Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Le proposte dell’Europa per appalti pubblici più digitali

La Commissione Europea ha fornito al Parlamento e al Consiglio Europeo un piano in linea con la strategia Europa 2020 per lo sviluppo di un’economia europea sostenibile basata sugli skill e l’innovazione

19 Gen 2012

La Commissione Europea ha fornito al Parlamento e al Consiglio Europeo una proposta di direttiva sul procurement pubblico.

La proposta è in linea con la strategia Europa 2020 per lo sviluppo di un’economia europea sostenibile basata sugli skill e l’innovazione.

In particolare, secondo l’analisi della Commissione, il procurement pubblico gioca un ruolo fondamentale nella strategia Europa 2020 nell’ottica di processi più efficienti e “green”.

La proposta ha due obiettivi principali:

  • Aumentare l’efficienza della spesa pubblica per assicurare i migliori acquisti. Il che implica una semplificazione dell’attuali regole di procurement comunitarie, con l’idea anche di facilitare la partecipazione delle PMI alle gare
  • Sensibilizzare le aziende nell’uso di strumenti green, con minimo impatto ambientale e riduzione dei consumi energetici

Nella proposta messa a punto dalla Commissione è interessante notare come la trasmissione elettronica sia la forma di comunicazione più citata in tutto il documento e  che solo come seconda scelta si può optare per il fax, la posta o il telefono.

Il documento enfatizza il concetto di “promozione dell’e-procurement”, sottolineando come l’uso di processi di transazione elettronica possa portare a significativi risparmi, aumento di efficienza e riduzione di errori.

Non solo, la proposta di direttiva richiede la trasmissione obbligatoria di note e documentazione di procurement  in formato elettronico e impone di passare a un totale scambio di comunicazione in digitale entro due anni.

La parola adesso passa al Parlamento Europeo e al Consiglio Europeo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5