Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Le priorità dei CIO per il 2013

L'innovazione di 3 Italia passa per il Cloud

Quest’anno le ultime fasi del grande progetto di ottimizzazione dei Data Center. Intervista ad Antonella Ambriola, Chief Technical Officer

28 Gen 2013

Antonella Ambriola, Chief technical officer 3 italiaTerminato il 2012, l’operatore mobile “3” non ferma la sua ascesa all’innovazione e punta su due temi di principale importanza per lo sviluppo tecnologico nel nuovo anno, strettamente correlati tra loro: Data Center e Cloud.

«Abbiamo iniziato nel 2010 un programma di modernizzazione introducendo un Private Cloud che ci ha permesso di ottimizzare i nostri Data Center e di ridurli da 5 a 2 – uno a Milano e uno a Roma – risparmiando spazio, energia e numero di server – spiega Antonella Ambriola, Chief Technical Officer di 3 Italia – abbiamo così ridotto i costi di circa il 50% migliorando allo stesso tempo la qualità del servizio».

L’intero progetto di Private Cloud, che ha permesso a 3 Italia di abbandonare qualunque struttura hardware a favore dell’acquisizione di capacità computazionale, si concluderà nel corso del 2013, attraverso un programma di modernizzazione del desktop con thin client per i call center e il trasporto di tutte le applicazioni su architettura target basata sui blade IntelX86.

«Non c’è più valore aggiunto nel possedere fisicamente i server. Abbiamo scelto di avere un solo partner di riferimento nell’ambito della tecnologia con cui abbiamo firmato un contratto di 7 anni che prevede un capacity planning e onde periodiche di refresh tecnologico», sottolinea Ambriola.

Articolo 1 di 4