Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Industria 4.0

Additive manufacturing, le stampanti 3D made in Italy di Roboze

La startup barese, guidata da un imprenditore ventisettenne, punta su stampanti 3D entry-level ad alta precisione e in grado di trattare super-polimeri, ma accessibili anche alle piccole e medie imprese. Tra i clienti ha General Electric, Airbus e Dallara, e ha appena aperto un ufficio a Chicago

20 Feb 2018

Uno dei 6 pilastri tecnologici di Industria 4.0 è la Stampa 3D per il manifatturiero, o Additive Manufacturing: un settore in forte ascesa di cui abbiamo parlato diverse volte ultimamente, per esempio in questo articolo che calcola i costi di produzione quando si usa la stampa 3D, e in questo che ne approfondisce gli impatti sulla Logistica. È un mercato ancora molto fluido e nelle fasi iniziali, e anche nel suo comparto hardware accanto ai classici colossi globali ci sono diverse startup che si sono create nicchie promettenti. Una è l’italiana Roboze, produttore di stampanti 3D nato 3 anni fa a Bari con il dichiarato intento di sfatare i luoghi comuni sul Meridione italiano, come spiega l’imprenditore e CEO, Alessio Lorusso, 27 anni.

Roboze non si concentra sull’ambito applicativo più diffuso attualmente per l’Additive Manufacturing, cioè la prototipazione rapida. Si concentra invece sulla prototipazione funzionale, e soprattutto alla produzione di parti finite con materiali super performanti (super-polimeri) sostitutivi dei metalli. L’obiettivo è rendere accessibili anche alle piccole e medie imprese (PMI) soluzioni avanzate finora disponibili solo a grandi imprese e multinazionali.

Un esempio è il prodotto principale di Roboze, la stampante One+400, che punta su due elementi di differenziazione. Il primo è l’alto livello di precisione meccanica e di ripetibilità, inedito per i sistemi di stampa 3D FFF (Fabbricazione a Fusione di Filamento), grazie a un sistema di movimentazione brevettato che non utilizza cinghie di trascinamento. Il secondo è la possibilità di stampare materiali altamente viscosi, finora trattabili solo con tecnologie di stampa 3D molto meno accessibili. Una caratteristica che apre alle PMI l’accesso a materiali di alto grado ingegneristico, come i “super-polimeri” PEEK e PEI, con caratteristiche più vicine ai metalli leggeri che alle plastiche, appunto per la sostituzione dei metalli o per la produzione di pezzi finiti custom.

La stampante One+400, spiega Roboze, è stata adottata per applicazioni aerospaziali, di difesa e di motorsport da operatori globali come GE Global Research, Airbus, Elbyt System, Mecaer Aviation Group, Bosch, e anche da Dallara e CNH Industrial. L’azienda ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il Premio «Imprese X Innovazione – Andrea Pininfarina» da Confindustria, e la selezione tra i progetti più promettenti di Hello Tomorrow, organizzazione no-profit di trasferimento tecnologico che ha nella sua giuria Google X, Michelin, Airbus, L’Oreal, Solvay. Mentre Lorusso è stato inserito da Forbes tra i 30 talenti Under 30 del settore Industry per il 2018.

La più recente mossa nella strategia di crescita di Roboze è l’apertura di un ufficio negli USA, a Naperville presso Chicago, zona di consolidata tradizione industriale. Al momento, spiega la società, l’ufficio ospita una stampante modello Roboze One, che sarà utilizzata per dimostrazioni, seminari, formazione e produzione di parti. «L’apertura di una nuova sede nel cuore dell’area metropolitana di Chicago è la nostra risposta alla forte richiesta, da parte del mercato statunitense, di una soluzione di alta qualità per la produzione di parti con metodi di manifattura additiva con materiali innovativi e dalle prestazioni straordinarie, come i polimeri Roboze», dichiara in un comunicato il CEO & Founder Alessio Lorusso.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4