Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

digitalizzazione dei processi

TESISQUARE, il Circolo Virtuoso della Digital Supply Chain

Visibilità “end-to-end” e collaborazione: sono gli obiettivi che è possibile ottenere con la piattaforma SCM di TESISQUARE, che permette di gestire in modo efficace il ciclo “Source-to-Pay” abilitando nuove dinamiche nelle relazioni

09 Feb 2015

Redazione

La Digital Supply Chain abilita un’effettiva collaborazione con i fornitori e permette di disporre di una visibilità “end-to-end” dei dati, allineando i “flussi informativi” con i connessi “flussi merci” e garantendo che in ogni punto della catena vi sia un unico dato consistente in quanto aggiornato in modo appropriato e tempestivo.

Al fine di condividere e gestire il patrimonio informativo, con tutti gli attori della catena di fornitura, è importante introdurre piattaforme progettate con logiche di condivisione e acquisizione multicanale dei dati, di tracciatura delle versioni dei documenti scambiati, di gestione dei processi approvativi (Workflow) e di invii proattivi di solleciti e notifiche così da rendere possibile:

  • la gestione strutturata dello scambio dei documenti con i fornitori, diminuendo “contatti informali”;
  • la memorizzazione di tutte le modifiche che avvengono durante il processo di fornitura;
  • l’interazione con tutte le tipologie di fornitori, utilizzando strumenti di comunicazione differenti in base alle singole tipologie.

Queste funzionalità permettono di ottenere una visibilità ampia e granulare dei dati, in quanto gli stessi sono il risultato dell’integrazione dei flussi interni con quelli esterni in un unico modello-dati standardizzato e non solo della mera dematerializzazione dei documenti scambiati.

L’aggiornamento tempestivo delle informazioni migliora il grado di conoscenza delle prestazioni della “Supply Base”, dalla fase di sourcing, al procurement fino all’execution, mitigandone i rischi. La digitalizzazione di un processo così ampio e articolato spesso viene affrontata per fasi, sfruttando le caratteristiche di piattaforme modulari e scalabili, come TESI SCM, che permette di garantire la completa copertura del processo transazionale e, contemporaneamente, la possibilità di procedere progressivamente, senza introdurre frammentazione dei dati che potrebbe derivare, invece, dall’implementazione di software volti a informatizzare solo una singola fase del processo.

Le singole funzionalità della piattaforma vanno opportunamente “combinate” così da definire la propria strategia di “Digital Supply Chain” e raggiungere i benefici attesi in termini di ottimizzazione dei tempi e dei costi.

Gestione efficace del ciclo Source-to-Pay

I moduli di TESI SCM, di facile parametrizzazione, costituiscono una risposta all’esigenza di gestire in modo efficace il ciclo “Source-to-Pay” di servizi, beni diretti e indiretti, abilitando dinamiche di relazione caratterizzate da modelli di integrazione collaborativa.

Permettono, inoltre, di superare sia la gestione manuale dei dati, sincronizzando le transazioni attraverso strumenti di collaborazione multicanale, sia la difficoltà di mappare alcuni processi d’acquisto nei sistemi gestionali, con i quali sono integrabili, consentendo così la digitalizzazione dell’intero processo: dalla selezione del fornitore, agli acquisti, alla gestione dei contratti, fino alle fasi esecutive dell’ordine, legate allo scambio di piani di lavoro, documenti di trasporto e consegna e fatture.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4