Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Open Innovation

Gruppo Acea: il nuovo processo Acquisti per ingaggiare Startup e PMI innovative

Da giugno 2019, sul sito istituzionale della multiutility italiana, Startup e PMI innovative possono candidarsi per partecipare a gare per appalti in ambito “open innovation”. I capisaldi del progetto nato dalla collaborazione dei team di Carmelo Graceffa, Head of Innovation del Gruppo, e Lorenzo Bianchi, Chief Procurement & Logistics Officer

17 Ott 2019

Cristina Marengon*

Research Analyst, Osservatorio Startup Intelligence del Politecnico di Milano

Gruppo Acea si apre all’Open Innovation in ambito Acquisti. La multiutility italiana – quotata in Borsa nel 1999 e attiva nella gestione e nello sviluppo di reti e servizi nei business dell’acqua, dell’energia e dell’ambiente – ha adottato un modello d’acquisto in cui a quello tradizionale è stato affiancato un processo che consente l’ingaggio di Startup e PMI innovative.

Carmelo Graceffa

Head of Innovation, Gruppo Acea

Lorenzo Bianchi

Chief Procurement & Logistics Officer, Gruppo Acea

A dare vita al progetto sono stati Carmelo Graceffa, Head of Innovation del Gruppo, e Lorenzo Bianchi, Chief Procurement & Logistics Officer, che con il supporto dei loro team hanno introdotto un nuovo processo di qualifica e acquisto, che consente di avere un ridotto time to market e che tiene in considerazione la natura propria delle Startup e delle PMI Innovative. L’attenzione di Acea verso queste realtà, non fa altro che che rimarcare la volontà del Gruppo di giocare un ruolo da protagonista nella partita dell’Innovazione, individuando i possibili partner strategici per la riuscita di questo percorso.

Da giugno 2019, sul sito istituzionale del Gruppo Acea, Startup e PMI possono prendere visione dei criteri, verificare l’idoneità all’iscrizione ai diversi albi fornitori dedicati da Acea alle realtà dell’innovazione, e candidarsi per essere invitati a gare per affidamenti di contratti in ambito “open innovation” e/o essere invitati alle challenge che il Gruppo Acea vorrà organizzare su determinate necessità di innovazione.

Dopo aver analizzato lo stato dell’arte dell’innovazione all’interno del Gruppo Acea, è stato creato un modello di classificazione dei progetti innovativi e sono stati definiti i cluster rappresentativi. Partendo da questa categorizzazione sono state create delle nuove macro categorie di acquisto (gruppi merce), prevedendo una specifica sezione nell’attuale Sistema di Qualificazione di Acea (il sistema attraverso il quale Acea, in quanto appartenente ai “settori speciali”, può pre-qualificare i fornitori, per poi velocizzare il processo di acquisto, invitandoli alle relative gare).

Rispetto a questo tema, la vera novità è che ora è possibile qualificare i fornitori attraverso specifici requisiti, “inversi” rispetto a quelli solitamente utilizzati per le grandi imprese, come ad esempio il livello massimo di fatturato che deve avere una realtà innovativa o il numero massimo di anni trascorsi dalla costituzione, in modo da tenere in considerazione le specificità proprie di tali realtà. Le società iscritte possono quindi essere invitate in gare a loro riservate per lavorare a sperimentazioni di interesse per il Gruppo Acea. A completamento sono state anche istituite nuove modalità di selezione per acquisto al fine di sperimentare soluzioni innovative, come quella delle “challenge pubbliche” su specifiche tematiche innovative di interesse per il Gruppo.

Oltre a lavorare sui requisiti di qualificazione, dando la possibilità di collaborare con Acea in modo semplice e veloce, si è agito anche su elementi contrattuali, per ridurre ad esempio l’esposizione finanziaria delle Startup, che per sua stessa natura è solitamente una realtà imprenditoriale inizialmente povera di risorse proprie, anche e soprattutto economiche. Proprio in quest’ottica è stata prevista più flessibilità dei tempi di pagamento, riducendoli a soli 30 giorni per Startup e PMI innovative.

Con il nuovo processo di qualifica e acquisto, il Gruppo Acea afferma la sua volontà di giocare un ruolo da protagonista nella partita dell’Innovazione, identificando nelle Startup e nelle PMI innovative possibili partner strategici per la riuscita di questo percorso. Approfittiamo quindi per riportare il link con cui conoscere meglio i criteri e per verificare la propria idoneità all’iscrizione ai diversi albi fornitori dedicati da Acea alle realtà dell’innovazione, cliccare qui.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Gruppo Acea: il nuovo processo Acquisti per ingaggiare Startup e PMI innovative

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4