Dati e informazioni territoriali, la location intelligence in Friuli Venezia Giulia

Sponsored Story

Dati e informazioni territoriali per la PA, è tempo di Location Intelligence. L'esperienza del Friuli Venezia Giulia

Insiel sta lavorando a innovativi progetti che integrano fonti informative diverse, geografiche e non geografiche: in questo contesto gli strumenti GIS realizzati dalla ICT in house del Friuli possono rappresentare un supporto fondamentale per l’operatività e le valutazioni strategiche

25 Nov 2020

Redazione

L’urgenza di segnalare un cedimento del terreno o la rottura di un tubo d’acqua, la possibilità di seguire l’iter burocratico delle pratiche relative alla propria casa, senza ricorrere a domande formali e carte bollate. Oppure poter consultare orari e percorsi dei mezzi di trasporto pubblico, ma anche di servizi privati, ottimizzando percorsi, tempi e costi e i punti di accessibilità o verificando l’eventuale presenza di barriere architettoniche.
Sono solo alcuni esempi di esigenze quotidiane frequenti, che richiedo dati e informazioni territoriali per la PA, alle quali gli amministratori pubblici devono far fronte per il bene della collettività. Esigenze che possono venire gestite al meglio attraverso strumenti e dispositivi in grado di garantire una visione precisa, basata su evidenze scientifiche ed esaustive, tenendo conto soprattutto della sicurezza delle persone e del territorio e individuando le scelte di governo più efficaci.

La georeferenziazione di frequente è il punto centrale di molti processi decisionali che riguardano cittadini, professionisti e amministratori locali. Ad oggi, l’area Servizi e sistemi per ambiente, territorio e agricoltura di Insiel S.p.A. – ICT in house della Regione Friuli Venezia Giulia – si colloca come leader nel settore cartografico per la pubblica amministrazione, a supporto fondamentale per i processi di programmazione, di monitoraggio, di governo e di promozione del territorio, per le imprese, extra regionali e transfrontaliere.

Insiel opera nel settore dei Sistemi Informativi Territoriali da oltre trent’anni, nel corso dei quali ha prodotto un notevole patrimonio di dati cartografici e geografici: l’azienda ha sviluppato e consolidato una profonda competenza nella loro gestione, elaborazione e condivisione e ha implementato – anche appoggiandosi a fornitori leader di mercato – un’ampia offerta di soluzioni GIS di back office e di front end ad uso delle Pubbliche Amministrazioni, dei professionisti e dei cittadini. Ora, si tratta di guardare al futuro e Insiel sta progettando nuovi sistemi che prevedono l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, utili a fornire soluzioni e nuove funzioni di apprendimento automatico (Geo.AI). Attualmente è più che mai necessario e urgente muoversi in questa direzione: dati e informazioni territoriali sono indispensabili per predisporre in modo pertinente interventi e piani progettuali per garantire la tutela della sicurezza e della salute. Basti pensare all’emergenza sanitaria da Covid 19 e a come essa abbia evidenziato l’importanza fondamentale della mappatura territoriale dei contagi, elemento cruciale per la gestione ed il contrasto al dilagare dell’epidemia.

Il prossimo biennio sarà in questo senso per Insiel particolarmente sfidante: l’azienda punta all’integrazione fra fonti informative diverse, geografiche e non geografiche e in questo contesto gli strumenti GIS Insiel possono rappresentare un supporto fondamentale per l’operatività e le valutazioni strategiche – DSS, Decision Support System – di amministratori, tecnici, professionisti e cittadini interessati ad elaborare o consultare dati a componente geografica. La geolocalizzazione, oltre che nell’ambito dell’informazione geocartografica e della ricerca, giocherà un ruolo fondamentale attraverso l’infomobilità, il geocoding, i sistemi di intelligenza artificiale e i dati generati da sensori.

La location Intelligence risponde dunque a un’esigenza sempre più forte di dati molto accurati da utilizzare nei processi decisionali già consolidati o in quelli di automazione e il loro miglioramento avrà effetti positivi sulla qualità delle soluzioni. La tendenza è quella di far convergere tutto ciò che riguarda i GIS e l’Analytics in un unico contesto, consentendo la creazione di un sistema che utilizzi una base di conoscenza elaborata da tecniche di machine learning. L’obiettivo è la creazione di algoritmi in grado di imparare da eventi passati: oltre che a dare risposte le nuove tecnologie saranno in grado anche di interpretare le domande.

Che si tratti della tutela dello sviluppo del patrimonio ambientale, di installazione di sistemi di monitoraggio del territorio o del traffico, di geo-referenziare strutture e dispositivi sanitari, di pianificare un percorso in bicicletta, di ricevere con tempestività allerte meteo con indicazioni specifiche relative al luogo in cui ci troviamo, i dati e informazioni territoriali costituiscono elementi conoscitivi ormai ineludibili e di rilevanza strategica nel governo del territorio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4