Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Quell’iniezione di ottimismo che arriva dalle medie imprese

Il quarto capitalismo delle medie imprese internazionalizzate barcolla, ma resiste. Secondo il rapporto annuale di Mediobanca-Unioncamere, la media impresa…

19 Apr 2012

Il quarto capitalismo delle medie imprese internazionalizzate
barcolla, ma resiste. Secondo il rapporto annuale di
Mediobanca-Unioncamere, la media impresa italiana
(con
un numero di dipendenti compreso tra 50 e 499 unità e un
fatturato tra 15 e 330 milioni di euro) nonostante le
dimensioni continua ad avere un importante spazio di mercato nei
diversi settori
.

Da questo punto di vista si rileva che la dimensione media è di
165 addetti (132 nel 2009) e quest'anno dovrebbe rimanere a
163 dipendenti.

Il confronto con le
grandi imprese

Dal tessile alla meccanica, dall'automotive
all'agroalimentare, fino ad aerospazio e aeronautica le medie
imprese riescono a competere con successo con gruppi di maggiori
dimensioni tanto che il loro margine industriale netto risulta
migliore.

Nel 2000 le medie imprese avevano un margine del 25,5%, quindici
punti in più di quello dei grandi gruppi.

Nel 2009 i punti di differenza sono diventati oltre 28: 19% per
le medie e -9,4% per le grandi. Nel 2010 si sono attestati a
quasi 17: 18,6% per le prime e 1,7% per le seconde.

Tutto questo nonostante una tassazione del 38,2%, sette punti in
più rispetto ai grandi gruppi, e problemi nell’accesso al
credito. Il 72% infatti mostra preoccupazione su questo fronte.

Nuovi investimenti
nel 34% dei casi

La domanda di credito comunque resta forte. Il 51% delle
medie imprese intende richiedere finanziamenti bancari nel primo
semestre del 2012
, per gestire le attività ordinarie
(43%) ma anche per realizzare nuovi investimenti (34,2%) o per
implementare quelli già avviati (11,2%).

In particolare, nel 2011 gli investimenti delle medie imprese
italiane si sono concentrate sui macchinari (72,7%), sulla
dotazione informatica (69,2%), su software e servizi informatici
(68,4%). Una tendenza che dovrebbe proseguire anche nel 2012.

Sempre secondo l’indagine, il 42,2% dei medi imprenditori
prevede che quest'anno il fatturato resterà stabile, il
35,3% in sensibile aumento (fino a +15% rispetto al 2011) e il
2,7% in forte incremento (oltre il 15% in più dell'anno
scorso).

Un’iniezione di ottimismo che arriva dopo i buoni risultati
del 2011. Per il 22,2% i ricavi sono rimasti stabili, il 40% ha
registrato sensibili aumenti e il 10,2% una forte crescita.

Quell’iniezione di ottimismo che arriva dalle medie imprese

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 5