Focus

Ricerca e innovazione, l’Europa boccia le imprese italiane

La Research Executive Agency boccia le aziende italiane. L’agenzia europea che per conto della Commissione gestisce i finanziamenti per ricerca e…

Pubblicato il 17 Mag 2012

La Research Executive Agency boccia le aziende italiane. L’agenzia europea che per conto della Commissione gestisce i finanziamenti per ricerca e innovazione non apprezza i progetti presentati dalle imprese della Penisola che in classifica fanno meglio solo di Lituania, Slovenia e Slovacchia. E il Portogallo ci supera di un pelo.

In ballo ci sono 1,4 miliardi di euro che diventeranno 1,6 il prossimo anno e, considerando l’intero settimo programma quadro, 6,4 miliardi destinato a progetti di tutti i settori produttivi.

Di sicuro non è un problema di quantità. Nel quarto bando “Ricerca per le Pmi” (budget di 204 milioni), i progetti italiani presentati e presi in considerazione dall’agenzia sono stati 784. Solo Spagna (1.163), Germania (799) e Regno Unito (1.002) ne hanno presentati di più.

Però fare i progetto non basta, la qualità delle proposte e il modo con cui vengono presentate, evidentemente è scarsa visto che i progetti italiani approvati e finanziati sono scesi a 111 con una percentuale di successo del 14,1%.

Pochino visto che la media europea è del 18,5% che è la media comunitaria e che Paesi come la Svezia arrivano al 26,3% e l’Irlanda al 23,8.

Ed è difficile consolarsi guardando ai soliti compagni di sventura come Spagna e Grecia che in questo caso viaggiano intorno al 16,8%.

La barriera linguistica e la qualità dei progetti che spesso non comprendono la collaborazione con le università solo le barriere principali che impediscono l’accesso ai finanziamenti comunitari.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Canali
P
PMI
Argomenti trattati

Articolo 1 di 2