Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Ricerca e innovazione, l’Europa boccia le imprese italiane

La Research Executive Agency boccia le aziende italiane. L’agenzia europea che per conto della Commissione gestisce i finanziamenti per ricerca e…

17 Mag 2012

La Research Executive Agency boccia le aziende italiane. L’agenzia europea che per conto della Commissione gestisce i finanziamenti per ricerca e innovazione non apprezza i progetti presentati dalle imprese della Penisola che in classifica fanno meglio solo di Lituania, Slovenia e Slovacchia. E il Portogallo ci supera di un pelo.

In ballo ci sono 1,4 miliardi di euro che diventeranno 1,6 il prossimo anno e, considerando l’intero settimo programma quadro, 6,4 miliardi destinato a progetti di tutti i settori produttivi.

Di sicuro non è un problema di quantità. Nel quarto bando “Ricerca per le Pmi” (budget di 204 milioni), i progetti italiani presentati e presi in considerazione dall’agenzia sono stati 784. Solo Spagna (1.163), Germania (799) e Regno Unito (1.002) ne hanno presentati di più.

Però fare i progetto non basta, la qualità delle proposte e il modo con cui vengono presentate, evidentemente è scarsa visto che i progetti italiani approvati e finanziati sono scesi a 111 con una percentuale di successo del 14,1%.

Pochino visto che la media europea è del 18,5% che è la media comunitaria e che Paesi come la Svezia arrivano al 26,3% e l’Irlanda al 23,8.

Ed è difficile consolarsi guardando ai soliti compagni di sventura come Spagna e Grecia che in questo caso viaggiano intorno al 16,8%.

La barriera linguistica e la qualità dei progetti che spesso non comprendono la collaborazione con le università solo le barriere principali che impediscono l’accesso ai finanziamenti comunitari.

Articolo 1 di 5