Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperienze

Le tecnologie digitali che aiutano i retailer a battere la crisi

Web e Mobile come opportunità di innovare i servizi ai clienti per le imprese che operano nel commercio al dettaglio. A Smau la Regione Lombardia ha presentato alcune esperienze particolarmente significative

28 Ott 2013

Alessandro Longo

Valorizzare le attività commerciali di un territorio grazie a nuove tecnologie- mobile, web, Wi-Fi: è un fenomeno che comincia a fornire casi di studio interessanti, anche in Italia. È quanto emerso durante Smau 2013, con una selezione di casi a cura della Direzione generale Commercio Turismo e Terziario di Regione Lombardia.

Per esempio spiccano- per rilevanza data durante l’evento- il progetto Itinerari dell’attrattività, sviluppato da Confcommercio e Distretto del Commercio di Como, e Mantovaclic (di Magri srl e Fennane Group). Il primo è una piattaforma (per ora un sito, presto una app) che censisce le attività commerciali, fornisce al visitatore un percorso guidato sul territorio. La seconda è un pacchetto tecnologico offerto ai negozi di Mantova: connessione Wi-Fi e un portale con cui interagire con i propri clienti senza che sia richiesta competenza tecnica agli esercenti.

«La Direzione generale Commercio Turismo e Terziario di Regione Lombardia ha scelto di utilizzare quest’anno Smau per presentare alcuni casi particolarmente significativi di utilizzo delle tecnologie digitali nel campo del retail», ci ha spiegato Paolo Mora, direttore DG Commercio Turismo Terziario della Regione Lombardia. «Siamo infatti convinti che oggi le potenzialità offerte dal digitale alle imprese che operano nel commercio al dettaglio siamo molto significative ma ancora poco conosciute e valorizzate, mentre sarebbero una risorsa importante per rinnovare l’offerta commerciale e consentire anche ai punti vendita di piccole dimensione di battere la crisi».

Un data base delle attività commerciali di Como

Il primo dei due casi è in via di sviluppo. «E’ iniziata la costruzione di un database che partisse dai dati già forniti dal Registro delle Imprese della Camera di Commercio e li completasse con altre informazioni più direttamente utili all’utenza come, ad esempio: l’insegna e non solo la ragione sociale dei punti vendita (PDV), i dati di contatto, la categoria merceologica dettagliata», spiega Lorenzo Donegana, del Distretto. Tutto ciò è accessibile dal sito Shopincomo.com e poi con un app di geolocalizzazione.

Primo scopo è consentire a chi visita Como di orientarsi tra le attività commerciali, con uno strumento che si vuole più accurato, aggiornato e meglio indirizzato rispetto a generici siti e app che raccolgono le attività commerciali (com’è per esempio Tripadvisor per hotel e ristoranti).

È solo il primo passo, «la raccolta dei dati dell’offerta commerciale alimenterà un più ampio sistema di CRM. Raccoglieremo anche le informazioni che riguardano il pubblico e le incroceremo con quelle dell’offerta: la piattaforma di CRM doterà il Distretto di uno strumento fondamentale per verificare, misurare e studiare la vita commerciale della città nonché per la pianifica più puntuale delle attività future», dice Donegana. Insomma, diventa uno strumento di big data analytics per il commercio locale.

Nascerà anche un programma di fidelizzazione per gli utenti che si iscrivono al sito o all’app. «I dati del pubblico verranno incrociati con quelli dell’offerta permettendo al Distretto di creare e promuovere pacchetti personalizzati da comunicare attraverso newsletter dedicate e multilingue», dice Donegana.

Wi-Fi e servizi a Mantova

Mantova Clic è più semplice. Offre gratis ai negozianti hot spot Wi-Fi, che è il primo gradito di un’offerta comprendente vari servizi. La possibilità di aggiornare il portale di accesso Wi-Fi con notizie su eventi locali o nuovi arrivi. Un sistema per avvisare i clienti via sms su fatti che li riguardano (offerte mirate, avvisi del tipo “i suoi occhiali sono pronti” eccetera). C’è anche la possibilità di raccogliere punti su una carta fedeltà virtuale, associata all’account del cliente accessibile via web.

È un modello simile a quello che sta sviluppando la trentina Futur3 sul territorio nazionale, con accordi con catene come Mediaworld e Feltrinelli, dove ha installato reti Wi-Fi che danno accesso a portali di marketing di prossimità.

Regione Lombardia ha presentato altri casi a Smau. Eccone una selezione:

  • WEBAPP – Distretto Del Commercio Alta Val Seriana – Clusone

Il progetto prevede la creazione di una Web App, utilizzabile da qualsiasi smartphone o tablet. Al suo interno l’applicazione riporta, per ciascun negozio aderente all’iniziativa, informazioni anagrafiche e di contatto, la mappa con indicazione di dove si trova (con possibilità di richiamare il navigatore GPS del dispositivo) e, soprattutto, una promozione speciale concordata con il Distretto. In questo modo, tutti coloro che scaricheranno l’App avranno sempre in tasca l’elenco dei negozi e delle loro promozioni.

  • Varese Smart City

Sperimentazione della tecnologia NFC (Near Field Communication) per la promozione del Territorio di Varese. NFC è una tecnologia di comunicazione wireless a corto raggio che permette a due dispositivi (tipicamente tag NFC e smartphone NFC), posti a breve distanza tra loro, di scambiarsi dati.

  • Fidelity Card Abbiategrasso

Progetto di fidelizzazione tramite l’utilizzo non univoco della CRS (Carta Regionale dei Servizi) con l’obiettivo di farla diventare strumento di promozione e fidelizzazione e di responsabilità sociale verso il territorio del distretto. Il cliente ad ogni acquisto accumula punti, che poi ha la possibilità di cedere per contribuire al miglioramento del contesto cittadino.

  • Progetto Street Check del Distretto del Commercio di Busto Arsizio

Censimento della rete commerciale (streetcheck) attraverso la rilevazione delle caratteristiche dell’offerta quali la tipologia di esercizio commerciale, la localizzazione e la categoria merceologica. Sono state raccolte informazioni sia di tipo aziendale (recapiti telefonici, indirizzi e-mail, ecc.) necessarie all’attivazione di strumenti di comunicazione e di informazione rivolti agli operatori economici del Distretto, sia di tipo immobiliare (negozi sfitti, immobili da affittare, spazi a disposizione, dati sui canoni di locazione eccetera).

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
commercio
R
Regione Lombardia
R
retail
Le tecnologie digitali che aiutano i retailer a battere la crisi

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 3