Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

financial reporting

ENI, Banca Generali e SIA tra gli Oscar di Bilancio 2017. Premiata anche una startup digitale

Il riconoscimento promosso da FERPI, Borsa Italiana e Università Bocconi è andato anche a Sabaf (categoria PMI quotate) e Cesvi (non profit). L’Oscar per le startup è andato al portale web ProntoPro, quello per il Report Integrato ad Aspiag Service (Despar Nordest)

29 Nov 2017

Daniele Lazzarin

ENI, Banca Generali, SIA, Pirelli: nomi eccellenti tra i premiati con l’Oscar di Bilancio 2017, 53a edizione del riconoscimento promosso da FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana) con Borsa Italiana e Università Bocconi, che ha visto la partecipazione di più di 100 aziende. Nel dettaglio la giuria, presieduta dal Rettore dell’Università Bocconi Gianmario Verona, durante un evento al Palazzo della Borsa a Milano (nella foto) ha assegnato i seguenti Oscar:

ENI: categoria Grandi Imprese Quotate (Finalisti: A2A e Piaggio).

Banca Generali: categoria Imprese Finanziarie Quotate (Finalisti: Banca Intesa Sanpaolo e Banca Mediolanum)

Sabaf: categoria Medie e Piccole Imprese Quotate (Finalisti: Amplifon e IGD SIIQ)

SIA: categoria Imprese Non Quotate con fatturato minimo 100 milioni di euro (Finalisti: Fideuram-Intesa Sanpaolo Private Banking e Casillo Partecipazioni)

Cesvi Fondazione Onlus: categoria Fondazioni e Organizzazioni No Profit (Finalisti: Coop. Selios e Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo)

Le motivazioni dei premi in generale evidenziano la chiarezza e completezza dell’esposizione e della presentazione delle comunicazioni. Per ENI si sottolinea in particolare la presentazione di un Report Integrato, per Banca Generali il confronto esplicito con i concorrenti, per Sabaf la ricchezza della sezione sulle politiche di gestione delle persone, e per SIA l’approfondimento su strategie a medio termine e politiche di prevenzione dei rischi.

Le Menzioni Speciali sono state per Pirelli (miglior Comunicazione Finanziaria per la quotazione in Borsa), ProntoPro (miglior bilancio Startup e PMI Innovativa), Aspiag Service-Despar Nordest (miglior Report Integrato), e Opera San Francesco per i poveri (menzione di merito), con segnalazioni anche per i bilanci di ENPAM e QUAS nel segmento Welfare.

Proprio i premi alla migliore startup e al miglior Bilancio Integrato sono state le due principali novità di quest’anno. Nel primo caso l’Oscar di Bilancio si adegua ai tempi premiando un’impresa totalmente digitale: ProntoPro è infatti un portale web che mette in contatto domanda e offerta di lavoro professionale e artigianale, coprendo 430 categorie nell’ambito domestico (idraulici, elettricisti, falegnami, imbianchini, ecc.) ma anche nelle aree eventi, lezioni private, wellness, giardinaggio, informatica (qui l’intervista di EconomyUp alla cofondatrice Silvia Wang). È stata premiata “per la completezza, il dettaglio e la puntuale frequenza degli aggiornamenti agli investitori, che comprendono   l’andamento delle metriche operative e finanziarie della società, le sue necessità di recruiting, e il monitoraggio dell’ambiente esterno e della concorrenza”.

Quanto al premio per il Report Integrato, anche in questo caso gli organizzatori hanno colto un trend molto attuale: la crescente esigenza di ampliare il tradizionale bilancio incentrato sulle performance finanziarie, mostrando i legami tra queste e il contesto sociale, ambientale ed economico in cui opera l’organizzazione. Una tendenza in cui si inserisce il D. Lgs. 254/2016 (“comunicazione di informazioni di carattere non finanziario”) in vigore dallo scorso gennaio (ne abbiamo parlato estesamente in questo articolo), che ha introdotto per la prima volta in Italia l’obbligo di integrare il bilancio civilistico con una relazione “non finanziaria” sulle politiche ambientali, sociali e di governance dell’azienda. Obbligo che decorre già dall’esercizio 2017 per le società o holding quotate in Borsa oltre 500 dipendenti e 40 milioni di fatturato.

Come accennato, l’Oscar di Bilancio 2017 per il miglior Report Integrato è andato ad Aspiag Service-Despar Nordest, società della grande distribuzione organizzata (GDO) con base a Bolzano e sede amministrativa a Mestrino (Padova), ed è stato ritirato dal CFO (Chief Financial Officer) dell’azienda, Raffaele Trivellato.

Aspiag Service srl è la società (non quotata) concessionaria del marchio Despar nel Nordest e in Emilia Romagna. Con fatturato di 1,67 miliardi di euro e 7.450 collaboratori, gestisce 223 punti vendita diretti (insegne Despar, Eurospar e Interspar) e rifornisce una rete di 334 dettaglianti affiliati. La Giuria ha motivato l’assegnazione del Premio con la piena aderenza al Framework Internazionale del Reporting Integrato di IIRC, e con aspetti innovativi nell’informativa quali un esame dei trade-off tra i capitali aziendali e un’analisi dell’impatto dei rischi sugli stakeholder.

Le società partecipanti alla prima edizione del premio speciale per il Report Integrato sono state 17. Una grandissima e una piccola azienda hanno ricevuto la menzione speciale della giuria: Unicredit, e Stafer, realtà di Faenza che produce sistemi e componenti per la movimentazione di tapparelle e tende da sole.

Articolo 1 di 5