Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Studi

La carta d'identità delle medie imprese in Europa

Buona solidità finanziaria, importante presenza nei distretti industriali e forte contributo delle attività manufacturing. Nelle aziende italiane pesa l’elevato carico fiscale. Lo studio di Confindustria, R&S-Mediobanca e Unioncamere

18 Apr 2013

Luigi Ferro

Se negli ultimi dieci anni le medie imprese italiane avessero avuto una tassazione più favorevole (pari a quella delle grandi imprese) oggi vanterebbero una solidità patrimoniale paragonabile a quella delle tedesche.

Così, con un po’ di rimpianto, si chiude il rapporto sulle “Medie imprese in Europa” frutto di una partnership tra Confindustria, R&S-Mediobanca e Unioncamere.

Lo studio che si avvale anche della collaborazione di importanti istituti in Francia, Spagna e Germania, prende in esame la ripartizione del fatturato delle medie aziende in base al settore produttivo.

Così in Francia l’alimentare pesa per il 30% sul PIL totale del paese, in Spagna vale il 31,3% e solo il 21,4% in Italia.

La potenza tedesca si rivela con il comparto della meccanica che vale il 45% del PIL seguita a grande distanza dall’Italia con il 31%.

Il made in Italy rappresenta il 62% delle vendite delle nostre medie imprese. Quanto al valore aggiunto, che misura la ricchezza prodotta, il contributo delle attività meccaniche è ancora più evidente, raggiungendo il 51% in Germania, il 38% in Italia, il 35% in Francia e il 29% in Spagna ove si registrano gli apporti rilevanti dei beni per la persona e la casa (15%) e dell’alimentare (24%). Si tratta di due settori importanti anche in Italia, con un’incidenza prossima al 36%, mentre essi contribuiscono per poco più del 31% in Francia e per il 19% in Germania.


Organizzazione per distretti industriali
In generale le medie imprese fanno parte spesso di aree territoriali specializzate (poli di competitività in Francia, distretti e aree di grande impresa in Spagna ed Italia e aree di grande impresa in Germania). In Francia il 41% di queste aziende ha la propria sede nei poli, in Italia il 66% si colloca in aree distrettuali e in Spagna il 40%. In Germania non esiste un sistema di distretti codificato.

L’orientamento produttivo ne spiega anche il diverso contenuto tecnologico.

La fascia alta e medio-alta della tecnologia rappresenta il 41% circa del fatturato delle medie imprese tedesche; le italiane esprimono, sotto questo profilo, un contenuto lievemente superiore alle francesi (29% contro 28%) mentre le spagnole si fermano al 23%.


La media dimensione funziona bene per il manufacturing
L’analisi dei dati economici conferma che la media dimensione rappresenta una fascia di grande efficienza della manifattura: le imprese tedesche primeggiano per produttività (valore aggiunto netto per addetto pari a 56.900 euro, contro 53.300 euro per l’Italia, 52.100 euro per la Francia e 47.900 euro per la Spagna), quelle italiane e spagnole per profittabilità (margine operativo netto sul valore aggiunto pari al 19% in Spagna e Italia e 15% in Germania e in Francia).

Il costo del lavoro pro-capite più elevato è in Germania (46.700 euro per addetto, contro 43.600 euro in Francia, 39.600 euro in Italia e 36.800 euro in Spagna).


Buona la solidità finanziaria
Per quanto riguarda la struttura finanziaria, le medie imprese mostrano una certa robustezza con mezzi propri che eccedono gli immobilizzi e un attivo corrente netto superiore ai debiti finanziari a breve termine. Si tratta di un assetto che conferisce a queste imprese un grado di resistenza alla crisi superiore a quello delle imprese di maggiori dimensioni.

La solidità finanziaria delle medie imprese è massima in Germania (76% sono investment grade), equivalente in Francia e Spagna (69% investment grade) un po’ inferiore in Italia (57% investment grade che sarebbe diventato il 78 se la tassazione fosse stata pari a quella delle grandi imprese).

Il trattamento fiscale è omogeneo in Spagna e Francia (tax rate al 24% circa), leggermente più elevato in Germania (27%), penalizzante in Italia (38%).

Articolo 1 di 4