Sponsored Story

UniQa, l'approccio progettuale innovativo di Formula Impresoft per una digital transformation di successo

Una piattaforma applicativa modulare e integrata, ma soprattutto metodologie consolidate, competenze sulle tecnologie di ultima generazione ed esperienza nei diversi settori merceologici: ecco come l’azienda supporta la digitalizzazione delle imprese. Lo spiega Marco Zanetti, Professional Services Director di Formula Impresoft

25 Mar 2022

Redazione

Secondo una recente indagine di Boston Consulting Group, il 70% delle iniziative di digital transformation non raggiunge i risultati attesi, malgrado l’investimento economico nei progetti sia cresciuto (dati IDC) a 1,3 trilioni di dollari nello scorso anno. Le ragioni di fallimento sono molteplici. In primis, molte imprese pensano erroneamente di poter affrontare la digital transformation con interventi tecnologici e non considerano con attenzione i cambiamenti a livello delle persone e dei modelli di business.

Tra le cause d’insuccesso c’è l’avvio di nuove iniziative digitali con modalità e tempi non congrui, oppure senza i presupposti per poter creare reale valore di business. In altri casi non si hanno gli strumenti adatti per misurare i risultati e non si è preparati a gestire fallimenti/modifiche come aspetti strutturali dei nuovi modelli di business. Molte delle difficoltà rilevate sono correlate con gli aspetti di cultura aziendale e di processo. C’è la difficoltà di molte aziende a rinnovarsi dall’interno senza adeguati apporti d’esperienza.

La digital transformation non si realizza con salti nel buio, ma seguendo percorsi tagliati su misura, per tempi, disponibilità di risorse e priorità dello specifico business. «Un obiettivo che noi indirizziamo con il portafoglio dei Servizi Professionali – ci spiega Marco Zanetti, Professional Services Director di Formula Impresoft –. Servizi su misura per supportare le fasi di implementazione, d’avviamento dei nuovi sistemi, così come quelle cruciali di ridefinizione dell’organizzazione e dei processi. Un risultato efficace dipende dalla capacità di mettere insieme le competenze sulle tecnologie d’ultima generazione, le metodologie più adatte con l’esperienza delle dinamiche caratteristiche nei diversi settori merceologici».

Marco Zanetti

Professional Services Director di Formula Impresoft

Il portafoglio di soluzioni UniQa per la digital transformation

La trasformazione digitale ha bisogno innanzitutto di strumenti capaci di raccogliere e valorizzare al meglio i dati aziendali al di fuori dei tradizionali silo divisionali e quindi integrarli e utilizzarli nei processi, sia all’interno sia all’esterno dell’organizzazione. Questa è la visione che Formula Impresoft ha condensato in UniQa: piattaforma tecnologica ed ERP modulare pensata per le esigenze di fruizione dati dei C-level così come degli operatori aziendali. UniQa è una piattaforma che va braccetto delle applicazioni già esistenti (attraverso connettori preconfigurati o adattati ad hoc), che integra nativamente le funzionalità di Sage X3, NetPro, Sharelock e altre componenti permettendo la creazione di processi integrati adatti ai diversi use case. Si aggiunge alla piattaforma il portafoglio servizi che va dal supporto progettuale e di gestione delle applicazioni (sia in on premise sia in cloud) agli aiuti per l’innovazione dei processi.

UniQa supporta il cambiamento aziendale su tre livelli:

  1. Aumenta la resilienza nei confronti della mutevolezza dei business, attraverso il supporto di applicativi legacy, del cloud sicuro, di capacità d’intelligenza artificiale/machine learning, dello smart working con Office 365 e dei più moderni servizi per la governance delle infrastrutture, per il change management, la formazione e la cybersecurity;
  2. Rende più efficace la corporate execution. Comprende gli strumenti per la creazione del valore e l’ottimizzazione delle risorse, per la connessione delle macchine in fabbrica e il miglioramento dei rapporti con il cliente (CRM, digital marketing, processi post-vendita…);
  3. Facilita la corporate governance, unendo le capacità classiche di BI e di corporate performance management (CPM) con le abilità necessarie per simulare gli scenari futuri e lo stato dell’azienda in caso di eventi o cambiamenti. Prerogativa essenziale a una piattaforma per la digital transformation è il supporto alla costruzione e alla ridefinizione dinamica dei piani strategici attraverso l’utilizzo dei “dati vivi”, derivati dal monitoraggio delle attività in essere.

I vantaggi dell’approccio metodologico unificato di UniQa

I servizi professionali sono un apporto fondamentale per realizzare l’aggiornamento applicativo e supportare i cambiamenti funzionali alla trasformazione digitale. Servizi che, per essere efficaci, non possono seguire gli approcci a compartimenti stagni del passato: «L’implementazione di nuove applicazioni richiede la condivisione dell’approccio metodologico e la standardizzazione dei supporti documentali e tecnologici – spiega Zanetti –. Abbiamo innovato la nostra metodologia per tenere conto di tutte le componenti di UniQa, combinando l’approccio tradizionale e consolidato Waterfall con gli Sprint tipici della metodologia agile».

I circa 200 consulenti di Formula Impresoft di UniQa condividono oggi tale metodologia ed i relativi deliverables progettuali, il tutto anche attraverso l’introduzione di strumenti tecnologici a supporto (cloud di condivisione, strumento di gestione e pianificazione delle risorse, piattaforma di elearning, ecc..): «Questo a prescindere dalla soluzione – precisa Zanetti –. L’analisi è impostata nello stesso modo, così come esiste un unico format per i kickoff, gli stati avanzamento lavori, le checklist di test, i collaudi.

Una capacità che viene poi trasferita dai consulenti ai clienti». Condividono linee comuni le attività di progetto che hanno differenti interlocutori aziendali, come responsabili di produzione e CFO: «Le scelte fatte, per esempio, nel controllo di gestione hanno ripercussioni trasversali in altri campi come pianificazione e MES (Manufacturing Execution System) – continua Zanetti -. Per questo serve allineamento nel lavoro dei team, così come una gestione unificata da parte del capoprogetto. Serve essere preparati a gestire in modo pragmatico progetti d’implementazione sempre più complessi».

I consigli per una digital transformation di successo

In sintesi, la digital transformation non è soltanto tecnologia ma un cambiamento che riguarda in massima parte l’organizzazione, la cultura e la capacità di dare supporto a differenti modelli di business. Per questo l’azienda deve chiedersi innanzitutto dove sia opportuno creare valore, adeguando di concerto le competenze e le tecnologie al fine di adattare i processi e migliorare la customer experience.

Per non far fallire i progetti serve fissare chiari obiettivi di business e concentrare su questi il massimo impegno. È inoltre importante individuare gli ambiti più semplici dove avviare le prime trasformazioni, trampolino di lancio per i cambiamenti globali dell’azienda. Occorre sempre tener presente che la digital transformation è un percorso e non una meta. Richiede l’acquisizione di una cultura aziendale più dinamica e aperta al cambiamento. Per riuscire occorre creare un ambiente aziendale più aperto e collaborativo, avvalendosi dei necessari apporti tecnologici e consulenziali per accelerare il cambiamento.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4