Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Videointerviste

Al via le nuove norme per gli acquisti dei comuni: ecco cosa cambia

Il supporto della tecnologia per la semplificazione dei processi di appalto pubblici.
Lo spiega Antonio Cappiello, Account Director BravoSolution

23 Lug 2014

Il decreto 66/2014 (detto Decreto “Irpef”), convertito con Legge 69/2014, intende ridurre le circa 32mila stazioni appaltanti attuali a poche decine di soggetti “aggregatori” e prevede che i Comuni non capoluogo possano effettuare acquisti solo attraverso questi nuovi enti o con accordi consortili. Un grande cambiamento che la tecnologia può aiutare a gestire al meglio e rapidamente.

Potrebbe interessarti anche Convegno di presentazione del 2° Rapporto “Come Appalta la PA”

Articolo 1 di 5