Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Procurement innovazione

Appalti innovativi, così il centro di competenza gestito da Agid supporta le PA

L’hub dell’Agenzia per l’Italia Digitale supporterà la Pubblica Amministrazione nella gestione dell’intero ciclo di esecuzione del procurement. L’iniziativa è in linea con quanto previsto dal Piano Triennale 2019-2021 e dall’accordo quadro per la crescita e la cittadinanza digitale verso gli obiettivi Europa 2020

03 Set 2019

Redazione

Agid, l’Agenzia per l’Italia Digitale, ha inaugurato il primo centro di competenza territoriale per il Procurement dell’innovazione. L’hub rientra, in pratica, tra le iniziative messe in campo da Agid che puntano a promuovere l’utilizzo degli appalti innovativi e a supportare le amministrazioni nella realizzazione di quanto previsto dal Piano Triennale 2019-21 e dall’accordo quadro per la crescita e la cittadinanza digitale verso gli obiettivi Europa 2020.

Previa richiesta, le PA potranno usufruire dei servizi del centro di competenza territoriale per gli appalti innovativi che si occupa di:

– supportare gli enti pubblici nella strategia e programmazione per gli appalti d’innovazione, da un lato definendo i requisiti e il piano operativo delle gare, e dall’altro realizzando le analisi preventive del fabbisogno d’innovazione. Tutto questo in coerenza con le raccomandazioni del Piano Triennale per l’ICT, al fine del “rafforzamento e qualificazione della domanda di innovazione della PA”;

– fornire servizi di innovation procurement brokerage, mettendo a disposizione delle PA il portale Appaltinnovativi.Gov, lo strumento messo a disposizione delle amministrazioni per dare visibilità dei loro fabbisogni di innovazione, favorendo la condivisione con le amministrazioni e il coinvolgimento di università, centri di ricerca e industria;

– erogare servizi di committenza ausiliaria per l’esecuzione degli appalti, per conto delle PA che ne facciano richiesta;

– contribuire alla formazione sugli appalti innovativi alle amministrazioni che intendano realizzare, in autonomia, tali procedure, supportando anche i programmi di capacity building delle amministrazioni in questa materia.

Il ruolo di Agid

In questo contesto, Agid è di fatto il gestore del centro di competenza territoriale per gli appalti innovativi, assume quindi il ruolo di “public innovation procurement broker” che:

  • supporta le amministrazioni nelle fasi di programmazione, promozione e attuazione di appalti di innovazione, in coerenza con le raccomandazioni del Piano Triennale per l’ICT, al fine del “rafforzamento e qualificazione della domanda di innovazione della PA”;
  • offre servizi per la formazione sugli appalti innovativi rivolti alle amministrazioni che intendano realizzare, in autonomia, tali procedure;
  • mette a disposizione la piattaforma Appaltinnovativi.Gov per il procurement d’innovazione con la quale realizza le attività di Innovation procurement brokerage verso il mercato;
  • offre servizi di committenza ausiliaria alle Pubbliche Amministrazioni, in termini di supporto amministrativo e tecnico per l’esecuzione degli appalti di innovazione.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4