Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Otto miliardi di euro per ridare fiato alle imprese

E’ il più importante stanziamento mai varato da Bruxelles. 8,1 miliardi di euro che servono a dare fiato alle imprese per reagire alla crisi a colpi di…

12 Lug 2012

E’ il più importante stanziamento mai varato da Bruxelles.
8,1 miliardi di euro che servono a dare fiato alle imprese per
reagire alla crisi a colpi di innovazione. Buona parte di questi
bandi, lanciati tra luglio e l’autunno sono infatti rivolti
alle aziende, riguardano dieci settori strategici e valgono 4,8
miliardi di euro. Per le piccole e medie imprese è
prevista una corsia preferenziale con 1,2 miliardi per favorire
il salto tecnologico
.

I bandi costituiscono una passerella verso Horizon 2020, il nuovo
programma di finanziamenti per la ricerca UE del periodo
2014-2020. La maggior parte degli inviti a presentare le
candidature ai finanziamenti è stata pubblicata il 10 luglio,
mentre alcuni inviti specifici saranno banditi in autunno.
Le PMI avranno a disposizione circa 970 milioni di euro
di finanziamenti
.

Altre misure comprendono un importo extra di 150 milioni a titolo
di garanzia per raccogliere 1 miliardo di euro di prestiti per le
PMI e le aziende di medie dimensioni (le imprese fino a 500
dipendenti). Il finanziamento di 8,1 miliardi di euro annunciato
oggi dovrebbe mobilitare un importo addizionale pari a 6 miliardi
di euro di investimenti pubblici e privati nella ricerca, e si
stima che nel breve termine accrescerà di 210.000 unità
l'occupazione e genererà, in un periodo di quindici anni, 75
miliardi di euro addizionali in termini di crescita.

I settori coperti dal finanziamento

I finanziamenti di 4,8 miliardi per l’innovazione
industriale puntano su dieci settori (salute, biotech, ICT con un
budget da 1,5 miliardi, nuovi materiali, energia, ambiente,
trasporti, scienze sociali, spazio e sicurezza). Poi sono
previsti 2,7 miliardi destinati a finanziare ricerche e borse di
studio per giovani cervelli e scienziati e altri 574 milioni
saranno destinati a potenziare le grandi infrastrutture della
ricerca o a crearne di nuove.

Per quanto riguarda la ricerca tematica innovativa sono previsti
155 milioni di euro per "Oceani del futuro", a sostegno
della crescita sostenibile nei settori marino e marittimo; circa
365 milioni di euro per tecnologie che trasformino le aree urbane
in "Città intelligenti e comunità intelligenti"; e
circa 147 milioni di euro per arginare la diffusione dei batteri
farmaco-resistenti e quasi 100 milioni di euro destinati al
reperimento di soluzioni innovative per la gestione delle acque
dolci.

Italia in ritardo nell’aggiudicarsi i
fondi

Il problema ora è aggiudicarsi questi soldi.
L’Italia è infatti tra i Paesi meno efficienti da
questo punto di vista
. Partecipiamo al bilancio
dell’Unione europea con il 13,4% dei finanziamenti, ma nel
settimo programma quadro ci siamo presi una fetta che corrisponde
all’8,43% con circa due miliardi. In pratica finanziamo
l’occupazione degli altri anche a causa delle carenze delle
aziende italiane nella presentazione dei progetti.

Secondo la Research executive agency, l’agenzia europea che
per conto della Commissione gestisce i finanziamenti per ricerca
e innovazione, le imprese della Penisola fanno meglio solo di
Lituania, Slovenia e Slovacchia. E il Portogallo ci supera di un
pelo. Nel quarto bando "Ricerca per le Pmi" (budget di
204 milioni), i progetti italiani presentati e presi in
considerazione dall'agenzia sono stati 784. Solo Spagna
(1.163), Germania (799) e Regno Unito (1.002) ne hanno presentati
di più. Quelli approvati sono stati però 111. La
barriera linguistica e la qualità dei progetti che spesso non
comprendono la collaborazione con le università solo le barriere
principali che impediscono l’accesso ai finanziamenti
comunitari
.

Articolo 1 di 5