Trend

Trasporto merci: tra innovazione e digitalizzazione la logistica non si ferma

La digitalizzazione, in questo momento storico, sta dando prova della sua trasversalità e dell’importanza di applicarla in ogni ambito, compresa la Logistica. Si tratta di una sfida da cogliere non solo per essere più competitivi sul mercato, ma anche per poter operare in ottica funzionale e ambientale, ed essere reattivi in momenti di emergenza come quello che stiamo vivendo

17 Apr 2020

Daniele Furfaro

CEO, Macingo

Gianandrea Ferrajoli

Presidente e CEO, Mecar

La filiera della logistica ha modellato l’industry del trasporto merci orientando la bussola nella direzione della digitalizzazione e modernizzazione.

Secondo le stime dell’Osservatorio Contract Logistics del Polimi, in Italia nel 2018 il settore della logistica ha fatturato 84,5 miliardi di euro. Si tratta di un comparto in salute con una crescita continua dal 2015, dovuta presumibilmente a un modello organizzativo strategico e innovativo che tende alla personalizzazione dei processi, alla diffusione di app e soluzioni 4.0 in grado di automatizzare e semplificare alcune attività.

Il settore della logistica guarda con grande interesse alle soluzioni tecnologiche, infatti, secondo “The state of logistic report 2019″ di Eft, oltre il 70% delle aziende sta incrementando gli investimenti in ICT: intraprendere un percorso di digital transformation oltre a ottimizzare i processi interni aiuta a ridefinire il proprio assetto organizzativo e a differenziarsi dai competitor.

Il digital e la sostenibilità a servizio della logistica

Tornando poi a come il digitale sta cambiando il volto del trasporto merci, un aspetto da non sottovalutare è quello della sostenibilità. Infatti è innegabile che la logistica abbia un impatto importante sulle emissioni di CO2 e sull’inquinamento, va quindi rimodulata in termini di sviluppo sostenibile, con l’obiettivo diimpattare meno sul nostro pianeta e generare valore per la società. In questo scenario la chiave di volta sta proprio nel combinare la logistica e il digitale.

WHITEPAPER
Sicurezza e strumenti digitali intelligenti: il nuovo volto dello Smart Working
Dematerializzazione
Network Security

Questo vuol dire che abbiamo quindi due risorse preziose da integrare nei nostri business model, il digital e la sostenibilità, che se messe a sistema ci consentiranno di essere efficienti senza depauperare il nostro pianeta.

Le soluzioni messe in atto possono essere le più svariate, nel nostro caso prendono forma in Macingo e Mecar. Si tratta di due aziende che hanno convertito il trasporto merci in chiave sostenibile. Se da un lato Macingo ha digitalizzato il settore creando una community che mette in contatto trasportatori e consumatori ottimizzando tratte, carichi e costi e abbattendo così le emissioni di CO2, dall’altro Mecar ha saputo trasformarsi in una service provider company capace di cavalcare il potenziale della disruption digitale e adottare soluzioni tecnologiche all’avanguardia per un trasporto sostenibile.

La capacità di risposta della logistica in questo periodo di emergenza

La digitalizzazione, in questo momento storico, sta dando prova della sua trasversalità e dell’importanza di applicarla in ogni ambito. Si tratta di una sfida da cogliere non solo per essere più competitivi sul mercato, ma anche per poter operare in ottica funzionale e ambientale. Questo vale anche e soprattutto per la logistica che, in questo momento ha un ruolo fondamentale per l’Italia e per il resto del mondo. Un comparto che seppur segnato dall’epidemia non si ferma, ma opera nel rispetto delle varie disposizioni emanate per contenere il contagio. Se oggi gli approvvigionamenti sono garantiti lo dobbiamo a tutti gli operatori del trasporto e della logistica, che insieme a medici, infermieri, commessi, sono in prima linea e consentono all’Italia di andare avanti malgrado lo stop imposto all’intero Paese per contenere la diffusione del Covid-19.

I trasportatori, infatti, continuano a lavorare con grande dedizione, rispettando tutte le misure di sicurezza sanitaria. Viaggiano da soli all’interno dell’abitacolo, utilizzano guanti e mascherine e non hanno contatti con altre persone, sia durante l’operazione di carico che in quella di scarico. Stanno facendo un’attività fondamentale garantendo il servizio e rispettando gli adempimenti normativi con un grande senso di responsabilità.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4