Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Case study

Geox, il nuovo portale che rivoluziona la gestione dei fornitori

Sviluppato insieme a BravoSolution, il progetto si è classificato tra i finalisti dei Digital360 Awards nella categoria “Soluzioni B2B (Fatturazione elettronica, acquisti e dematerializzazione)”. Con un unico strumento oggi l’azienda può avviare processi di prequalifica, audit e controllo sulle performance della supply chain, a tutto vantaggio dell’efficienza

02 Ago 2016

redazione

Garantire governance, efficienza, valorizzazione delle proprietà intellettuali e di altri asset intangibili, puntando allo stesso tempo alla riduzione del rischio e al controllo sulla coerenza delle attività di CSR (Corporate Social Responsibility). Per un’azienda come Geox, internazionale sul fronte delle vendite come su quello degli acquisti, riuscire a conciliare tutti questi obiettivi significava costruire un portale per la gestione dei fornitori che desse immediato riscontro su performance, qualità e condotta di ciascun supplier. La risposta è arrivata da BravoSolution (in basso l’intervista all’Account Director, Matteo Ambrosioni), che ha implementato la piattaforma BravoAdvantage calibrandola sulle specifiche esigenze del settore Fashion e dell’azienda. È nata così Geox Group Procurement, soluzione che attraverso un unico cruscotto multilingua e multicountry permette – anche a chi non possiede skill forti sul piano IT – di avviare processi di prequalifica, svolgere audit, monitorare e infine valutare l’andamento dei contratti e degli acquisti, generando anche piani di miglioramento che il fornitore deve seguire per rispettare gli standard richiesti da Geox. I risultati registrati dall’adozione della piattaforma? Circa mille dossier già disponibili sulle imprese partner, più di 200 gare svolte online e più di tremila contratti siglati online. Tutto questo ha portato alla dematerializzazione di oltre 16 mila documenti a disposizione di 150 utenti in tutto il gruppo, che si è distinto tra i finalisti dei Digital360 Awards nella categoria “Soluzioni B2B (Fatturazione elettronica, acquisti e dematerializzazione)“.

Articolo 1 di 5