Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperienze

Marchesini, interfaccia unica per Erp, intranet e tutte le applicazioni

Il gruppo bolognese, produttore di macchine per il packaging dei settori farmaceutico e cosmetico, ha adottato un pacchetto che comprende il gestionale, un middleware di integrazione e una soluzione di consolidamento e collaboration. «Alcune customizzazioni sono vere migliorie delle funzioni standard, che abbiamo proposto al vendor»

17 Nov 2014

Redazione

La sede di Marchesini Group a Pianoro (BO)Marchesini Group è un gruppo di aziende specializzate nella produzione di macchine per il packaging nei mercati farmaceutico e cosmetico, con quartier generale a Pianoro, presso Bologna (nella foto). Il fatturato consolidato 2013 è stato di 206,5 milioni di euro, generato per l’87% da esportazioni in Europa, Cina e America Latina. il Gruppo copre l’intero processo di confezionamento, con 14 divisioni produttive, e i suoi clienti più importanti sono multinazionali farmaceutiche come Novartis, Sanofi-Aventis, Wyeth, Pfizer, e cosmetiche come Gruppo L’Oréal, Procter & Gamble, Dior Parfum, Guerlain Paris, cui fornisce soluzioni realizzate “ad hoc”. L’offerta è ‘on demand’, adattabile alle esigenze dei diversi clienti, con una cura sartoriale nella progettazione unita a una forte attenzione per il servizio di post vendita e l’assistenza su scala globale.

Queste caratteristiche si rispecchiano nelle esigenze dell’IT. Come spiega Roberto Altena, Responsabile dei Sistemi Informativi Gestionali di Marchesini Group, «per noi è importante disporre di una infrastruttura flessibile, capace di assicurare risposte veloci a una domanda dei clienti che spesso cambia anche in corso d’opera, accompagnando così al meglio la continua crescita dell’azienda sul mercato». L’evoluzione dell’IT di Marchesini prende il via a fine anni ’90 con la scelta del sistema ERP Baan IV di Infor. A metà del 2012 l’azienda ha deciso di rivedere l’intero SI e, dopo una software selection di alcuni mesi, di restare nel mondo Infor, puntando sulla versione 10.3 di LN, evoluzione della linea ERP di Baan.

La nuova soluzione fornisce maggiori funzionalità applicative che, spiega Altena, «si sono tradotte in minori modifiche al software standard, oltre che in prospettive di crescita nel futuro. Inoltre – prosegue il responsabile SI di Marchesini Group – dal punto di vista dell’utente il nuovo software di Infor fornisce la possibilità di ‘navigare’ il dato/informazione in modalità completamente nuove». La versione 10.3 di LN infatti rappresenta un deciso passo in direzione di trend come Cloud e ‘social’.

Infor LN 10.3 viene fornito come un package che integra il prodotto ERP e due altri componenti, ION e Infor Ming.le. ION (Infor Open Network) è un middleware per integrare le applicazioni business di Infor (ERP, CRM, gestione della supply chain, EAM per la gestione della manutenzione e degli asset) tra di loro e con applicazioni di altri vendor o sviluppate dalle stesse aziende utenti. Infor Ming.le invece è una piattaforma che sfrutta la tecnologia ION per consolidare le applicazioni business e i dati relativi in un’unica singola interfaccia, con funzioni anche di comunicazione e collaborazione.

LN 10.3 è al centro del progetto del nuovo Sistema Informativo di Marchesini Group che, sotto la guida di Roberto Altena, ha visto impegnato un team interno di una decina di addetti della struttura SI e altrettanti specialisti e consulenti di CDM Tecnoconsulting, uno tra i principali partner di Infor italia. Il progetto ha rispettato i tempi concludendosi con il “go live” l’1 gennaio 2014. «È stato un lavoro impegnativo – afferma Altena -. Tutti i dati nei precedenti sistemi Baan sono stati portati sul nuovo sistema Infor, che dal punto di vista funzionale è più ricco del precedente, con molti interventi di customizzazione che in qualche caso si sono trasformati in vere e proprie migliorie delle funzionalità standard di LN, che abbiamo proposto a Infor per le prossime versioni di LN».

Le nuove funzionalità di LN 10.3 e l’integrazione con ION e Infor Ming.le hanno consentito di allargare il bacino d’utenza del gestionale. Con la precedente versione erano 250 gli utenti del gruppo supportati, mentre oggi sono circa 1500 i profili, dai disegnatori, ai progettisti e altri addetti, che possono accedere direttamente al gestionale, secondo i diversi livelli di autorizzazione costruiti direttamente con i ruoli di LN.

L’obiettivo più ambizioso del progetto però era di costruire intorno al nuovo ERP una piattaforma che integrasse, offrendo la stessa interfaccia, le applicazioni LN native con tutte le altre applicazioni aziendali, a partire da quelle intranet sviluppate internamente. «All’interno di Infor Ming.le girano i prodotti Infor a cui abbiamo aggiunto, utilizzando delle funzionalità dell’applicativo, la nostra intranet, ridisegnata e rivista. Questo ci permette di entrare direttamente dalle nostre applicazioni intranet nel gestionale». Per esempio se un utente, nel consultare un report sviluppato con tecnologie web, deve verificare la correttezza di un dato, gli è sufficiente un click per accedere, se autorizzato, direttamente alle transazioni di LN.

A questo punto tra i programmi più immediati c’è l’utilizzo di ION per sviluppare alcuni workflow costruiti “su misura”, uno per il pagamento delle fatture, e un altro che attiva in automatico degli allarmi al verificarsi di particolari eventi sul gestionale. «Il tutto però seguendo un approccio improntato alla cautela: l’utilizzo e la piena integrazione di queste tecnologie non trova, come accade per ogni innovazione, completa e immediata accettazione da parte degli utenti. Inoltre queste nuove tecnologie, Infor Ming.le in particolare, sono molto recenti e vivono un’evoluzione continua con il succedersi delle release: l’importante è conoscere la direzione che il fornitore intende dare a questa evoluzione e da questo punto di vista il manager di Marchesini Group si sente al sicuro, visto l’ottimo rapporto stabilito con Infor».

Articolo 1 di 5