Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Videointervista

ISO 9001 del 2015: qualità e fiducia nelle persone per ridurre i rischi

È passato un anno dall’applicazione della nuova edizione della norma ISO 9001 del 2015. Andrea Berni, Manager Practice QHSE di P4I-Partners4Innovation, fa il punto della situazione, elencando i 5 elementi più rilevanti che hanno toccato le aziende sotto il profilo organizzativo

17 Lug 2019

Redazione

Il 15 settembre del 2018 è stata pubblicata la nuova edizione della norma ISO 9001 del 2015, che fa della riduzione dei rischi connessi alla variabilità e complessità del contesto in cui opera l’azienda, l’elemento fondante da perseguire nei confronti del cliente e delle parti interessate, per la valorizzazione del bene e del servizio offerto.

Andrea Berni, Manager Practice QHSE di P4I-Partners4Innovation, elenca i 5 elementi più rilevanti dell’ISO 9001 del 2015 che hanno toccato le aziende dal punto di vista organizzativo.

Andrea Berni

Manager Practice QHSE, P4I - Partners4Innovation

«Il primo tema è quello della consapevolezza. Consapevolezza rivolta a tutte le risorse aziendali, ma anche e soprattutto alla leadership. Il secondo riguarda l’evidenza documentale: con l’introduzione della nuova norma, la ISO 9001 finalmente non è più solo burocrazia anzi, non è burocrazia. Dove c’è burocrazia i sistemi di gestione-qualità muoiono. Il terzo aspetto riguarda l’analisi del contesto: un’azienda per capire in quale ecosistema opera, deve capire quali sono i suoi stakeholder, quali sono i suoi competitor, qual è il suo mercato, in quale tessuto sta operando e soprattutto quali sono i suoi clienti. E poi c’è il tema della valutazione del rischio, che dev’essere vista come un’opportunità. È un passaggio difficile e complicato, ma le aziende devono ragionare in termini di valutazione dei rischi, anche considerando che i fattori di rischio interessano il contesto aziendale, ma anche la filiera dei fornitori. E infine, c’è la gestione del cambiamento. Nel momento stesso in cui si pensa a quali processi si adotteranno e a quali nuovi servizi, a quali nuovi prodotti proporrai sul mercato, sta già cambiando. E quella è la strada giusta. È su questi cinque punti che bisogna investire per far applicare un sistema di gestione coerente con quelli che sono gli obiettivi aziendali».

@RIPRODUZIONE RISERVATA
ISO 9001 del 2015: qualità e fiducia nelle persone per ridurre i rischi

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3