Ecolog: il progetto green per la logistica del vino tra Langhe e Monferrato

Innovazione

Ecolog: il progetto green per la logistica del vino tra Langhe e Monferrato

Lanciata da Consorzio Barolo Barbaresco e Coldiretti Cuneo insieme all’Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo, con il supporto del partner tecnologico Tesisquare, l’iniziativa punta a ridurre l’impatto ambientale della logistica del vino per una migliore vivibilità del territorio, preservarne la bellezza ed esaltarne al massimo l’attrattività

11 Mag 2021

Redazione

Nel Distretto dei vini delle Langhe, Roero e Monferrato la logistica diventa 4.0 in ottica green. In uno dei paesaggi vitivinicoli più suggestivi del nostro Paese tanto da essere riconosciuto Patrimonio Unesco, la digitalizzazione dà un valido contributo per preservarne la bellezza ed esaltarne al massimo l’attrattività: nasce così il progetto Ecolog, che ha portato ad abbattere del 33% il traffico di mezzi pesanti sulle colline di Langa, incentivare l’ecoturismo e a dimezzare le emissioni giornaliere di CO2 nell’atmosfera, migliorando la qualità dell’aria.

Con Ecolog la logistica diventa green

Il progetto di logistica Ecolog, iniziativa lanciata da Consorzio Barolo Barbaresco e Coldiretti Cuneo insieme all’Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo, è nato per rispondere a un problema fortemente sentito dalle comunità delle Langhe, ovvero la presenza di un notevole numero di mezzi pesanti che attraversano centri abitati e strade panoramiche, limitandone la godibilità da parte dei visitatori che ogni anno tra queste colline superano il milione e mezzo. Ridurre il passaggio di mezzi pesanti significa inoltre abbassare il livello di CO2 nell’atmosfera migliorando la qualità dell’aria.

QUIZ
[Quiz] Quanto sei predisposto al cambiamento?
Amministrazione/Finanza/Controllo
Fashion

“Siamo partiti da un problema e abbiamo cercato una soluzione che non fosse solamente sostenibile dal punto di vista ambientale ma anche fortemente innovativa e vantaggiosa per le cantine. Ecolog punta a riformare completamente la logistica del nostro settore, anticipando quello che sarà un cambiamento necessario in un’ottica, anche europea, di transizione digitale e orientata alla green economy”, ha dichiarato Matteo Ascheri, Presidente del Consorzio Barolo Barbaresco.

Come funziona la piattaforma digitale che tutela le colline piemontesi

Sviluppata da Tesisquare, azienda italiana specializzata nella progettazione e implementazione di ecosistemi digitali collaborativi a livello mondiale, Ecolog è una piattaforma digitale sulla quale le aziende vitivinicole possono inserire gli ordini e prenotare il ritiro della merce. Grazie al coordinamento con Sandri Trasporti, piccoli mezzi a basse emissioni, percorrendo il tragitto più breve possibile e sempre a pieno carico, ritirano gli ordini dalle cantine, convogliandoli in un hub fisico, da cui successivamente partono verso i mercati di destinazione.  In aggiunta, a mitigare l’impatto sull’ambiente, il progetto punta anche a facilitare la vendita ai turisti stranieri, permettendo alle cantine di inserire l’ordine dei visitatori esteri, espletando anche i passaggi fiscali e doganali necessari alla vendita diretta in cantina.

Sono già 28 le aziende vitivinicole che nei primi mesi del 2021 hanno deciso di aderire alla fase sperimentale di Ecolog che promette importanti risultati: per motivi di insaturazione e gestione non condivisa delle prenotazioni, i volumi gestiti attualmente sono gestiti da 30 mezzi al giorno, con Ecolog questo numero scende a 20; in totale i chilometri percorsi sul territorio da tutti i camion passano, in media, da 9000 km/gg a 5200 km/gg; la CO2 si riduce almeno del 40-50%, grazie alla riduzione del numero di camion e dei km percorsi, passando da circa 8 mln di grammi/gg di CO2 emessa a 4,5 mln grammi/gg di CO2 emessa, in caso di veicoli diesel.

“Per Tesisquare collaborazione di filiera e innovazione sono valori distintivi della cultura aziendale”, ha affermato Giuseppe Pacotto, CEO di Tesisquare. “Come partner tecnologico siamo consapevoli dell’importanza di promuovere modelli di business in grado di favorire la condivisione di informazioni e creare efficienza nei processi all’interno di filiere collaborative sempre più virtuose e sostenibili. Nel progetto Ecolog possiamo portare le competenze acquisite nei molteplici progetti collaborativi realizzati in Italia e all’estero. Inoltre è un’occasione per consolidare il profondo legame con il territorio cuneese, puntando a diminuire il traffico di mezzi pesanti, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 e la congestione generata da autotrasportatori che non conoscono la fragilità delle nostre strade”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

T
Tesisquare

Approfondimenti

E
emissioni
L
Logistica
P
Progetti green

Articolo 1 di 4