di tre giovani manager.

In quattro anni di vita, la startup ha centuplicato il numero di brand rappresentati e di prodotti venduti, arrivando a essere premiato come miglior e-commerce d’Italia da Netcomm nel 2015:

L’importanza dell’e-mail marketing per l’e-commerce

Costruire la fiducia del pubblico, trasformando i tanti interessati che si iscrivono a newsletter e comunicazioni promozionali in effettivi clienti, rappresenta una delle sfide maggiori che un e-commerce giovane deve affrontare. Per raggiungere l’obiettivo occorre lavorare su una relazione stretta, uno-a-uno, con ciascun contatto, imparando a coinvolgere la propria audience al momento giusto e nel modo più efficace.

L’e-mail rappresenta senza dubbio uno dei canali più strategici per portare traffico verso i siti di e-commerce e generare conversioni. Ecco perché LOVEThESIGN ha scelto di investire in soluzioni di e-mail marketing che fossero in grado di garantire al business una rapida crescita. Dopo aver valutato diverse soluzioni presenti sul mercato la startup ha scelto la piattaforma MailUp.

Obiettivi: snellire la navigazione e accorciare il percorso verso la conversione

Puntando sulla semplificazione dell’esperienza di navigazione e sul rafforzamento del rapporto con i clienti già acquisiti, LOVEThESIGN ha scelto di affidarsi all’e-mail marketing lasciando il compito di generare nuove lead ad altri canali. I punti chiave della strategia si articolano attorno all’automatizzazione del login al sito e delle campagne di follow-up/incentivo. Il login automatico viene ottenuto tramite l’aggancio del parametro email utente all’URL linkata da messaggio e-mail a sito e-commerce. L’utente che atterra sul sito dalla e-mail si trova già loggato in un ambiente personalizzato rispetto alle proprie preferenze di navigazione, dove è facile salvare i prodotti nella wishlist e aggiungerli al carrello. Fare in modo che gli utenti trovino meno ostacoli possibili sulla via dell’acquisto, infatti, significa incrementare le conversioni. Il flusso di e-mail automatiche, invece, si attiva al momento della registrazione al sito e mira a far convertire l’utente velocemente tramite incentivi e coupon ad hoc.

I risultati? +20% conversion rate, +300% utenti molto attivi

Le campagne di Member Get Member (invito al passaparola con gli amici, attivato a 3 giorni dalla registrazione) e di CRM Primo Acquisto (mail con sconto inviata a sette giorni dalla registrazione, nel caso l’utente non abbia ancora convertito) sono quelle che che si stanno dimostrando più efficaci. L’automatizzazione dei flussi e-mail ha portato ottimi risultati a LOVEThESIGN (visibili nel dettaglio qui). Le conversioni sono aumentate del 20% a seguito del login automatico e del 12% grazie all’introduzione della mail di CRM Primo Acquisto.

Anche la reattività verso le e-mail ha registrato miglioramenti: LOVEThESIGN vanta il 300% in più di utenti molto attivi rispetto alla media di settore, e il 40% di utenti inattivi in meno.

“MailUp – spiega Vincenzo Cannata, CEO e co-founder di LOVEThESIGN – si è dimostrato uno strumento efficace nella scalabilità dei meccanismi automatici di invio e-mail durante un percorso di rapida crescita come quello di LOVEThESIGN. Questo ci ha permesso di avere molto più engagement e una percentuale di utenti inattivi inferiore alla media di mercato”.

Articolo 1 di 4