Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Alle gare online partecipa il 7% delle imprese italiane

Secondo l’ultimo rapporto Istat sull’utilizzo delle tecnologie ICT nelle imprese italiane a utilizzare questo canale è solo il 7% delle società del Belpaese

23 Gen 2012

Secondo l’ultimo rapporto Istat sull’utilizzo delle tecnologie ICT nelle imprese italiane, il 7% delle società del Belpaese presenta offerte per gare di appalto online.

Fra le aziende più dinamiche troviamo le imprese attive nelle TLC (il 23,7% partecipa a gare online) e nella produzione di software e servizi informatici (19,6%).

Rimangono invece al palo le imprese manifatturiere (solo il 4% partecipa a gare di appalto online) e l’industria (6,9%).

La dimensione delle imprese incide profondamente nell’uso di questi strumenti: se il 16,7% delle imprese sopra i 250 dipendenti presenta offerta per gare di appalto online, questa percentuale scende ad appena il 6,6% per aziende con meno di 50 dipendenti. Il nanismo del tessuto imprenditoriale italiano sembra quindi rappresentare un grosso freno per una diffusione più capillare.

Va altresì detto che è di circa il 15% la percentuale delle imprese che comunque utilizza Internet per accedere alla documentazione e alle specifiche di gara messe a disposizione online dalla Pubblica Amministrazione.

Il 39% di queste partecipa alle procedure on-line con una propria offerta (eTendering), mentre il 61% decide di non intervenire.

Tra le imprese che partecipano alle gare on line per la PA, la quasi totalità si rivolge alle istituzioni nazionali. Ma non sono poche, soprattutto fra quelle di maggiori dimensioni, le aziende che si rivolgono a PA europee: il 16,7% delle aziende sopra i 250 dipendenti ha usato Internet per offrire i propri beni e servizi alle pubbliche amministrazioni europee.

L’utilizzo di Internet nelle varie fasi del processo di eProcurement

(valori percentuali, fonte: Istat)

Utilizzo di Internet per accedere a documentazione e specifiche di gara Utilizzo di Internet per offrire beni o servizi (eTendering) alla PA*
Ripartizioni geografiche e classi di addetti Totale di cui: imprese che offrono anche beni o servizi (eTendering ) alle PA di cui: imprese che non offrono anche beni o servizi (eTendering ) alle PA di cui: utilizzo di Internet sia per offrire beni o servizi (eTendering ) alla PA italiane di cui: utilizzo di Internet sia per offrire beni o servizi (eTendering ) alla PA di altri Paesi europei
Totale Italia 15,4 39,4 60,6 99,2 6,3
di cui:
Nord-ovest 13,2 44,7 55,3 98,9 6,5
Nord-est 11,7 39,3 60,7 99,1 5,4
Centro 19,0 38,0 62,0 99,5 3,9
Sud e Isole 19,9 35,3 64,7 99,5 9,0
10-49 14,4 38,8 61,2 99,6 4,3
50-99 21,2 35,9 64,1 96,9 16,7
100-249 24,5 48,3 51,7 97,7 12,9
250 e oltre 31,8 48,3 51,7 98,8 16,0

*Ciascuna impresa può offrire beni e servizi a diverse PA nazionali ed europee. Pertanto, la somma delle quote percentuali per riga può essere superiore a 100

Articolo 1 di 5