Scenari

Fattura digitale b2b: le prossime tappe

Dal 1° luglio 2016 l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti un servizio per la generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche. A seguire dal 1° gennaio 2017 toccherà al MEF consentire ai contribuenti di utilizzare il Sistema di Interscambio. Entrambi i servizi saranno forniti gratuitamente

02 Nov 2015

Redazione

Dal 1° gennaio 2017 entrerà in vigore il provvedimento che contribuisce alla semplificazione fiscale e alla digitalizzazione del Paese, grazie alla riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili, a vantaggio dei contribuenti che scelgono di avvalersi della fatturazione elettronica. È questo infatti l’obiettivo del Dlgs n. 127 del 2 settembre 2015, che rende operativi i benefici per i soggetti passivi IVA che utilizzano la digitalizzazione dei documenti nei rapporti commerciali tra privati.

In questo articolo facciamo il punto sui prossimi passaggi verso la diffusione della fattura digitale tra privati.

Innanzitutto il 1° luglio 2016 è la data entro cui l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti, gratuitamente, un servizio per la generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche (il medesimo previsto per la Fatturazione Elettronica verso la PA, il cui obbligo è entrato in vigore il 6 giugno 2014).

Dal 1° gennaio 2017 toccherà al Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) mettere a disposizione dei contribuenti, sempre gratuitamente, il Sistema di Interscambio (SDI) che diventerà, così come è accaduto con la Pubblica Amministrazione, lo strumento di veicolazione delle fatture tra fornitore e cliente. Tale strumento garantirà l’esito dell’invio e della ricezione della documento e restituirà in tempo reale lo stato delle operazioni rilevanti ai fini IVA.

WHITEPAPER
Una guida pratica alla modernizzazione del sistema EDI
Cloud
Dematerializzazione

Ma il 1° gennaio segna anche la partenza di ulteriori servizi volti a semplificare gli adempimenti:

  • Per specifiche categorie di soggetti passivi IVA di minori dimensioni, l’Amministrazione finanziaria realizzerà un programma di assistenza semplificato, differenziato per categoria di soggetti, con cui saranno messi a disposizione per via telematica gli elementi informativi necessari per le liquidazioni periodiche e per la dichiarazione annuale dell’IVA. Per questi soggetti è prevista una significativa riduzione degli oneri amministrativi e contabili (a patto che effettuino la trasmissione telematica dei dati di tutte le fatture, emesse e ricevute, e delle relative variazioni, anche mediante il Sistema di Interscambio, all’Agenzia delle Entrate, ndr), con l’esonero dalla registrazione delle fatture, dall’apposizione del visto di conformità e di prestazione della garanzia per i rimborsi Iva. A queste semplificazioni saranno ammessi anche soggetti che, pur non di dimensioni minori, intraprendano attività d’impresa, arte o professione, per il periodo in cui l’attività è iniziata e per i due successivi.
  • I soggetti non obbligati a emettere fattura se non su richiesta del cliente (art. 22, Dpr 633/1972) potranno optare per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi (articoli 2 e 3 dello stesso Dpr) all’Agenzia delle Entrate. Questa procedura andrà a sostituire la modalità di assolvimento dell’obbligo di certificazione fiscale dei corrispettivi, pur rimanendo attivo l’obbligo di emissione della fattura qualora sia richiesta espressamente dal cliente.
  • In tale data scatta invece l’obbligo a trasmettere telematicamente e memorizzare elettronicamente i dati per i soggetti che vendono prodotti attraverso i distributori automatici. A tal proposito sarà l’Agenzia delle Entrate a indicare le soluzioni possibili.

Ciò detto occorre sottolineare che la normativa ancora non è completa: con un successivo provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate verranno fissati le regole tecniche, i termini per la trasmissione telematica delle fatture, i modelli e ogni altra disposizione necessaria per l’attuazione delle disposizioni secondo principi di semplificazione, economicità e minimo aggravio per i contribuenti.

Importanti novità riguarderanno anche le modalità nuove e semplificate per i controlli fiscali, che dovranno essere dettagliate con un decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, da emanarsi entro i prossimi sei mesi.

Fattura digitale b2b: le prossime tappe

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3