PMI

Teamleader, il CRM in cloud conquista le piccole aziende italiane

La giovane società belga, in Italia da un anno, ha raggiunto 560 clienti e punta a 1000 per fine anno. Il software online, che ha un costo a canone contenuto, permette di gestire clienti e prospect, dalla fase di primo contatto fino alla fatturazione e assistenza

02 Ago 2018

Agenzie di marketing e comunicazione, studi professionali, società di servizi: sono questi i clienti tipo di Teamleader, giovane società belga, nata nel 2012, che propone un software di CRM (Customer Relationship Management) in cloud semplice e particolarmente economico, ma ricco di funzionalità che possono essere aggiunte come tasselli indipendenti.

«Siamo in Italia da un anno e abbiamo 560 clienti, che prevediamo diventeranno 1000 per fine anno, per poi crescere del 10% l’anno prossimo – dice Lorenzo Tiberi, Sales Manager di Teamleader in Italia -. Proponiamo un tool intuitivo, intelligente e facile da usare, per  gestire clienti e prospect, dalla fase di primo contatto fino alla fatturazione. Il tool segue tutto il flusso in modo lineare e questo è il punto di forza di Teamleader: permette di seguire trattative, mandare preventivi, gestire progetti, tracciare il tempo speso, creare fatture, gestire l’assistenza. Ci rivolgiamo a piccole imprese che hanno bisogno di gestire al meglio i propri processi. In Italia sono 4 milioni»

On demand
Il racconto di Carlo Cottarelli e Brunello Cucinelli. Rivivi il Think Digital Summit
Cloud
Risorse Umane/Organizzazione

Nata come web agency da tre studenti di Ghent, Teamleader oggi ha uffici in Francia, Italia, Olanda, Spagna e Germania. Il successo e i finanziamenti alla start up sono arrivati per aver individuato un’area scoperta del mercato, quella di un CRM/gestionale a misura di piccola impresa e acquistabile a canone a un prezzo contenuto, variabile con il numero di utenti e modulabile sulle esigenze. Un altro punto di forza è la possibilità di agganciarsi ad altri software: un aspetto su cui la società intende investire, tanto da aver annunciato la disponibilità di un Integration Fund del valore di 1 milione di euro destinato a tech companies, developer, software house, distributori di piattaforme SaaS e startup europee per lo sviluppo e il miglioramento di integrazioni tra i loro prodotti e l’azienda stessa.

Ai clienti viene offerta assistenza in italiano, da remoto, e un supporto iniziale di tre mesi, un periodo di consulenza non solo dedicato all’uso del tool ma anche alle opportunità per digitalizzare i processi e trasformare il lavoro in chiave digitale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4