Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Videointervista

RCS MediaGroup, quando i prodotti digitali sono al centro delle strategie

Il gruppo ha stravolto strategie, modelli di delivery e politiche di sourcing IT. Come racconta il CIO, Umberto Tonelli, i modelli di fruizione dei contenuti editoriali sono cambiati. Servono nuove competenze, più potenza a livello infrastrutturale e una delivery rapida dei progetti. Il partner ideale? «Quello che è in grado di supportarci al meglio nello sviluppo dei prodotti digitali». Come Fincons Group, che ha curato diversi progetti e supportato RCS nella realizzazione di alcuni portali, tra i quali il campione di visualizzazioni GazzaNet

30 Nov 2017

Annalisa Casali

Il passaggio da un IT “di processo” – di supporto ai processi di business – a un IT “di prodotto”, che trasforma il reparto sistemi informativi in una software factory in grado di realizzare applicazioni digitali in breve tempo, traccia il percorso di Digital Transformation di RCS MediaGroup. Il gruppo, che edita il “Corriere della Sera”, “La Gazzetta dello Sport” e gestisce eventi di respiro internazionale come il Giro d’Italia, negli ultimi anni ha riscritto completamente le leve strategiche del business, attivando nuovi servizi, prodotti digitali e canali multimediali, e rivedendo le logiche di abbonamento ai contenuti a pagamento. Una “rivoluzione” che si riverbera anche nelle strategie di sourcing IT, come tiene a sottolineare il Chief Information Officer, Umberto Tonelli: «Il passaggio da un modello completamente esternalizzato a un IT riportato “in house” si affianca all’introduzione in azienda di metodologie di sviluppo Agile utili per ridurre i tempi di rilascio delle applicazioni, perché il time-to-market è, oggi, una variabile fondamentale per vincere le sfide competitive».

A livello applicativo, gli elementi portanti della nuova trasformazione digitale sono piuttosto chiari: gestione dei dati, mobile, video e contenuti a pagamento. L’obiettivo è anticipare le esigenze dei lettori, che richiedono prodotti editoriali “ricchi” e accessibili in ogni momento, in qualunque luogo, da qualunque dispositivo.

Il partner ideale? «Quello che è in grado di supportarci al meglio nello sviluppo delle nostre strategie», chiarisce il manager.

Ed ecco spiegata la riconferma di Fincons Group, fornitore storico di RCS MediaGroup, che in passato si è occupato di diversi progetti tra cui il restyling dei siti web del gruppo, dell’introduzione di numerose App mobile e dello sviluppo del sito GazzaNet.

La possibilità di utilizzare il Delivery Center di Bari di Fincons Group permette al noto editore di mantenere i propri sistemi IT sempre aggiornati a tariffe giudicate da Tonelli stesso molto interessanti, per sostenere una digital transformation che, nei prossimi mesi, vedrà anche l’introduzione in azienda di ulteriori tecnologie innovative. «Tutti temi sui quali Fincons, come è avvenuto in passato, sarà chiamata a confrontarsi e supportarci», conclude Tonelli.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4